mercoledì 23 luglio 2014

Nuovo orrore in nome di un Dio innocente!


Notizia di ADN Kronos di oggi.

http://www.adnkronos.com/fatti/esteri/2014/07/22/orrore-iraq-isil-ordina-infibulazione-per-tutte-donne-del-califfato_yUeuAdKCmbkdckHl6144cO.html?refresh_ce 


L'ISIL in Iraq ordina la mutilazione genitale per tutte le donne del califfato. L'infibulazione!
L'ordine è arrivato dal leader dei jihadisti dello Stato islamico dell'Iraq e del Levante (Isil), Abu Bakr al-Baghdadi.
In questa zona tra Siria ed Iraq, sembra che Maometto sia decisamente maschilista!
Secondo i jihadisti la pratica è imposta proprio dal Profeta e riportano un elenco di suoi detti (hadith) che contengono quest'ordine.
Scusate! Non voglio bestemmiare ciriticando Maometto come non mi permetto di farlo nei confronti del Dio dei cristiani. O di altri credi.
Mi chiedo solo quanto ci sia di VERITÀ e quanto ci sia di gretto maschilismo e fondamentalismo in tutto questo.
Ritengo che sia Allah che Maometto, Dio, Budda o comunque si chiami l'entità sovrannaturale in cui molti credono, abbia cose molto più importanti da guardare che non il sesso femminile inteso proprio come struttura fisica.
Secondo "l'uomo" in questione, serve ad allontanare quell'essere inferiore che è la donna dalla prostituzione e dal peccato. Ma, e secondo Maometto? E Allah, cosa ne pensa?
Torturare un essere umano in quella maniera fa grande questo Dio in qualunque maniera si chiami?
Non credo proprio!
Per conto mio fa soltanto grande il senso di potere arcaico che dà l'idea dell'annientamento della "razza inferiore" (le donne) rendendo loro la vita piena di sofferenza e schiavitù. Questi "uomini" ritengono in questo modo di annichilire completamente la volontà femminile; di eliminare in toto la sua dignità.
Si rendessero mai conto che una donna qualunque, infibulata o meno, ha molta più dignità di tutti loro!
Che una donna irachena infibulata, resa schiava da padri padroni prima e da un marito padrone
dopo, seppur distrutta nel fisico e nella psiche da simili trattamenti, brilla ancora di luce propria, come il sole, perchè manterrà sempre dentro di sè quel senso d'amor proprio vero e profondo che loro non avranno mai!

Comunque, questo è l'ennesimo atto terroristico contro le donne, dopo:
- la "jihad del sesso", cioè l'ordine di concedere figlie vergini ai jihadisti;
- la segregazione dei sessi nell'università (a cui temo seguirà a breve l'assoluto divieto delle donne di studiare);
- nuove lapidazioni sempre di donne.

E l'Occidente? Ne sa qualcosa? Fa qualcosa?
Eppure a quanto sembra, secondo le parole certamente informate e non campatw in aria di Souad Sbai, una giornalista italo-marocchina, almeno 28 ragazzine hanno già patito questa tortura.
"Una notizia agghiacciante!" dice Souad Sbai.
Concordo!!!!!!!!!!!!!!!!!
Patricia


Souad Sbai      http://www.souadsbai.com/biografia/

7 commenti:

  1. vergognarsi di essere uomini...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao bella.
      Altro che vergognarsi!!!! Anche perchè poi si nascondono sempre dietro ad un Dio che non sappiamo se la pensa davvero come loro!

      ps bentornata! Smack!

      Elimina
  2. Raccapricciante... Sono senza parole, Patricia, ogni giorno penso sempre che non possa esserci niente di peggio, e ogni giorno vengo ahimé smentita...

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao stellina.
      Anch'io come te credo spesso di aver raggiunto il fondo ma ogni volta, leggendo certe notizie, mi accorgo che l'abisso è ancora aperto e profondo...
      La cosa poi che mi fa inca...re è che si nascondono sempre dietro ad un Dio. Non importa quale nome abbia.
      Lo facemmo noi cristiani con gli Incas, lo fanno i musulmani con le donne,, gli indù con i cristiani....
      Quello che voglio dire è: questo Dio (o Allah, o Shivà, o Buddha.......) è davvero d'accordo con questi comportamenti? Li ha davvero ordinati?
      Ricordiamoci sempre che i libri sacri sono scritti da uomini e soprattutto interpretati da uomini che sono fallaci e quindi soggetti a sbagliare.
      In più, tanti di questi uomini sono dotati di un egoismo senza fine, di un'ambizione pazzesca e la frittata la girano come vogliono loro.

      Elimina
  3. DA g+

    Francesco Zappone
    Ieri alle ore 16:46

    L'infibulazione credo non abbia niente a che vedere con Dio; sono maschi che sanno di non riuscire a portare una donna all'orgasmo ed allora glielo negano a priori.


    Luisa Pavan
    16:03

    Sono d'accordo con te Francesco, sono impotenti dalla nascita perché imbevuti di teorie religiose castranti e quindi puniscono l'oggetto del desiderio, castrando a loro volta.


    Patricia Moll
    16:09


    +Francesco Zappone +Luisa Pavan Concordo!
    Infatti io ho intitolato il post Nuovo orrore in nome di un Dio innocente.
    Non sono affatto convinta che Dio, Allah o come volete chiamarlo, sia d'accordo su certe infamità. Non penso nemmeno che le abbia ordinate.
    Per Lui dovremmo essere tutti uguali, maschi e femmine.
    In più, i Libri sacri sono scritti ma soprattuto interpretati da uomini. Ovviamente ci leggono quello che vogliono leggerci.
    Purtroppo però a pagare le spese di questa ignoranza/malvagità sono sempre i soliti... scusate! Le solite!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luisa Pavan
      16:16

      Esatto Patricia, "sempre le solite", perché tenute sotto tutela ignoranza per poterci perseguitare a loro piacimento e nascondere la loro inferiorità intellettiva, sensitiva, e produttiva (sono invidiosi della maternità). Vorrebbero poter fare anche questo!!!


      Patricia Moll
      16:25
      + Luisa Pavan Maternità sì ma non il dolore del parto.... quello ce lo lasciano volentieri.
      Battute a parte, tenere gli altri nell'ignoranza è il sistema migliore per comandarli senza eccessivi problemi perchè questi altri non si pongono domande. E' per questo che temo che un bel momento alle donne del califfato e non solo verrà proibito del tutto lo studio e la scuola. Per sottometterle meglio.
      La cultura fa sempre paura perchè apre la mente e fa intravedere "panorami" troppo interessanti. Visto uno poi, la voglia di proseguire il viaggio aumenta e così aumenta anche l paura di quei vigliacchi che sentono il terreno franargli sotto ai piedi.

      Elimina
    2. DA g+

      Luisa Pavan

      sono sicura che pur di fare anche quello, sarebbero disposti a soffrire, solo per dimostrare alle donne e al mondo che l'Islam è in grado di fare tutto


      Patricia Moll
      24/lug/2014

      +Luisa Pavan da quel punto di vista lì, forse sì!
      Loro, gli unti del Signore.... facciano solo attenzione a non farsi ungere col bastone! Perchè prima o poi, arriverà il castigo giusto anche per loro!


      Luisa Pavan
      24/lug/2014

      speriamo presto....!


      Mirco Cappelli
      25/lug/2014

      Non ho sufficienti parole per descrivere l'infinita rabbia che scaturisce dal mio io quando vengo a conoscenza di certi fatti......e in tali momenti mi vergogno di far parte della razza umana e ancor più del sesso 'forte' (in realtà così chiamato perché gli viene sempre bene esserlo con i deboli) che é autore o spettatore di queste crudeltà verso colei che è Madre, sorella, moglie, figlia, compagna... Ma c...o non esistono esseri inferiori verso i quali noi siamo padroni di decidere liberamente il loro destino!!!!!!


      Patricia Moll
      Ieri alle ore 17:44

      Ciao +Mirco Cappelli
      Purtroppo è insito nell'animo umano questo senso di superiorità e in certe culture gli indottrinamenti, scusa, i lavaggi del cervello sono così ossessivi che non fanno altro che gettare benzina sul fuoco.
      Io non credo che tutti i Musulmani siano così come non ho mai creduto che tutti i Cristiani fossero contenti di distruggere gli Incas o gli Aztechi perchè esseri inferiori.
      Ce lo fanno credere. Ce lohhanno fatto credere.
      E indovina un po' chi????? Proprio coloro che ritenevano e ritengono di essere in grado di interpretare le parole di unn Essere Supremo.


      Mirco Cappelli
      Ieri alle ore 18:44

      +Patricia Moll ....sono d'accordo con te...credo anche che ci siano persone sbagliate, nel posto sbagliato, che vogliono imporre ad altri con la forza idee malsane frutto del loro malessere interiore....non si tratta di cultura di un popolo, che è tutt'altra cosa, perchè gli asiatici, così come altri popoli, hanno qualcosa da insegnare sulla vita anche a noi europei.....ma, perdonami, il mio è uno sfogo perchè la mia indole fatica ad accettare di far parte di quella specie che sa esprimere la sua superiorità anche con la violenza gratuita.....se una battaglia è inevitabile sempre con onore e rispetto del nemico, imporsi sui più deboli e indifesi è solo da crudeli vigliacchi.....ciao serena serata


      Patricia Moll
      14:40
      +Mirco Cappelli Hai perfettamente ragione su tutto!!!!!!
      Le varie culture, le vere culture, con storie, miti, leggende e quant'altro, sono tutte di pari importanza. Ognuna di loro può aprire gli occhi alle altre. Se solo sapessimo ascoltarci e avessimo voglia di capirci.
      Non è la cultura in discussione. E' questo volersi credere unici possessori della verità assoluta. Questo voler dimostrare di saper leggere le Sacre Scritture e di essere gli unici a saperle interpretare.
      Come all'epoca di mia nonna si usava recitare la Messa in latino così le fedeli come lei rispondevano parole sbagliate perchè il latino non lo sapevano e soprattutto usando parole che non capivano; come mettevano il terrore dell'inferno e delle fiamme eterne per soggiogare il popolo ignorante (nel senso letterale, cioè che ignorava non che era stupido), oggi altri "unti dal Signore" soggiogano la parte che considerano più debole torturandola e rendendola schiava. Infibulazione, burqa, niqab, matrimoni combinati, spose bambine, lapidazione sono le armi attuali. Ancora attuali.

      Sai, non sei tu che devi vergognarti come uomo. Siamo tutti quanti noi a doverlo fare (uomini e donne) perchè non riusciamo (o non vogliamo?) far capire a certe persone che qualunque Dio è amore non violenza.
      E guarda che io non sono assolutamente praticante!!!

      Elimina