domenica 16 dicembre 2012

Zorba il greco


Libro appassionato, di fede nell'uomo e nell'amicizia, nelle sue capacità. La vita vista e vissuta attraverso gli occhi e il cuore di un bambino di settant'anni. Un uomo a suo modo onesto e innocente e sincero, sempre passionale in ogni cosa. E vivace, capace della più spicciola filosofia dettata dall'amore per l'esistenza, per le donne. Per l'uomo come essere umano in generale. Capace di godere delle più piccole cose che per Zorba diventano immense: vino, cibo, musica, amore, sesso. E i sogni. Zorba sa nel suo intimo che senza sogni l'uomo non vive e li rincorre con la gioia di un bimbo che insegue un pallone. Affronta la vita a testa alta, capace di ridere e piangere e fantasticare tanto da rendere reali i suoi sogni, attuabili o no.
Zorba, che dall'alto della sua immensa capacità di respirare giorno per giorno la vita e le sue gioie e i suoi dolori, scuote il suo padrone dal torpore di una vita immersa solamente nei libri e gli insegna che la vita è anche altro. E' un brigante, un vecchio saggio, che vive di memorie e ricordi e dai quali ha imparato molto ma che riesce ad affiancarli all'oggi per non vivere di rimpianti.
Vedere la vita coi suoi occhi servirebbe a molti. Toglierebbe quei paraocchi che gli accadimenti dell'esistenza sovente incollano sui nostri volti.

Nessun commento:

Posta un commento