martedì 3 giugno 2014

Il Tricolore

Il Tricolore. Esporlo o no?
Io l'ho esposto. E' sul balcone, sull'asta.
Ieri d'altronde era il 2 giugno. Festa della Repubblica. Quale occasione più adatta oltre al 17 marzo (festa del Tricolore) e al 25 Aprile (festa della liberazione)?
Eppure.... eppure qui in zona sono una dei pochissimi che lo ha fatto.
Eppure... eppure un vicino mi ha detto: "Ma hai già messo la bandiera? Non sono ancora incominciati i mondiali di calcio!"
Quando gli ho risposto che l'ho esposto per la festa della Repubblica c'è mancato poco che mi dicesse che ho delle balle.
Quando gli ho detto che per i mondiali lo toglierò, mi ha guardato come se fossi un'aliena.
Ho capito che l'unica cosa che unisce gli italiani ormai è la nazionale di calcio. Che per tutto il tempo in cui l'Italia del pallone proseguirà il suo cammino nella competizione in Brasile saremo tutti italianissimi e fratelli di tifo. Che per questo periodo le rivalità calcistiche si zittiranno per via del colore azzurro.
Però, la cosa che mi dà da pensare è il fatto che  la Bandiera esca dai cassetti solo per lo sport. Non dico che non devono esporla. Ci mancherebbe! Massima libertà per chiunque!
Dico soltanto che motivi altrettanto validi, anzi, ancora più giusti per esporla ce ne nono. Ad esempio le tre feste che ho elencato sopra.
Gente! Non possiamo sentirci italiani solo per il calcio!
Lo so che di cose che non vanno ce ne sono a bizzeffe, praticamente tutte o quasi. Però siamo italiani, nati qui, vissuti qui. Ricordarsene ogni tanto?
Ricordarsene e darsi da fare perchè le cose migliorino e i nostri giovani non debbano andare all'estero per lavorare? Perchè i nostri anziani non vivano nell'indigenza? Perchè i nostri malati abbiano di che curarsi senza dover rinunciare al cibo per avere le medicine?
Scusate lo sfogo! Ma mi sono girate un po'.

Comunque siano chiare due cose.

Prima di tutto, ognuno è libero di esporre il Tricolore come e quando vuole. Non sta a me giudicare. Però se io lo metto fuori per le feste canoniche, fregatevene come faccio io quando c'è chi lo espone per una partita di calcio.

Seconda cosa, io sono bastian contrario!!!!! E ne sono felice!
Myrtilla


7 commenti:

  1. Io il tricolore manco lo possiedo... sarà appunto perché detesto il calcio e non guarderò neanche una partita dei mondiali? XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ivano.
      Se vuoi sapere la verità lo avevo comperato 4 anni fa, proprio in occasione de precedenti mondiali. E' stato l'unico momento in cui l'ho trovato in vendita.
      Adesso è ancora appesa perchè a fine settimana ad Asti ci sarà il raduno nazionale dei Bersaglieri ma ti garantisco che prima dell'inizio del campionato del mondo di clcio lo tolgo di sicuro.
      Mio secondo nome è... bastian ccontrario!!!!
      Ciaoooo

      Elimina
  2. Io purtroppo non sono in vena di esporre la bandiera italiana, né per le festività nazionali, né per i mondiali di calcio... Purtroppo ciò che ci offre questa Italia non è tanto, e non saranno di certo dei festeggiamenti solenni o dei festeggiamenti sportivi a farmi dimenticare quanta miseria mi colpisce direttamente.

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo Maira. Non c'è proprio nulla da festeggiare in questa Italiuccia svenduta al miglior offerente!

      Elimina
    2. Sul fatto che ci sia poco da festeggiare avete perfettamente ragione!
      Sul fatto che, come dice Carla sotto, i soldi spesi per la manifestazione poteva essere usati diversamente, anche.
      Purtroppo l'Italia è sempre stato il paese degli sprechi. Degli eccessi.
      Tranne quando servono come nel caso dei Marò o del Cermis, tanto per fare un esempio. Lì, nemmeno le proteste ufficiali sono state eccessive.
      Il mio era uno sfogo semplicissimo. Uno sfogo che voleva dimostrare solo che con il Dio calcio tutto si sistema. Per un mese o giù di lì la maggior parte degli italiani dimenticherà tutto il resto, anche di non arrivare a fine mese.
      Senza contare poi, che se non ti omologhi, sei fuori! Fuori dal gruppo. Purtroppo però, io ho la testa dura e di omologarmi non mi va proprio.
      Non intendevo dire che tutti debbano esporre la bandiera. Ognuno fa quello che preferisce. Mi piacerebbe solo non essere guardata come una bestiolina strana se la espongo per la festa della repubblica anzicchè per il mondiale. Tutto lì!

      ps.Mi fa piacere comunque aver stuzzicato un po'. Qui, ognuno può dire ciò che pensa (educatamente). Così dialoghiamo.
      Il vero scopo di un blog: condividere e dialogare.
      Ciao fanciulli!!!!!

      Elimina
  3. Oltre al fatto che non ho il tricolore... ma quest'anno a me il 2 giugno mi ha fatto molto arrabbiare. Proprio arrabbiare: mentre io e maritino il giorno seguente si parlava del nostro conto in banca (che quando le cifre sono due è un po' grave...) vediamo la sfilata in pompa magna trasmessa ai tiggì. Se penso che il valore di uno solo dei tributi floreali che decoravano la cerimonia sarebbe bastato a fare la spesa per tutta la settimana e probabilmente mi sarebbe pure avanzato qualcosa, bhe... mi arrabbio.
    Per il resto, concordo con te: patriottismo solo per i mondiali è vergognoso. Parliamo dello stipendio di quei ragazzi in calzoncini? meglio soprassedere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carla. Hai ragione e te l'ho già data anche sopra.
      Visti i tempi che corrono un po' di sobrietà non avrebbe fatto male.
      Visto anche il tasso di disoccupazione....
      Sullo stipendio dei ragazzi in mutande che corrono dietro ad un pallone, lasciamo perdere! Io mi sono vergognata per loro quando hanno protestato per non pagare la tassa di solidarietà!!!!!!!!
      Se si rendessero mai conto che con l'ingaggio annuale di alcuni loro si risanerebbe quasi il blanco nazionale......

      Elimina