lunedì 7 aprile 2014

Il tempo

A volte, il tempo non ha tempo. Ha fretta. Schiaccia sull'acceleratore e va, impazzito. Sembra quasi un balenio di fronte agli occhi. Rende effimero tutto il trascorso.
Altre, è placido. Perfino troppo. Si dilata e si amplia diventando eterno. Un lunghissimo respiro che non ha fine.
Dipende. Da cosa? Dalla situazione che stiamo vivendo... dalla gioia o dai problemi che stiamo affrontando... dalla noia o dall'attività frenetica della vita.
Poi, però, per certo persone si ferma del tutto. Diventa eterno. Ed eternamente ci si ricorderà di loro. Per un motivo o per l'altro. Prendiamo ad esempio Dante, Shakespeare, Molière.... Manzoni o D'Annunzio... anche se finissimo a Libria* ci sarà sempre qualcuno che si ricorderà di loro. Qualcuno che a loro penserà ricordando i loro scritti, le loro opere. Con rimpianto e nostalgia. Ripetendo a memoria frasi o versi indimenticabili.
Prendiamo ad esempio Hitler... di lui sarà meglio non dimenticarsi mai per non ricadere nella stessa follia. Nella stessa presunzione di superiorità.
Myrtilla

* Libria è la città del futuro in cui si parla in Equilibrium, un film di Kurt Wimmer del 2002. Una città in cui i cittadini sono sottoposti ad un trattamento forzato a base di iniezioni perchè accettino bovinamente tutto quanto viene deciso dall'alto e in cui, ovviamente, i libri sono stati messi al rogo. Si sa che la cultura apre la mente e da il via ad una ribellione contro u soprusi. Naturalmente, sacche di ribelli però, si annidano anche a Libria perchè la libertà individuale può essere negata ma non imbrigliata per sempre.

6 commenti:

  1. Ciao Patricia, piacere di conoscerti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nick, piacere mio averti scoperto

      Elimina
  2. Assolutamente vero... C'è gente di cui non ci si può dimenticare, gente di cui non ci si deve dimenticare... Il tempo è solo qualcosa che noi percepiamo, che noi umani abbiamo imparato a contare per stabilire il trascorrere della nostra esistenza... In realtà il tempo non esiste...

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stellina.
      Il tempo è qualcosa di tipicamente umano. Scandisce il nostro giorno, il lavoro, lo studio, il divertimento. Lo abbiamo inventato così come lo concepiamo noi per darci delle regole. E pensare che il nostro tempo è una nullità in confronto a quello universale, dalla nascita del cosmo in avanti.
      Ciao e unbacio

      Elimina
  3. Tema affascinante il Tempo. Passa inesorabile sia che noi lo vogliamo sia che lo vogliamo sfuggire. Tema affascinante.
    Ciao cara
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sinforosa. Sì! Il tempo non si interessa troppo dei nostri bisogni. Passa e va. Tira dritto. Siamo noi che lo troviamo interminabile o troppo veloce. Dipende dai nostri stati d'animo. Dl momento che stiamo vivendo.
      Mi è capitato di trovarlo eterno. Non progrediva mai. Poi, se guardo indietro adesso, mi accorgo che son passati quasi diciotti anni, Come? Non lo so! Allora no ma adesso mi pare in un battibaleno.
      Ciao. Un abbraccio a te e ai tuoi bimbi

      Elimina