domenica 21 aprile 2013

Un sogno





Un altro viaggio onirico, differente dall'altro però. Tante domande senza risposta, di nuovo.
Ricordo un muro intonacato. Sullo sfondo, una scala in muratura. Sul gradino più in basso, il mio Ponpon. Ben seduto, bianchissimo, pulito e ciccione, come era quando stava bene. Non ho potuto vedere la macchia nera sull'orecchia nè quella sul fianco o la coda perchè io ero abbastanza lontano e lo guardavo dal basso verso l'alto.  Mi guardava. Aveva uno sguardo spento negli occhi gialli.  Cme se vedesse oltre me. O forse, era così abbagliante il suo pelo che non ho potuto vedere meglio i suoi occhi. So soltanto che erano belli aperti, non chiusi come ultimamente e puliti, senza cataratta nè siero rossastro.
Ho appena fatto in tempo a dire come sei bello! che è suonata la sveglia. L'ho perso.
Ne ho parlato con un'amica appassionata di.. non so cosa di preciso. Crede nella reincarnazione, nell'interiorità più profonda, nel contatto con l'universo intero attraverso le nostre forze psichiche, le nostre energie.... comunque, mi ha detto che Ponpon mi invitava a salire su quella scala. Che dovevo seguirlo perchè voleva farmi vedere qualcosa.
Io non ci ho pensato a seguirlo. Ero troppo felice di vederlo bene. Di vederlo bello. Non più sofferente. Non so se il suo sguardo era un invito a seguirlo. Certo che a pensarci ora, sono incuriosita. Avrà davvero voluto farmi vedere qualcosa di particolare? Magari, come ha detto la mia amica, farmi vedere dentro di me perchè potessi conoscermi meglio? Perchè potessi riuscire a trovare una stabilità emotiva e psicologica che mi aiutasse ad affrontare i problemi della vita quotidiana che a volte sento pesare troppo sulle mie spalle?

Ho guardato su internet e il gatto bianco nei sogni rappresenta l'arrivo d un evento felice oppure la necessità di rinnovare la propria felicità.

Come animale totemico invece, ricordiamo che la dea egizia Bastet aveva la forma di un micio ed era dotata di poteri di guarigione, rappresenta il lato femminile ed il silenzio e ci aiuta nella meditazione. Come animale ha il potere di vedere cose invisibili a noi umani; è fiero, indipendente, combattivo, curioso, resistente, abile, imprevedibile. Ha il potere della guarigione e della protezione.

Tutte cose che, a crederci o no, fanno comunque ben sperare. Forse il mio Ponpon, si ricorda ed  è grato della cura che ci siamo presi di lui, delle cure mediche, del cibo messo quasi in bocca,, dei bagnetti. Forse vuole proteggerci, aiutarci. O forse voleva  farmi conoscere qualcosa che ancora non so (e sono tante queste cose), Magari qualcosa di me stessa. E così guarire da ferite passate e recenti ma mai rimarginate?

2 commenti:

  1. Sinceramente non so cosa dirti. Sono contenta che hai rivisto il tuo micione bello ed in salute come ai vecchi tempi. Mi auguro che sia vero quello che hai letto su internet e che un evento felice sia dietro l'angolo per te e per la tua famiglia!

    RispondiElimina
  2. Grazie, contraccambio l'augurio. Siamo tutti quanto ne abbiamo bisogno. E non solo noi

    RispondiElimina