giovedì 4 settembre 2014

Cuori e altro!

 Dal blog DECORICICLO  di Dani
Linky Party 2017 #5 LEGNO



Oggi si parla tanto di riciclo, di riuso di materiali vari.

A casa mia c'è sempre stata la tradizione del riuso. Soprattutto del legno di recupero. Manici di scopa o pezzi di assicelle da gettare.
Chi lo faceva? Mio papà! Come? A mano e col traforo piccolo, il trapanino piccolo, quelli da oggettini.
Recuperava legno dove gli capitava. Da contenitori vari o cassette. Una volta erano diverse da quelle che troviamo adesso.
Una volta.... parlo di secoli fa tenuto conto che son 28 anni che ormai non c'è più.
Cosa ne faceva?

Ecco a voi.....












Come potete vedere, i colori sono diversi proprio perchè il tipo di legno è diverso.
Che sono fatti a mano si vede.
Disegno, ritaglio, limatura.....
Riuscite però ad immaginare a cosa servivano? La catenella dorata che li univa vi suggerisce qualcosa?

Non so! Forse è meglio che ve lo dica io.

Servivano a fare le corone del rosario, quelle grandi che una volta si appendevano sopra al letto.

Vorrei anche farvene vedere una finita però non ne abbiamo una! Una volta fatte, mio papà trovava sempre qualcuno a cui regalarle. Per noi ci sarebbe stata la prossima....

Purtroppo non c'è! Mi restano solo questi cuoricini. Alcuni limati altri ancora grezzi.
Una manciata di cuoricini di legno, lavorati con le sue mani, nelle sere d'inverno in un bagno enorme dove aveva sistemato un vecchissimo buffet con la morsa e i suoi vari attrezzi.

Ciao papà!
Patricia

18 commenti:

  1. Stupendi, e anche se sono foto si percepisce quanto tempo e passione ci aveva messo oltre ad averti lasciato dei magnifici ricordi. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono stupendi e li tengo preziosi.
      Aveva mani grosse spesse, dita sempre incerottate con il nastro isolante... d'altronde era operaio in una fonderia.
      Però, nonostante questo, quando si metteva vicino al traforo quelle mani e quelle dita spesse avevano le ali. E lui, un'infinita pazienza!
      Se mia figlia me lo tira fuori perchè ora a distanza di tanti anno lo ha lei, vi mostrerò poi il mio salvadanaio in legno a traforo. Sempre fatto da papà, ovviamente.

      Elimina
  2. E' straordinario che tu li conservi ancora... Anche il fatto di non avere un lavoro finito è segno della sua straordinaria generosità, e credo che questi ricordi valgano molto di più... E' bello che tu ci scriva ciò e ci renda partecipi delle tue emozioni. Grazie Patricia, ci regali sempre tanto...

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se tu sapessi quanti traslochi hanno fatto quei cuori!!!! Chiusi in una vecchia borsetta di plastica annodata. Non li butterei per niente al mondo!
      Ciao bella. Un bacione!

      Elimina
    2. Immagino, Patricia...

      Un bacio a te!

      Elimina
  3. Bellissimi, evviva il tuo papà.
    Ciao ciao
    sinforosa

    RispondiElimina
  4. Molto spesso riutilizzando vecchi oggetti, nascono grandi capolavori.
    Saluti a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero Cavaliere. Credo che la cosa che serva di più per questo sia la passione. Lui ne aveva tanta per questi lavoretti!
      Un saluto caro

      Elimina
  5. Patricia, quanto amore c e in quei cuori?! L amore del papá , mi ha emozionato leggerti. I ricordi hanno forme strane. E tu hai tuo papá in quei pezzi di legno. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziana.
      Già! Di lui mi restano quei cuori e un ricordo immenso che ho nel mio cuore.
      Certo che mi manca nonostante siano 28 anni che non c'è più!
      Ogni volta che devo arrangiarmi con qualcosa e prendo chiodi o cacciaviti o martelli... se non ci riesco gli dico "daiii, dammi una mano!". Sembra incredibile ma faccio quello che devo fare!
      Un bacio!

      Elimina
  6. La bellezza di questi cuori è proprio nella storia che raccontano...e così è per ogni creazione che le nostre mani, insieme alla nostra fantasia, realizzano.
    Grazie di avercelo ricordato emozionandoci!
    Dreamer Flower

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Deborah.
      Ogni oggetto creato da noi ha una storia particolare. Rivela uno stato d'animo, un sentmento... quello che provavamo al momento.
      Pur non essendo cattolico praticante era sereno quando faceva questo lavoro. Fischiettava, canticchiava......
      E' così che voglio ricordarlo non sofferente come è stato negli ultimi mesi di vita.
      Un abbraccio!

      Elimina
    2. Condivido pienamente il bellissimo pensiero!
      Un abbraccio anche a te!

      Elimina
  7. Troppo belli!
    E che pazienza, un lavorone.
    Pinno subito nella mia bacheca dedicata ai cuori. =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dani, fai pure che non ci sono assolutamente problemi.
      Grazie e un bacione!

      Elimina