mercoledì 6 marzo 2013

Sia commiserata la nazione

Inauguro  oggi  una  nuova  pagina  del   mio   blog  

                                  Gli amici di Myrtilla scrivono  

in cui  posterò le cose che vorrete vorrete segnalarmi se vi andrà di partecipare più attivamente.  Poesie, racconti, recensioni. Non prometto di farlo immediatamente ma appena possibile.
Per contattarmi l'indirizzo è myrtillashouse@gmail.com.

Il merito di questa nuova pagina  è di una amica e lettrice che mi ha fatto conoscere questa poesia. Grazie OZ, quindi per la segnalazione di
questa lirica  struggente e purtroppo attualissima. In ogni riga, si riconosce  una qualsiasi nazione del mondo, da quello civilizzato a quello definito abitualmente Terzo Mondo. Per paragoni più specifici.... a vostra scelta.... ma senza polemiche sterili.
L'autore Lawrence Ferlinghetti, poeta americano nato nel 1919
è conosciuto anche per essere uno dei proprietari della libreria e casa editrice City Lights che pubblicò i primi lavori letterari della beat generation, tra cui Jack Kerouac e Allen Ginsberg


Pietà per la nazione i cui uomini sono pecore


e i cui pastori sono guide cattive


Pietà per la nazione i cui leader sono bugiardi


i cui saggi sono messi a tacere


Pietà per la nazione che non alza la propria voce


tranne che per lodare i conquistatori


e acclamare i prepotenti come eroi


e che aspira a comandare il mondo


con la forza e la tortura


Pietà per la nazione che non conosce


nessun’altra lingua se non la propria


nessun’ altra cultura se non la propria


Pietà per la nazione il cui fiato è danaro


e che dorme il sonno di quelli


con la pancia troppo piena


Pietà per la nazione – oh, pietà per gli uomini


che permettono che i propri diritti vengano erosi


e le proprie libertà spazzate via


Patria mia, lacrime di te


dolce terra di libertà!

5 commenti:

  1. Grazie Myrtilla, è un onore dare un piccolo contributo al tuo blog!

    RispondiElimina
  2. carissima, mio marito (dopo aver curiosato sul tuo blog) si chiedeva nei giorni scorsi e vi fosse la possibilità di suggerire interventi o inserire materiale ecc. anche da parte di terzi... riferirò senz'altro!

    RispondiElimina
  3. Ringrazialo e inviate all'indirizzo email che adesso inserirò anche nella intestazione.
    Ciao

    RispondiElimina
  4. Carla Valentini3 settembre 2013 17:39

    E' veramente bella, vera. Purtroppo in questo momento possiamo dire di avere uno stato sopra di noi che è ladro, che non si preoccupa del bene del suo cittadino e si disinteressa di gestire giuste e rispettose convivenze.

    RispondiElimina
  5. Ciao Carla, Lawrence Ferlinghetti ha vissuto in un'altra epoca e in un altro Paese.. Era nato nel 1919. in America.
    Come possiamo notare, però, le cose non son cambiate molto Commettiamo sempre gli stessi errori. Ci fidiamo di parole al vento dette per farci contenti al fine di potersi sedere su una comoda poltrona e non ci fidiamo di persone affidabili che ci dicono verità scomode

    RispondiElimina