giovedì 26 settembre 2013

Neologismi?

Ok, fanciulli... viviamo in un mondo "globale" dove tutto deve essere alla portata di tutto e tutti. Dove ogni cosa deve essere automaticamente chiara a chiunque. Dove ogni giorno si inventano e diventano poi di uso quotidiano o quasi, parole nuove. Neologismi, appunto.  Però... mettiamo un limite alla scemitudine?
Ecco! Ora l'ho inventato pure io per seguire le mode altrimenti non sarei moderna.... à la page... ma forse questo è vintage.. boh!
Chi conosce il francese meglio di me, saprà senz'altro che il verbo matifier significa opacizzare, togliere il lucido.  Perfetto! Quando leggiamo l'etichetta di una crema o di un fondotinta, sappiamo quale azione ha se leggiamo effetto mat. Ma da qui, a tradurlo letteralmente matificare... ragazzi, ce ne vuole!
Matificare? Che suono orribile! Che parola orribile!
Eppure, mi è capitata sotto mano una rivista femminile e sfogliandola ho visto la pubblicità di una nota casa cosmetica, venduta solo in profumeria. In questa pubblicità, riferendosi ad una cipria dichiara proprio che serve per perfezionare l'incarnato e matificare.
Scusate... ma mi si sono arricciati i capelli...
Non è che per creare neologismi bisognerebbe anche esserne capaci? E poi questa non èsemplicemente una bruttissima italianizzazione di un termine francese? Mah! Non sarò moderna... sarò modernariato umano però confesso che proprio non mi piace! Se entrerà nel linguaggio comune mi ci abituerò per forza di cose come ho fatto con altre ma per ora, perdonatemi signori pubblicitari, la ignorerò alla grande.

Nessun commento:

Posta un commento