domenica 30 giugno 2013

Amore e odio



Ho uno strano rapporto con la vita. Di odio profondo e amore viscerale. Un rapporto contorto. Non semplice. Come quello di due coniugi che dopo oltre mezzo secolo di convivenza ancora mantengono idee diverse.
La odio per le bastonate che infligge senza pietà. Per gli imprevisti ora ruffiani ora seri di cui ci dissemina il cammino. La amo per gli insegnamenti che elargisce. Basta solo volerli apprendere.
La odio per il dolore psicologico e fisico che  regala a man bassa. La amo per la forza che fa nascere per combattere. Forza sconosciuta che improvvisamente si risveglia dentro di noi e si rivela come l'orizzonte si rivela all'aurora.
Odio/Amore! Eterno dualismo. Uno non può esistere senza l'altro. Non ne avrebbe ragione. Sarebbe un  nulla ripieno di niente.
Contrapposizione e affermazione. La greca Nemesis che fa parte della vita in modo indiscutibile. Prende e dà. Toglie e aggiunge. Non sempre a dosi pari, ma tant'è!
Sta a me, a noi, accontentarsi e godere della sua generosità. A prendere a piene mani quello che offre. A capire che prima o poi ci chiederà indietro la nostra gioia in cambio di quanto ci ha offerto prima. A presentare il conto.
Poi si ricomincerà da capo. Su verso il cielo, giù nell'abisso, in un saliscendi continuo. E così fino alla fine. Lontana. Si spera.



Nessun commento:

Posta un commento