venerdì 8 marzo 2013

8 marzo 2013

Oggi è la festa delle Donne. Perchè solo oggi?  Solo per ricordare quelle povere disgraziate morte bruciate vive il secolo scorso per la crudele stronzaggine, permettetemi il termine, di un uomo che era il loro padrone? Che le reputava solo bestie da lavoro e nulla più?
Non sarebbe un festeggiamento più degno della loro memoria se potessimo dimostrare che abbiamo il rispetto di tutti gli uomini? Che finalmente hanno capito che non siamo cose, oggetti di loro proprietà? Che valiamo quanto loro?
E questo in tutto il mondo, dall'Asia all'Africa, dall'Europa all'America.
Festeggiare oggi, ricevere fiori e cioccolatini e poi da domani per gli altri 364 giorni ricevere umiliazioni di varia natura è un bel festeggiare?
Invece della mimosa, oggi, ricordiamo tutte le vittime della violenza, familiare o sessuale, dello stalking, del fanatismo religioso... ricordiamo tutte quelle donne che subiscono mutilazioni genitali, che vengono lapidate, che non sono libere di respirare se non hanno un uomo al loro fianco.
Invece di  folleggiare guardando uno spogliarello maschile, invece di copiare dagli uomini gli atteggiamenti peggiori, ricordiamoci di tutte quelle donne che soffrono o hanno sofferto anche perchè noi per prima non abbiamo fatto nulla per loro.


Nessun commento:

Posta un commento