sabato 6 aprile 2013

Colorare una giornata bigia

Quando c'è una giornata come oggi, bigia che più bigia non si può... quando il clima non ha ancora preso atto che la primavera è giunta già da quasi una ventina di giorni... quando la pioggia non cessa e suona sempre la solita monotona nota musicale... tic tic tic ...quando tutto intorno a noi è uggioso e scuro... cerchiamo di colorarla almeno con gli occhi della mente.
Distendiamoci su una poltrona, su un divano, sul letto... insomma! mettiamoci comodi. Mettiamo in sottofondo una musica. Che sia un pezzo sinfonico o lirico, rock, pop o un valzer, o anche il rumore sempre uguale dell'acqua che scende non importa. Purchè ci piaccia. Ci rilassi. Chiudiamo gli occhi e cerchiamo di immaginare qualcosa di colorato. Qualcosa che ci faccia dire che bello! Un prato verde in cui correre.... un campo di grano maturo e dorato puntinato dal rosso dei papaveri e dal blu del fiordaliso... un roseto in fiore.... Assaporiamo con la mente e con il cuore quell'immagine, sentiamone l'aroma, guardiamo i suoi movimenti dolci alle carezze del vento.... immaginiamo di correre in quel prato, di immergere le mani in quel grano, di annusare e cogliere una di quelle rose.
Dopo, quando riapriremo gli occhi, anche la nostra giornata sarà meno grigia.
O forse lo sarà ancora ma noi la affronteremo con un altro spirito.



3 commenti:

  1. Sai Myrtilla, oggi mi saresti servita molto ripetendomi come un mantra le parole che hai scritto. Mi saresti stata utile per vedere questa giornata con occhiali leggermente più rosa, non chiedo molto, solo poco poco più rosa..........

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Se potessi ti mandere occhiali con lenti fucsia per colorarla ancora di più. Purtroppo mi è impossibile sia perla lontananza che per i problemi del momento.
    Un abbraccio però sì, quello te lo mando stretto stretto

    RispondiElimina