giovedì 23 marzo 2017

Nel caffè della gioventù perduta

Dal blog di KLY iniziativa   
M 25 SFIDA ALL'ULTIMA PAGINA 2017


Nel caffè della gioventù perduta
di Patrick Modiano
Einaudi (2007)




Vite vissute o non vissute? Vite che si nutono di ricordi anche se i ricordi sono fallaci e possono trarre in inganno? Vite perdute, usando l’aggettivo del titolo, perché hanno necessità di qualcosa che non hanno trovato?
In questo piccolo libro di Modiano, quattro personaggi diversi narrano una stessa storia ma ognuno di loro la ricorda in modo personale.
Quattro protagonisti ma l’attrice principale è sfuggente. E’ la vita in generale ma anche la loro che si intreccia, si lega e si slega intorno alla ricerca di un qualcosa che possa dar sicurezza.
A tutti mancano dei punti fermi, quel qualcosa che dia loro serenità.
Soprattutto a Louki, che è poi la persona intorno a cui gira il romanzo. La sua presenza-assenza fa di questo libro un viaggio in una Parigi onirica, tra vie e piazze e metrò e incontri vari tra il cafè Condè e camere d’albergo.
Tra aspiranti scrittori, gente che tira a campare, medici, tutti sono alla ricerca di una stabilità che sembra introvabile.
C’è chi si ingegna a tenere la contabilità di ogni ingresso ed uscita dal Condè con nome, cognome del cliente e durata della visita. C’è chi si accontenta di amare malinconicamente.
Tema centrale è comunque il disagio psicologico di Louki, vero nome Jacqueline Delanque in Choureau, che la porta ad essere osservatrice passiva della sua vita. In balia di ricordi che la portano al gesto estremo.

E’ un romanzo scritto in modo particolare. Una storia narrata a più voci dai protagonisti, ognuno con la sua personale visione delle vicende di Louki. Una storia pervasa da una forte vena malinconica, mai stucchevole ma persistente.
La gioventù perduta…. Quella di Louki che se ne libera non riuscendo a trovare uno scoglio saldo a cui appigliarsi nella sua bufera emotiva e quella degli altri personaggi che narrano la storia negli anni successivi quando ormai giovani più non sono.

E’ il primo libro di Modiano che leggo ma devo dire che l’ho trovato interessante. Ho scoperto una scrittura potente anche se non complicata. Una scrittura senza fronzoli eccessivi.

mercoledì 22 marzo 2017

Pillola 5


Guardò l’esserino indifeso che strillava a squarciagola. 
“Ti salverò, tranquillo!” pensò e si chinò a raccogliere il piccolissimo riccio per portarlo in casa.
Myrtilla






ps successe una decina di anni fa. Macchia visse con noi nel trasportino dei gatti per tutto l'inverno. Poi lo liberammo.
Era così piccolo  quando lo trovai che non pungeva nemmeno :)

Sparirà il sole


Sparirà il sole.

Arriverà la pioggia
e
il mio  cuore senza ombrello
si infradicerà fino all’ultima cellula
e si gonfierà come nube temporalesca
pronta ad esplodere.

Tornerà il sole
e a più miti tepori
si crogiolerà.

La chiamano vita.
Myrtilla

martedì 21 marzo 2017

Senza parole, solo colore

Da casa mia la sera del 19 marzo
Myrtilla









#lodicocoifiori 6

#lodicocoifiori

con questo post https://accidentaccio.blogspot.it/2017/03/io-lo-dico-con-i-fiori-e-voi.html ha lanciato un’iniziativa carinissima e moooolto primaverile.

Io lo dico coi fiori e voi?


I sogni ad occhi aperti sono come i cespugli in inverno. Hanno necessità di tempo, sole e cure per fiorire
Myrtilla


ESPERIMENTO 313: RITA GARGAGLIONE


R osa
I talica,
T rattieni
A nsia;
G ioisci
A lla
R ugiada;
G radisci
A morevole
G ioco
L anguido;
I ndimenticabili
O gni
N otte
E terneranno


Grazie,, Myrtilla

lunedì 20 marzo 2017

#lodicocoifiori 5


#lodicocoifiori

con questo post https://accidentaccio.blogspot.it/2017/03/io-lo-dico-con-i-fiori-e-voi.html ha lanciato un’iniziativa carinissima e moooolto primaverile.

Io lo dico coi fiori e voi?



Ogni sogno finisce al risveglio.

Sta a te renderlo vivo!