venerdì 8 agosto 2014

Libere!


Ho finito di stirare. Vado sul balcone a stendere il copriasse.
Il cielo è finalmente sereno. Così azzurro che sa di alta montagna. Solo due nuvole bianche, a sud. Verso sudovest delle strisciate biancastre quasi trasparenti. Come vecchie trine sfilacciate.
Ed eccole là! Altissime. Due lineette nere che volano in cerchio, una dietro all'altra. Mentre le guardo, compare la terza.
Le poiane! In ampi cerchi si lasciano portare dalle correnti di alta quota Libere! Padrone di uno spazio infinito.
D'improvviso scendono sempre in cerchio poi risalgono. Bucano la nuvola e spariscono. Credo di averle perse e invece, no. Eccole di nuovo! Son tornate. Più in alto. Comparendo d'improvviso come sbucate dal nulla.
Sono solo lineette nere ma la loro sagoma è inconfondibile. Il loro modo di veleggiare, senza muovere una penna. Sicure. Senza predatori o nemici.
A guardarle sembra quasi che giochino indifferenti a tutto. Il mondo sta giù, sotto alle loro zampe. Quello che c'è di brutto o di doloroso non le tocca. Non appartiene a loro.
Loro sono padrone del cielo e della libertà assoluta.
Myrtilla


4 commenti:

  1. I rapaci fin dall'antichità sono proprio sinonimo di libertà.
    Buon ferragosto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti Cavaliere.
      Ne sono i più bobili rappresentanti!
      Buon ferragosto a te!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Ciao pinkg,
      quanto le ho ammirate e invidiate!!!!! Nessun vincolo, nessuna costrizione.... sì, beate!!!!!!!

      Elimina