domenica 10 marzo 2013

8 marzo



Oggi
mi hai donato le solite spine
A quando
solo la rosa?

Una piccolissima poesia. Niente di che! Solo per ricordare che non tutte le donne nel giorno della loro fesa, ricevono rose o mimose. Troppe ricevono percosse e umiliazioni.
Noi, che siamo fortunate... noi che accanto abbiamo Uomini Veri, ricordiamoci delle nostre sorelle più disgraziate. Di quelle che non hanno un compagno che le ama e le rispetta. Col quale viaggiano fianco a fianco e non quache passo indietro. Che possono guardare dritto negli occhi e di cui non hanno paura. Che non sono costrette a tenere gl occhi bassi e a vivere di terrore

4 commenti:

  1. Ben detto, Myrtilla!
    Ah! Sono la tua prima iscritta...

    RispondiElimina
  2. Grazie Silvana, benvenuta e piacere di conoscerti.

    Spero rileggerti . Ciao

    RispondiElimina
  3. Brava Myrtilla! Troppe donne ancora nel nostro mondo cosiddetto civile soffrono umiliazioni terribili, per non parlare del femminicidio che negli ultimi anni ha toccato livelli intollerabili! La maga di oz

    RispondiElimina
  4. Grazie Maga di Oz. Purtroppo son cose sempre successe solo che finalmente se ne parla. Non ancora abbastanza per far si che non succedano più intervenendo sulla cultura maschilista di certi individui, intervenendo sulla cultura del silenzio di troppe donne che si vergognano o pensano di essersi meritato quello che è loro successo. Intervenendo su antichi retaggi culturali e religiosi decisamente discriminatori. Intervenendo in generale a partire dalle istituzioni a scendere.
    Almeno, però, qualcosina sta cambiando. Alcune donne stanno prendendo coscienza che non è colpa loro, che non devono vergognarsi... in più, sono nati centri di ascolto e di aiuto. Le Forze dell'Ordine sono preparate ad affrontare simili situazioni e donne in divisa si prodigano per aiutare le vittime dei soprusi
    Piccoli passi ma speriamo che diventino sempre più grandi.
    Chiedere che non servano più, forse è troppo. Per ora, almeno.

    RispondiElimina