sabato 11 maggio 2013

Il colore viola

Alice Walker ha dato vita ad una candida Celie, una donna che vive una vita ingrata, succube per forza ma mai distrutta prima dal patrigno che la violenta e le fa mettere al mondo due figli che di nascosto dà in adozione o peggio vende, e poi del marito violento al quale viene venduta come un oggetto. Storia della schiavitù femminile all'interno di una schiavitù più famosa, quella dei negri d'America.
Donna comunque forte, Celie, che risorge sempre dalle sue ceneri come l'araba fenice e che seppur impaurita dal patrigno e dal marito non viene mai distrutta completamente. Subisce ed accetta ma soltanto fino a quando si sente sola. Soltando fino a quando qualcuno le apre gli occhi e le fa capire il suo valore. Soltanto fino a quando si rende conto che altre donne come lei non accettano una simile situazione e che lei può fare altrettanto. Che può chiedere di vivere la propria vita come va vissuta. Anche a costo di grandi sacrifici, poco per volta prende coscienza del proprio essere e sceglie la sua vita lasciando il marito.
L'amicizia profonda che la lega a Sofia e l'amicizia amorosa che la lega a Shug Avery le permetteranno di capire le proprie esigenze personali e di riappacificarsi alla fine con quel marito brutale che le aveva addirittura nascosto le lettere della sorella Nettie scappata di casa trent'anni prima per non fare la sua fine. Sorella che credeva morta ma che nell'ultima pagina del libro ritroverà fisicamente in un rapporto mai interrotto nonostante la lontananza.
E il colore viola cosa c'entra? E' il colore preferito da Celie. E' simbolo di rinascita, di scoperta, di amor proprio riconquistato e con esso di generosità nei confronti del mondo che poco ha cercato di darle ma dal quale lei stessa ha preso tutto quello che poteva.

2 commenti:

  1. Tempo fa ti dissi di aver visto il film tratto da questo romanzo. La regia era di Steven Spielberg e la protagonista, Whoopy Goldman ebbe anche un oscar. Bel film, mi immagino il libro....

    RispondiElimina
  2. Il libro è molto bello. E particolare. Scritto in maniera semplice ma va dritto al cuore.
    Scritto in maniera semplice così come può pensare e parlare una donna candida come Celie

    RispondiElimina