venerdì 15 novembre 2013

Rcordo con dolore


Come si fa a colmare il senso di vuoto che provo? Come riempire quel buco che sento dentro di me? Quello strappo nel cuore che la dipartita di Jerry mi ha procurato? So che era solo un gattina e che era vecchia e malata, però era la mia micia. La mia gattina bianca. So che soffriva... che respirava malamente.... ma so che ha tenuto duro il più possibile per non lasciarmi. Per non arrendersi al male e alla morte. So che ha sopportato con pazienza più che umana i miei miseri tentativi di migliorare le sue condizioni. Migliorarle almeno un pochno, quel tanto che bastava perchè restasse con me ancora un po'. So che alla stessa maniera ha sopportato i miei tentativi di nutrirla forzatamente, quando col dito le cacciavo in bocca l'omogeneizzato. So, che soltanto il mercoledì sera si è arresa. Mercoledì 15 novembre 2012. Ma l'ha fatto quando io, prima di andare a dormire, l'ho accarezzata e baciata sulla testolina e le ho sussurrato.... Jerry, se non ce la fai più, ti lascio andare... e lei ha chiuso gli occhi. Alle quattro del mattino se ne è andata. Era così stanca! Così sfinita! E io sono così vuota, sperduta, triste... giro gli occhi e mi pare di vedere quel mucchietto di pelo bianco sul divano. Penso di alzarmi per andare ad acarezzarla. Per cercare di nutrirla. Ma poi, mi rendo conto che non posso più farlo. Che non c'è più.
Venerdì mattina ho scavato un buco tra la forsizia e la siepe e poi l'ho messa dentro. Me la sono presa in braccio e l'ho deposta nella fossetta, piccola come lei. Un ultimo bacio. Un'ultima carezza sul quel pelo rimasto miracolosamente bellissimo e setoso. Poi... la terra... palate di terra sopra quel suo corpicino freddo e rigido. A chiudere quegli occhi verdi giada che mi guardavano con amore. A chiudere quella bocca dalla quale una linguetta rasposa usciva a leccarmi le mani quando mettevo la crema. A coprire quel nasino non più umido che tante volte mi passava sul viso.
Graande consolazione , però, Myrtilla.... quella micina piccola che tu non volevi... proprio quella che tu hai odiato dal momento in cui è entrata in casa.... Bene! Proprio lei, ti è stata vicina fino all'ultimo respiro. A mezzo metro di distanza, mai vicina vicina. Solo quel tanto che bastava per farti sentire che lei ti era accanto.
Prenderà il tuo posto Myrtilla? No! Non prenderà i tuo posto perchè ognuno di voi è diverso dagli altri. Proprio come noi essere umani. Mitigherà un poco per volta questo vuoto che sento. Rto che tu resterai la mia Jerry.. la mia Gegia. Per questo ti dico ciao, amica mia! Sei nata in questa casa e da questa casa te ne sei andata in silenzio, quasi senza disturbare. Elegante e dignitosa come solo un gatto sa essere.
Sei nata praticamente tra le mie mani perchè la tua mamma Briciola voleva sempre la mia assistenza quando partoriva e le mie stesse mani ti hanno deposto nel tuo ultimo rifugio.
Sopra di te, una giovane forsizia in vaso, a protezione da eventuali animali.
Ti ho voluto e sempre ti vorrò bene. Non dimenticarlo mai, amica mia!

5 commenti:

  1. Ciao Patricia Ho letto della tua Gegia, mi dispiace veramente,Sò cosa si prova , ci si affeziona ai nostri amici animali, come loro si affezionano a noi.
    Ci fanno festa, fanno i riservati se li abbandoniamo in casa da soli, sono dolci, ci tengono attivi, e se si ammalano ci fanno preoccupare,
    Soffrono come noi, Io ti ringrazio per aver dimostrato una bontà d'animo verso una piccola micia e averla seguita fino al suo passaggio nel mondo migliore che ci sarà per loro: Ti abbraccio, lascia passare queste giornate di dolore, e poi riparti. Ciao

    RispondiElimina
  2. Ho dimenticato , So con certezza che avrai raccolto il batuffolo , e l'avrai sistemata nel giardino, perché anche loro fanno parte del percorso di vita della famiglia e meritano un posto vicino alla casa,

    RispondiElimina
  3. Ricordo quel triste giorno, ti telefonai, volevo sentire la tua voce dopo aver ricevuto il tuo messaggio. Già un anno senza Jerri! Capisco il vuoto che senti ed è ovvio che un amico di tanti anni non possa essere sostituito, ma Myrtilla ha portato un po' di allegria in quei giorni tristi. Un forte abbraccio!

    RispondiElimina
  4. Patricia cara...no non era solo una gatta era la "tua " gatta e questo fa molta differenza...è straziante lo so e so anche che nessun altro animale prenderà il suo poste e non lo deve prendere, ognuno sarà il "tuo" amico, il "tuo membro" della famiglia per quello che sarà il suo tempo con te ed ognuno ti insegnerà qualcosa e ti lascerà più ricca di prima...Passeranno gli anni e il dolore si mitigherà non sparirà mai del tutto ma sarà meno pungente meno devastante e un bel giorno scoprirai che questo dolore è ammantato di tanti bellissimi ricordi, arricchito di tutto quello che Jerry ti ha insegnato e sarà bellissimo ricordarla e sorridere pensando a lei mentre una lacrima silenziosa scorrerà sul tuo viso...Ho perso tanti animali e sofferto tanto, per alcuni tantissimo per vari motivi ma se tornassi indietro li riprenderei e ripasserei il dolore e la sofferenza, perchè se rinnegassi il dolore che ho provato nel salutarli rinnegherei anche l'amore e gli insegnamenti che mi hanno lasciato...Un abbracio cara...

    RispondiElimina
  5. Grazie amiche mie. In effetti è così. Il tempo è galantuomo e mitiga il dolore però quella macchietta bianca sul divano ogni tanto la vedo ancora. Solo un secondo ma la vedo.
    Jerry mi ha insegnato la dignità, il coraggio, la fedeltà.
    Con dignità è morta, bella e soffice come è sempre stata. Il coraggio lo ha avuto ad affrontare tutte le operazioni e portarsi dietro tanti tumorini ai polmoni che poco per volta ogni giorno di più l'hannouccisa. La fedeltà... beh, amiche mie... ho quasi avuto l'impressione che vivesse per me. SE ne è andata quando le ho detto che se nn ce la faceva pi la lasciavo andare... di fare come se la sentiva lei... come poteva... era il 14 sera. Il mattino dopo alle 4 è morta.
    Quanto a Myrtilla, la sua sensibilità è stata immensa. Ben sapendo che Jerry ne era gelosa non l'ha mai abbandonata. Le è sempre stata vicina ed era con lei quando è morta.
    Sì! Forse tanti umani avrfebbero molto da imparare dagli animali!
    Buona serata a tutte

    RispondiElimina