venerdì 11 gennaio 2013

Il venerdì delle ragazze


Era il loro solito venerdì. Il venerdì delle ragazze. La serata di libertà che si prendevano quando i loro fidanzati andavano a giocare a calcio e poi al bar a discutere della partita per ore. Venerdì sera perchè il sabato era riservato alle coppie e nessuno poteva o doveva separarle.
Quella era la serata pazza in cui quella scatenata di Carola inventava sempre qualche novità per divertirsi insieme. Visione di film porno, prove di cucina thailandese... cose così... folli, appunto.
Non aveva troppa voglia di partecipare ma dire di no non poteva. Troppe domande. Poi le avrebbe fatto bene... Così era andata e quando aveva suonato il campanello era venuta ad aprirle Alda, la terza del trio. Alta, bionda, magrissima.... e già brilla
Ehi...sei in ritardo... - questo era stato il benvenuto. - Noi abbiamo già iniziato.... Carola mi stava raccontando... - e via così. Un fiume in piena di parole. Lei e Sergio... Carola e Piero....Difficile interromperla.
Intanto le era venuta incontro anche la bruna, piccola, formosetta Carola. Leggermente brilla pure lei.
Erano amiche da una vita, come si suol dire. Come se, a venticinque anni, la vita corresse su un percorso quasi finito. Mai un litigio in dieci anni. Solo un po' di maretta quando Matteo aveva scelto lei mentre Carola gli perdeva letteralmente gli occhi dietro. Una settimana... quindici giorni di muso lungo che poi si era trasformato in un sonoro “non me ne frega più niente” quando aveva incontrato il suo nuovo ragazzo. Quello attuale.
Avevano parlato un po', soprattutto le altre due, di tutto ma specialmente dei fidanzati, di quanto erano state fortunate... ottimi lavori, regali, vacanze insieme, coccole.... libertà.... e poi Matteo era un imprenditore, lavorava in proprio, girava col Mercedes... e a Natale le aveva regalato quell'anello da favola... Avevano parlato fino a quando a Carola era venuta l'ideona.
Ho in mente un gioco nuovo per stasera.... ci sarà da morire dal ridere... adesso ci sediamo sul tappeto e poi....” Inutile fermarla. Altro fiume in piena.
Si erano sedute sul tappeto ai piedi del divano, bicchieri in mano e ciotole di popcorn, salatini e cioccolatini in mezzo a loro.
Allora... il gioco è questo... partiamo dalla A e diciamo una parola, la prima che ci viene in mente e ognuna di noi dice cosa ne pensa...
Ma dai! Hai inventato di meglio....
Aspetta.... fammi finire.... possiamo dire quello che vogliamo... qualsiasi cosa ci passi per la testa....
Tutto?
Tutto!
E il gioco era partito. A B C D... per ogni lettera una parola ed era veramente venuto fuori di tutto. Scemate. Cose orrende del tipo.... “B...bacio. Cosa è per voi il bacio?”
Uhm! Una cosa brutta e bella... “
Ma non può essere... o è bello o è brutto...”
E chi te lo dice? Dipende da chi te lo dà...”
Oppure... “ O.... vediamo... Orgasmo...”
Che è? “ aveva chiesto Alda.
Quella cosa che ti fa fare ahhhh ahhhh... “ e giù a ridere.
Il paradiso!” aveva gorgheggiato la bionda.
No! Di più! “ era stata la battuta di Carola. “ E per te?” le aveva poi chiesto.
Latitanza..... da un po'... latita...” aveva risposto.
Ma figurati! Ma se Matteo è uno stallone.....”
E così fino alla lettera P. P di paura.
Comincio io.... . - aveva detto Alda che si era lanciata all'attacco dei cioccolatini. “ La paura è un gatto. Tu lo accarezzi e lui, quando meno te lo aspetti, ti graffia...”
No! E' una serpe. Ti striscia vicino piano piano, silenziosa e ti fa morire poco per volta...”
Oppure può essere un cane randagio. Ti segue e tu credi che voglia solo compagnia. Del cibo, magari. Ma lui, d'improvviso ti assale. Sei tu il suo cibo”
Sì... il cane vampiro... ma va'!”
E per te? Dai...cosa è la paura per te?”
Lei non aveva risposto. Le si erano riempiti gli occhi di lacrime. Senza quasi respirare si era alzata, aveva sfilato la maglia a maniche lunghe. Ed era rimasta in piedi così, di fronte a loro. Le strisciate sulla schiena, i lividi intorno ai polsi.
Si era girata.
Matteo... la paura è Matteo....”

4 commenti:

  1. Mai racconto è stato più attuale...purtroppo!
    OZ

    RispondiElimina
  2. E' il mondo che peggiora? O è l'umanità che regredisce?
    Tante lotte per la parità e ora? Tutto perso? Spero di no! Mi auguro che si possa in qualche modo recuperare il terreno perduto e far rinsavire tanti uomini che confondono l'amore con la proprietà e la sopraffazione

    RispondiElimina
  3. Racconto amaro... però tu scrivi davvero bene, brava!

    RispondiElimina
  4. Grazie Moren@. E' un raccontino breve breve e dice poco rispetto alla realtà ben più tragica.

    RispondiElimina