lunedì 10 marzo 2014

Da ex randagi a "poliziotti"

Ecco finalmente una notizia buona! Trovare un "padrone" ed una attività a cani giovani e sani che sono finiti in canile.
Lo so! Forse ci sarà anche chi obietta che i cani antidroga fanno una vita infame... gira la voce, non so quanto vera, che per addestrarli vengono drogati a loro volta... però... però pensiamoci sopra un attimo!
Tutti questi cani rinchiusi nei canili in attesa, a volte vana, di un'anima compassionevole e buona che vada a prendersene uno per portaselo a casa.... Tutti questi cani che a volte hanno alle spalle una vita breve ma dura, piena di dolore fisico e violenze, di abbandoni e randagismo.... Cani che una volta "risistemati" (passatemi il termine non proprio esatto!) cioè lavati, puliti, visitati, curati, nutriti e amati sono, nonostante il loro  passato, innamorati degli uomini, sono pieni di vita e vitalità, pieni di speranza (canina) per il loro futuro.. perchè non dovrebbero essere impiegati in tale maniera? Perchè dovrebbero essere costretti a vivere in un piccolo box quando possono avere la possibilità di trovare un compagno serio che non solo li addestra ma anche li ama e li apprezza? Del quale fidarsi? Un compagno col quale diventare tutt'uno? Due esseri viventi separati ma uniti dall'affetto? Dalla sintonia? Quasi dalla simbiosi?
Io trovo che sia un'azione ottima questa! Cani salvati dal canile e addestrati!
Sono convinta che avranno senz'altro scelto i più giovani e quelli in salute però, sei cani sono rinati a nuova vita. Che bello! Ne sono felice!
E penso che anche Grillo, Tigro, Peppe, Dick, Ehxen e Oscar, i meticci appena arruolati, lo saranno.
Come è potuto accadere tutto questo? Semplicemente perchè l'Assistente Capo  della Polizia Penitenziaria di Asti Angelo De Feo e alcuni suoi colleghi, una decina di anni fa hanno fondato  una struttura di addestramento cani all'interno dello stesso carcere di Asti, zona Quarto. Struttura che col tempo ha dato soddisfazione agli operatori visto che da tutta Italia giungono altri Poliziotti  per scegliere un cane e venire addestrati a lavorare insieme.
A dimostrazione che se si vuole, si può
Myrtilla


http://www.lastampa.it/2014/03/10/edizioni/asti/da-ex-randagi-del-canile-a-poliziotti-addestrati-della-squadra-narcotici-ICoQdmtrhHkrpT6BkY7PHI/pagina.html






11 commenti:

  1. Bella iniziativa! Bravissimi !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me sembra che sia una cosa buona... sono cani giovani.. cuccioli dice l'articolo e quindi sono inn buona salute, svegli, agili.... tenerli inn canile sarebbe un vero delitto!
      Ciao carissima

      Elimina
  2. Mi piace un sacco questa iniziativa e condivido le tue parole!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lapiz.Lo, anche a me piace l'iniziativa. Credo proprio che possano essere utili, amati e soprattutto adesso hanno una casa.
      Ciao carissima

      Elimina
  3. Indubbiamente molto molto meglio che stare in canile! e credo anche si divertiranno :D
    un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vivu, conndivido. Oltretutto è risaputo che tra agente e cane normalmente si instaura un rapporto di grande fiducia e affetto. Per questi cagnoni è la manna dal cielo essere stati scelti.
      Ciao carissima

      Elimina
  4. Che bello, ogni tanto leggere di queste opportunità!

    RispondiElimina
  5. Ciao Patricia...si credo sia vero che i cani anti droga vengano drogati è necessario per il loro addestramento...non importa è comunque una bellissima notizia perchè, come hai giustamente fatto notare, sei "pelosetti" hanno la possibilità non solo di ricevere coccole e attenzioni e cibo caldo in una accogliente cuccia ma soprattutto possono fare quello per cui il cane è votato: "accontentare l'essere umano". Loro fanno di tutto per vederci sorridere, per ricevere una carezza sulla testa a testimonianza che ci hanno fatto cosa gradita e loro, Grillo, Tigro, Peppe, Dick, Ehxen e Oscar, saranno diligentissimi e molto ma molto felici di svolgere il loro compito. Quindi non spacchiamo il capello in quattro sarà anche vero che il fine non giustifica i mezzi ma è pur vero che spesso il fine raggiunto è tale da non dover essere giustificato in alcun modo e questa splendida iniziativa mi sembra uno di quei casi.Ciao carissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giunone, io ho sentito queste voci e non mi piacciono molto a dire la verità, però non credo che li rendano poi proprio dipendenti dalla droga.... tipo quei tossici che sono disposti a tutto pur di avere una dose.
      Mi fa invece piacere il fatto che abbiano potuto uscire dal canile e che abbiano trovato un amico che si occupa di loro a tempo pieno. Sempre meglio che trascorrere la propri vita in quei box dove sono in due e che sono veramente piccoli.... ricordo quando andammo a prendere Pippo... che pena!!!!! Alla fine mia figlia ed o ci guardavamo attorno e non sapevamo più cosa fare.
      Ciao cara. Buona giornata

      Elimina