sabato 12 giugno 2021

Non c'è giorno

Alzo il viso al cielo
Mescolo le mie lacrime
a quelle di Zeus 
Voglio continuare a credere
nell'uomo
ma l'uomo mi ferisce
con i suoi malumori
con i suoi delitti.
 
Non c'è giorno
che notizie di morte
non mi assalgano come Unni
Non c'è giorno
senza strage di lavoro
senza morti bianche
Non c'è giorno
senza donne stuprate e uccise
senza bambini venduti e violentati
 
Non c'è giorno
Solo rabbia
Patricia 
 
                             https://pixabay.com/photos/gothic-fantasy-dark-dark-angel-1629448/
 

 

venerdì 11 giugno 2021

Banana Yoshimoto

 Arcobaleno,
Universale Economica Feltrinelli 2002
Trad. A.G. Gerevini
 
L'ultima amante di Hachiko
Universale Economica Feltrinelli 2008
Trad. A.G. Gerevini
 
Andromeda Heights
Universale Economica Feltrinelli 2002
Trad. Gala Maria Follaco
 
Il dolore, le ombre, la magia
Universale Economica Feltrinelli 2004
Trad. Gala Maria Follaco
 
Sly
Universale Economica Feltrinelli 1996
Trad. A. G. Gerevini
 
https://www.ibs.it/sly-libro-banana-yoshimoto/e/9788807815751
 




















 
Perdersi nelle atmosfere di Banana Yoshimoto non è affatto difficile. Sono eccellenti rappresentazioni di un mondo poetico, soave, quasi magico.
I suoi libri hanno tutti gli stessi temi conduttori: la morte, l'abbandono, la solitudine, l'amore...  
In ogni libro però, son trattati diversamente anche se sempre con semplicità e profondità, dolcezza e malinconia, struggimento e levità.

Anche di fronte ad una morte, il lettore pur diventando triste non è mai sopraffatto dalla disperazione. Sembra quasi che colga l'input della protagonista e amministri questo dolore con pacatezza.
Come se la visione della morte del popolo nipponico fosse "contagioso" e ci rivelasse un nuovo modo di affrontarla. Che con gli anni ci sarà rimedio ad essa e in questo rimedio e nella sua pace ci si incontrerà di nuovo.

Dai libri di Banana trasparisce anche forte l'amore per la natura, il forte legame dei giapponesi con la loro terra. E quando lei ci parla di una nuvola pare di vederla... quando parla del vento si sente la sua brezza sul viso.

Altro forte legame è  la famiglia, soprattutto in linea femminile, mamme e nonne che son sempre personaggi forte e teneri. Importanti.
Ho l'impressione  che queste figure abbiano realmente segnato ed insegnato molto all'autrice perchè dalle sue parole si rivela un amore profondo e i ricordi, anche se tristi, liberano un dolce sorriso.
La adoro!
Patricia
 

giovedì 10 giugno 2021

Felicità 2

Tornando al mio POST del 7giugno sulla felicità, vi confesso una cosa.
Ho scritto quella frase

La felicità è una filosofia di vita.
Sta a noi scegliere se essere felici  o soffrire.
 
per vedere la vostra reazione.
Ne sono stata contentissima!
Anche se non eravate d'accordo, lo avete dichiarato senza maleducazione o prepotenza.
Scusate se vi ho usato da cavie ma ho voluto dimostrare ad una certa persona che si può anche fare blogging civilmente.

Ma lasciamo perdere le polemiche.

Il significato che davo io a quella frase era... è che felicità o tristezza non possono essere per sempre.
E' che anche nel momento peggiore, anche quando pare che tutto vada a catafascio, può sempre esserci un qualcosa che per un momento ti fa sorridere e provare felicità.
Che la cosa importante è riuscire a vedere questo momento e appropriarsene con grande egoismo che poi egoismo non è. E' sopravvivenza.

Quando morì mio padre nel 1986 mi disperai e piansi. Ma oltre alla stanchezza di quei mesi lunghissimi, alla disperazione di non poter fare niente per lui, al senso di abbandono, una vocina dentro di me diceva "ma ora non soffre più!".
E se non è stata felicità vera e propria è stata un sollievo sentirla. Che  poi spesso, sollievo e felicità vanno a braccetto. 

Quando nel 1996 mi dissero che avevo il cancro e che prima dell'intervento dovevo fare dodici cicli di chemio perchè altrimenti l'intervento non sarebbe servito e non mi garantivano comunque la buona riuscita di questa chemio, guardare mio marito e mia figlia era la mia felicità.
Così come lo era sapere che gli esami andavano bene anche se sapevo già che il giorno dopo sarei stata male.

Ma parlando di cose più frivole, anche se ora ho ancora la casa a pezzi, cassetti sulle scale, zucchero e pasta in camera da letto; anche se mio marito che non è falegname ora sta tagliando e modificando il mobile e ci sono colla e viti ovunque, oltre agli attrezzi e al caos, è felicità sapere cosa sta facendo per me. 
E' felicità sognarmi la cucina finita e vederla sistemata.


In fondo per essere felici cosa ci vuole? Non parliamo di ferie di sei mesi, di Maldive o di vincere al gratta e vinci. 
Parliamo di cose molto più semplici. Molto più terra a terra.
E' saper godere di quelle piccole immense cose che ogni giorno la vita ci presenta in mezzo ad un mare di guai. 
E' riuscire a scorgerle e a goderne.
Senza pretendere l'impossibile.
Bacio a tutti
Patricia

mercoledì 9 giugno 2021

Tanti Canguri

Ieri è partito VERSEGGIANDO con un giorno di anticipo e vi ho detto che oggi avreste capito il perchè.
Ve lo spiego?
Ma semplicemente perchè oggi è la 
 
              GIORNATA MONDIALE DELLE PATRICIE!

"Sarebbe a dire?" vi sento chiedere.

Fate conto che sia il genetliaco di una qualche regina/queen/reine/reina.... cosa volete.
Son modesta vero?
Eh, lo so! E' una dote innata in me ahahhahaahhahahahaha
Infatti....
 
 
Peccato però che la suddetta madama regina oggi diventi vecchia!
No! No! Sia chiaro io oggi non compio gli anni. O meglio, per la undicesima volta ne compio 49!!!
Perchè ovviamente io come quiiiin posso fare ciò che voglio.
Guardate un po' la Elisabeth.... di pastello vestita ma incollata col cu.ore sullo scranno.

Ok, fanciulli! Sparita la follia giovanile è arrivata la demenza senile.
Portate pasiensa!!!!!
Intanto....

                    https://pixabay.com/illustrations/postcard-flowers-bouquet-frame-1529121/


 

Tanti canguri a me!!!!!!
Vi adoro!
Patricia
 
ps e con questo post mi sono giocata la poca credibilità che avevo ahhahahahahahahhahahahahahahah

martedì 8 giugno 2021

VERSEGGIANDO 41

                   VERSEGGIANDO 41

Cari amici,
come vedete, faccio partire VERSEGGIANDO  un giorno prima e domani capirete il perchè.
Comunque non dovete lamentarvi eh... vi lascio un giorno in più per scrivere le vostre opere.
Siccome sono decisamente rimbambita, se qualcuno di voi me le avesse fornite nei post precedenti, me lo ricordi e le useremo il mese prossimo.
 
Ma ecco le parole con cui giocare.
 
LIBERTA'
MOVIMENTO
SERENITA'
INDISPONENTE
SOBRIETA'
 
Buon poetare a tutti!
Patricia

lunedì 7 giugno 2021

Felicità

La felicità è una filosofia di vita.
Sta a noi scegliere se essere felici  o soffrire.
Patricia 
 
                                                    https://pixabay.com/photos/sunflowers-field-woman-yellow-3640938/
 

 

domenica 6 giugno 2021

6 giugno

Quella mattina si alzò felice.
Il calendario riportava  la sua data preferita. Quella tanto attesa.
L'incontro... finalmente ci sarebbe stato l'incontro!
Avrebbe incontrato il diavolo. Sperò anche che fosse un diavolaccio, di quelli goderecci.
"Presente sex drag and rock and roll?".
Si vestì con cura indossando il costume che aveva scelto per l'occasione. Sopra ci mise uno spolverino leggero per nasconderlo e partì.
Quando giunse alla villetta fuori città vide che era tutto pronto per la festa. La porta aperta, le tavole imbandite di ogni ben di Dio e gente in costume che chiacchierava col calice di champagne in mano.
Prometteva bene. 
 
Ad attenderla, l'amico conosciuto in rete. Occhi neri, capelli corvini. Vestito da diavolo...
 " Che la festa abbia inizio" disse l'uomo accogliendola.
Subito fu colpita da una vampata di calore infernale. Soggiogata dagli occhi glaciali dell'uomo non potè più reagire.
Tutti si fecero intorno a lei toccandola con mani roventi.
Poi sprofondò nella voragine fiammeggiante che si era aperta sotto ai suoi piedi.
"Doveva essere una festa in maschera" pensò mentre gli altri perse le sembianze umane la seguivano. 
Patricia 
 
                                 https://pixabay.com/vectors/devil-icons-matt-smiley-symbol-1294458/