domenica 21 aprile 2019

BUONA PASQUA

Con l'augurio che sia per tutti voi una Pasqua colorata e profumata,
un abbraccio ed un bacio.
Grazie dell'amicizia e della pazienza!
Patricia 

ps a domani per il riepilogo di Verseggiando!





                                          






sabato 20 aprile 2019

INSIEME RACCONTIAMO 44

              INSIEME RACCONTIAMO 44
 
#fareblogging
#racconti
#insiemeraccontiamo

 .
Per un pelo ho rischiato di farvi il pesce di aprile  in ritardo :) Sono infatti molto in ritardo rispetto al solito a preparare l'incipit per il nostro giochetto.
Questa volta non è nemmeno programmato. Lo sto proprio scrivendo ora perchè.... confesso che non avevo idee. Poi....
Ma bando alle ciance!
L'incipit è quello che è ma voi così bravi che qualcosa di speciale riuscirete lo stesso a tirare fuori.
Colgo l'occasione per augurarvi una splendida vigilia di Pasqua. 


Il mio incipit

L’avrebbe salutata e poi le avrebbe detto di stendersi sul lettino e di iniziare a fare qualche esercizio di rilassamento. Le solite palle. Dopo di che avrebbe cominciato col domandare come era trascorsa la settimana. Capirai in sette giorni cosa poteva essere successo di così eccezionale.
Infine…. “E adesso mi dica una cosa,….”
Patricia


 

venerdì 19 aprile 2019

E' tutto un lavoro

E' tutto un lavoro, la vita.
C'è chi pulisce stalle e chi invece si bea di profumo. 
Patricia

ps la vedete l'ape sul mio glicine?

giovedì 18 aprile 2019

108

Treman le mani
sulla serica pelle;
sol una foto.
Patricia 

 https://pixabay.com/photos/rosa-flower-park-orange-earth-111380/

mercoledì 17 aprile 2019

La caverna

La caverna
di Josè Saramago
Editore Feltrinelli (2016)
Traduttore R. Desti




                                           COPERTINA QUI


Josè Saramago è un grande! Con uno stile tutto suo, con un tratteggio dei personaggi, delle situazioni, dei luoghi sa rendere giustizia a chi giustizia non sempre ha.
Parlo della fascia meno protetta, i più deboli. Quelli che sono costretti a soccombere di fronte allo strapotere di chi gestisce interessi economici, professionali, vita di chi vive sui gradini bassi.

Questa “caverna”, il cosiddetto Centro, perché centro del piccolo mondo descritto nel libro, di ogni attività economica e finanziaria, è un emblema negativo. simbolo di un capitalismo bieco che dimentica l'essere umano come tale. 
E’ lo strapotere appunto di una globalizzazione che si assume l’onere ma soprattutto si arroga il diritto di decidere per tutti. 
Per chi vive fuori da esso le decisioni riguardano le merci prodotte e che lo stesso centro dovrebbe acquistare. Per chi invece ci vive si tratta di comportarsi da automi, lavorare e divertirsi con i falsi mondi che sono stati allestiti all’interno per dare una parvenza di libertà di scelta alle persone. 
 
Ma la libertà è fasulla perché tutti questi parchi divertimenti sono reali miraggi di un mondo sognato e non vissuto. Di un mondo passato e che non tornerà. Appunto una libertà solo apparente.

Cipriano Algor, sua figlia Marta sono due vittime del centro. Il vasellame di ceramica che l’anziano ha sempre prodotto e venduto, senza preavviso non sarà più acquistato ma andrà distrutto (di nascosto, ovviamente perchè severamente vietato).
Marḉal, il genero, diventando guardiano con diritto di residenza del centro, li porterà entrambi con sé, in un piccolo alloggetto con le finestre bloccate, lontano dalla loro casa e dalla fornace ormai spenta definitivamente.

Ed ecco i veri eroi della storia. Cipriano, Marta, Marḉal, Isaura la vicina di casa e innamorata di Cipriano e il cane Trovato sono coloro che paiono arrendersi ad un futuro prestabilito dove tutto è già deciso e sicuro in partenza. Ma sempre con il dubbio interiore che qualcosa di sbagliato ci sia.

Sarà proprio Cipriano Algor a trovare questa falla, questa imperfezione in un quadro all’apparenza perfetto e insieme a figlia genero Isaura e Trovato, farà una scelta definitiva che li libererà dal predominio del potere. Rendendoli forse vittime della fame per mancanza di lavoro ma di sicuro mantenendo integra la loro dignità.

La vittoria dei veri valori su quelli su quelli considerati di maggior importanza solo da chi tiene in mano le redini del mondo.

Al solito, non è una lettura semplicissima questa di Saramago che scrive con uno stile tutto particolare, una punteggiatura personale ma è di grande impatto.
Quasi una denuncia sociale che incita a vedere oltre alle parole con cui certo potere ci bombarda. Oltre alla perfezione che è solo presunta perché in se stessa la perfezione non esiste.

Un manifesto contro quel capitalismo, quella globalizzazione che rende più ricchi  ricchi, più potenti i potenti e più miseri i miseri.
Patricia

martedì 16 aprile 2019

Possible/Impossible

Dicono che tra il possibile e l'impossibile ci sia il volere.
Dicono anche che volere sia potere.
Ok... allora per cortesia, sacchetto per la munnezza, scopa e paletta. 
In giro nella mia vita ci sono troppi intralci di cui vorrei sbarazzarmi. :)
Patricia





                                https://pixabay.com/photos/street-sign-note-direction-possible-141396/

lunedì 15 aprile 2019

Gli amici di Myrtilla scrivono 56

RICORDO CHE LE POESIE PUBBLICATE SOTTO QUESTA ETICHETTA SONO DI ESCLUSIVA PROPRIETÀ DEGLI AUTORI. 
IO LE POSTO DIETRO LORO AUTORIZZAZIONE.
L'USO NE È VIETATO SENZA IL LORO BENEPLACITO.

A questo mio POST hanno aggiunto i loro haiku

SINFOROSA CASTORO
 Respiro sale
E profumo di mare
Mi sento viva.

SINFOROSA CASTORO

 SFINGE
 Mi sento viva
in attesa,
aspirando nell'aria
goccioline salate

SFINGE


VINCENZO IACOPONI MALAVISI
E io respiro
il salmastro da scoglio
imperituro.
VINCENZO IACOPONI MALAVISI 



MARINETTA
 Respiro sale;
così,goccia scivola
piano sul viso

MARINETTA

A questo mio POST risponde
 VINCENZO IACOPONI MALAVISI

Lavoro lieto
se sei nudo in un campo
con la tua donna nuda.

VINCENZO IACOPONI MALAVISI