giovedì 4 aprile 2013

Mirtilla ha perso un amico peloso

Era già tanto tempo che stava male, ma oggi, Mirtilla ha perso un altro amico peloso. Alle undici di stamattina se ne è andata Ponpon, il micio bianco.
Tanti problemi si accanivano su di lui. Tanti malanni. Cataratta, vertebre incollate, artrosi e qualcosa di ancora più brutto. Era un anno che tribolava e oggi, a quasi 14 anni non ce l'ha più fatta e se ne è andato.
Mirtilla, piccolina, da ieri era un'anima in pena. cercava sempre di avvicinarsi a Ponpon, lo annusava, leccava, gli portava il pezzetto di carta per farlo giocare. Stamane poi, quando abbiam capito con stava morendo e abbiamo rinchiuso Ponpon in un'altra stanza, lei girava sempre davanti alla porta. Poi, sembrava essersi messa il cuore in pace ed è andata a dormire. Improvvisamente alle 11 si è fiondata contro la porta e ritta sulle zampe posteriori ha iniziato a miagolare e non la smetteva più. Siamo entrate e il micio ha quasi subito cessato di vivere. Lo abbiamo visto morire. Se non fosse stata per lei, avremmo tardato ad andare a vederlo e non avremmo raccolto il suo estremo saluto.
Mirtilla la peste, Mirtilla il demonietto che si diverte ad arrampicarsi sui muri, Mirtilla che ti ruba le ciabatte dai piedi per scappare, ciabatta in bocca, e nasconderla sotto al divano, Mirtilla che per togliere i cartellini alle piante grasse le butta per terra, radici all'aria e vaso a zonzo..... beh! questa Mirtilla ha una sensibilità incredibile. Oso dire, una umanità fuori del comune. Umanità che ieri, andando ad un funerale di una mia prozia non ho riscontrato nei partecipanti, presenti fisicamente ma con la testa altrove, capaci solo di criticare chi c'era e chi non c'era, di vantarsi dei negozi dei figli che neanche Benetton.... di guardare come erano vestiti o pettinati gli altri, la loro auto...
Possibile che noi, esseri umani, noi che ci consideriamo superiori, intelligenti, pensanti.... sulle cose importanti ma che dovrebbero essere innate nell'essere umano, caschiamo miseramente di fronte ad una cucciolotta di gatta? Possibile che dobbiamo imparare da lei la sensibilità, l'umanità, l'empatia?
Comunque, grazie Mirtilla del tuo gran cuore. Già a novembre lo avevi dimostrato quando era morta, con te vicina vicina, Jerry la mamma di Ponpon.
Grazie, perchè con il tuo miagolio insistente davanti a quela porta chiusa ci hai permesso di salutare e raccogliere l'ultimo saluto di un micione che era diventato un micino.
Ciao a te Ponpon.... che nel tuo personale paradiso tu non soffra più. Che tu possa correre e giocare e avere sempre a disposizione quel cibo che ti piaceva tanto....

Eccoli qui, mamma Jerry a destra e Ponpon

2 commenti:

  1. Ciao Ponpon e ciao Jerry, vi siete ritrovati mamma e figlio. A voi un pensiero tenero e a Myrtilla che dire... sei una micia unica con una duplice personalità, pestifera e dolcissima. Tante carezzine e grattini dietro le orecchie!

    RispondiElimina
  2. Grazie Oz, Myrtilla si è calmata adesso, ma da mercoledì pomeriggio a giovedì è stata un'anima in pena. Sentiva, percepiva che stava capitando qualcosa... è una peste, sì, ma dotata di una sensibilità unica

    RispondiElimina