martedì 19 marzo 2013

Peccatucci 2

Oggi mi sono fatta un regalo. Dopo la sveglia alle sei e le corse solite fino alle dieci e trenta, porta la figlia al lavoro, vai a ritirare i ferri da stiro, fai la spesa... ah, ricordati del granturco per le gallinelle..., ho deciso di volermi bene e di fermarmi una mezz'ora. Cosa ho fatto? O meglio, cosa mi sono regalata? Una bella bellissima rilassante distensiva appagante seduta di massaggi. Oh! Goduria! Lettino riscaldato, schiena all'insù, mani esperte e capaci. Olio di arnica.  Occhi chiusi per godere meglio la situazione. Ambiente piacevole, chiacchiere da amiche... ma con Anna è così. Dopo anni e anni che ci si conosce...
Accidenti! Ogni tanto ci vuole! Sempre a correre per gli altri, per tutti, una volta tanto pensare anche a noi... non si è fermato il mondo... non è caduto il sole... siamo ancora tutti qui vivi e vegeti, almeno tranne quelli per cui era già stabilita la data di morte ... quindi non credo proprio che il mio peccato sia stato così terribile. E poi, se proprio lo è stato.... pazienza! Io ora sono più distesa, il muscolo della mia schiena non è più un cordolo di cemento armato e magari troverò anche più pazienza ad affrontare i soliti "senti...", "dove hai messo...", "hai visto il mio...".
Che ne dite? Una volta ogni tanto fa poi così male pensare a noi stesse? E' poi così sbagliato dimenticare tutto e tutti per una mezz'ora?
Non credo!  E poi, ripeto, se lo fosse.... pazienza!

4 commenti:

  1. Spero che tu stia scherzando Myrtilla! Cosa c'è di male, di peccaminoso nel prendersi cura di noi stessi? La tua schiena te lo chiedeva da giorni: Quando andiamo da Anna? Portami da Anna....Hai fatto un regalo a te stessa, alla tua schiena e a tutti quelli che continuano a chiederti dov'è questo e quello. Ora sei più rilassata e perderai meno la pazienza con loro. Vedi? In mezz'ora hai fatto un regalo ad un sacco di gente!!!!

    RispondiElimina
  2. E OZ ha sistemato tutto.... anche i sensi di colpa... no! Non ho sensi di colpa. Sono dell'idea che ogni tanto almeno si debba pensare anche a noi stesse. Fare quello che più ci piace, siano massaggi, shopping o una dormita.

    RispondiElimina
  3. Per anni ho creduto che pensare a me stessa fosse come sottrarre qualcosa ad altri....Niente di più stupido!
    Sono successe tante cose e da qualche tempo cerco di viziarmi almeno un pochino... e di non rimandare le cose che mi piacerebbe fare...
    Vedi Myrtilla quando siamo più serene, rilassate, appagate ecc. non solo stiamo meglio con noi stesse ma riusciamo a dare la nostra parte migliore anche a chi ci sta vicino!
    Concediamoci il lusso di volerci bene!

    RispondiElimina
  4. Sacrosante parole Belvedere! Vziarsi poi non vuol per forza dire dimenticarsi degli altri ma dedicarsi quei dieci minuti, quella mezz'ora che ci serve per ricaricare un po' le batterie e farci di nuovo sorridere.
    Il problema di pensare che dedicarsi a se stessi fosse togliere agli altri, che sono poi mariti, figli, genitori,è retaggio di una cultura arcaica in cui le donne era sì gli angeli del focolare ma anche le serve e le sguattere di tutti. Sempre silenziose, a capo chino, a lavorare come e più degli uomini. Per fortuna le cose son cambiate in parte e di uomini che si sentono esclusi se una moglie o madre trova un po' di tempo per sè sono diminuiti. O forse hanno capito quello che hai detto tu, Se siamo più serene e rilassate offriamo la parte migliore di noi agli altri. Cioè, a loro

    RispondiElimina