mercoledì 1 maggio 2013

1 maggio 2013

Ogni individuo ha diritto al lavoro, alla libera scelta dell'impiego, a giuste e soddisfacenti condizioni di lavoro ed alla protezione contro la disoccupazione.
Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (Articolo 23), 1948

Così recita una delle dichiarazioni più importanti  del mondo. Disattesa purtroppo ogni giorno di più. Aumentano i disoccupati, coloro che possedevano un lavoro e lo hanno perso, coloro che a pochi anni dalla pensione, troppo giovani per andarci ma troppo anziani per essere assunti, si ritrovano a fare i conti con la disoccupazione.  Persone che hanno i diritti di cui si parla sopra ma che in un periodo di crisi globale come questo li hanno persi.
Aumentano purtroppo anche quei giovani che vengono sfruttati, fatti lavorare "in prova" per due mesi e poi lasciati a casa. Oppure quelli che a fronte di un orario lavorativo completo, ricevono una paga sotto al minimo consentito... e che magari lavorano anche in nero pur di portare a casa due euro. In condizioni non sempre civili, nei paesi civilizzati, perchè se poi parliamo di altri paesi del mondo possiamo dire non umane.
Di chi sia la colpa lo si sa, lasciamo perdere! Non impegoliamoci in discorsi troppo complicati. Auguriamoci solo che le cose migliorino e che l'articolo pubblicato sopra non entri a far parte della fantastoria.

1 commento:

  1. Vista la situazione attuale, mi auguro che si possa solo migliorare, voglio essere ottimista. Auguri a tutti i lavoratori e ancor di più a chi un lavoro lo sta cercando!

    RispondiElimina