sabato 19 ottobre 2013

Leggere Lolita a Teheran

Leggere Lolita a Teheran,
di Azar Nafisi,
(Gli adelphi 2004)


Leggere Lolita a Teheran è un grande libro. E' una incredibile dichiarazione d'amore per la letteratura ad opera di una professoressa universitaria e scrittrice iraniana, in un paese in cui la letteratura occidentale è antitesi dei principi dell'Islam. In cui è nemica della morigeratezza e del pudore. E' figlia del demonio. Essendo in grado di ampliare gli orizzonti di chi la frequenta, di aprire le menti e far ragionare e dubitare, sognare e reagire, la letteratura è per un regime totalitario l'essenza stessa del male.
Ma questo libro è di più. Molto di più. E' anche il simbolo di una riuscita, segno che basta volere per fare. In qualche modo, anche non tutto, ma fare. Almeno qualcosa. E' anche una dichiarazione d'amore universale per la vita, per le donne, per la politica che illude e delude. Un'ode all'amicizia.
Con un approfondito lavoro di scavo nella letteratura, da Nabokov a Fitzgerald, da James a Jane Austen, Azar Nafisi si pone e pone ai suoi amici, alle sue studentesse e agli stessi lettori, domande legate al quotidiano in un paragone continuo. Domande profonde, intime, atte a scoprire la parte più interiore di uomini e donne iraniani che vivono su continue montagne russe che regalano libertà e subito dopo la negano, dalla possibilità per le donne di studiare all'università e insegnarvi, passando per continue restrizioni fino alla sharìa.
E dà risposte, questo libro, mettendo in mostra i desideri umani e profondi attraverso personaggi reali più disparati, ognuno a suo modo, ma tutti uniti dalla mancanza di libertà completa, imprigionati in chador e regole morali assurdamente eccessive.
Doloroso, intrigante, coinvolgente, nostalgico, istruttivo nelle spiegazioni letterarie delle varie opere e storiche del periodo buio iraniano, è da leggere per rendersi conto che, comunque vadano le cose, la speranza non ci deve abbandonare mai e con essa la voglia di fare, di interrogarsi. Di comprendere.

Myrtilla

3 commenti:

  1. Che splendida recensione ragazza!!!! Tu sai che l'ho letto, ma non avrei saputo descrivere la trama e l'atmosfera in questo modo,complimenti!

    RispondiElimina
  2. Grazie, maga. Grazie del suggerimento!

    RispondiElimina
  3. Figurati, sono contenta che ti sia piaciuto.

    RispondiElimina