domenica 18 maggio 2014

God bless America

Dal Salone del Libro 2014


God bless America
di Marco Turchetto
A.CAR. Edizioni 2013


Viaggiare non è solo prendere un aereo o l'auto e spostarsi da un luogo all'altro. Ci sono  persone che per motivi tra i più vari non riescono a partire.
A queste persone mi permetto un consiglio. Sedersi comodamente in poltrona o sull'amaca e prendere in mano questo libro.  Lasciarsi andare alle parole sovente divertenti e alle foto sempre sublimi. (che invidia!!!!)
Con questa pubblicazione Marco Turchetto ci permette di visitare il West. Quel luogo misterioso e di antica memoria che sa di cauboi (è proprio scritto così, come si legge), di indiani, carovane, praterie  mustang.
E poi lo scenario dei western più classici... quelle tre colonne d'oro rossiccio che si levano in un deserto infuocato... le tre sorelle si chiamano.... e ti pare che improvvisamente laggiù, all'orizzonte, si alzi un  polverone che a poco a poco si avvicina e ti lascia intravedere un cavallo al galoppo, un cavaliere... l'inconfondibile sagoma di John Wayne col fucile al fianco. Magari inseguito da indiani Apaches.
Ma non è solo Far West, il sogno di ogni ragazzino cresciuto con quei film dove l'onore è l'onore e il tradimento viene costantemente punito. E' Death Valley, fiume Colorado, riserve indiane... E' anche Los Angeles, San Francisco, Las Vegas. E' anche metropoli, steakhouse, homeless, deserto e mare.E' "Americanismo", non solo nostro ma anche degli immigrati nei loro quartieri, basta vedere la foto di copertina.
Un viaggio per chi non può viaggiare. Un'immersione in un'altra dimensione e nei ricordi.
Myrtilla





5 commenti:

  1. Grazie Patri, come sempre recensione esauriente. Mi chiedevo.....ma non leggi troppo lentamente? Due libri comprati al Salone letti in 9 giorni......che vergogna!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maghetta... è scritto grande ed è scorrevlevole, nè noioso nè didascalico.
      Marco Turchetto è un tipo simpatico e la simpatia si trova anche nei commenti al libro.
      Diciamo la verità.... è guardando le foto che si "perde" temppo....nel senso che ci si incanta ad ammirarle! Troppo belle!!!!

      Elimina
    2. Scusa Maga e scusatemi tutti.... le mie dita fanno semre più disperare....
      volevo scrivere scorrevole

      Elimina
  2. Non preoccuparti, non sono le tue dita, è la tastiera del pc che a volte fa brutti scherzi!!!!! Mi hai molto incuriosito con questo libro.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche la tastiera ma le dita storterelle fanno la loro parte.... :)))))
      Non è il classico resosonto di un viaggio in America, nel Far West. E' un viaggio combinato: il Far West e i ricordi dell'autore. Ceto, ci sono anche i giudizi du quello che vede..... ma quello che ci mostra nelle foto è... un qualcosa di favoloso!
      Sono foto notevoli!

      Elimina