domenica 4 agosto 2013

Vincenzo Cardarelli

Sera di Liguria
Lenta e rosata sale su dal mare
la sera di Liguria, perdizione
di cuori amanti e di cose lontane.
Indugiano le coppie nei giardini,
s'accendon le finestre ad una ad una
come tanti teatri.
Sepolto nella bruma il mare odora.
Le chiese sulla riva paion navi
che stanno per salpare.


 
Vincenzo Cardarelli.

Una struggente nostalgia per gli affetti più cari, per un passato ormai lontano. Un filo di speranza con le chiese che paiono andar verso il futuro.

6 commenti:

  1. Non essendomi dedicata molto alla lettura di poesie, sono contenta di conoscerne ora alcune veramente belle. Grazie a te Myrtilla!

    RispondiElimina
  2. Lo so, e ne scrivi anche di molto belle!

    RispondiElimina
  3. Che splendida poesia! Non la conoscevo! Grazie per avercela mostrata!

    RispondiElimina
  4. Prego Belvedere! Cardarelli è sempre stato uno sei miei poeti preferiti

    RispondiElimina