venerdì 19 settembre 2014

Oriana FAllaci

L’abitudine è la più infame delle malattie perché ci fa accettare qualsiasi disgrazia, qualsiasi dolore, qualsiasi morte.

Da Un uomo,
Oriana Fallaci



14 commenti:

  1. Verissimo... L'abitudine non ci da lo spunto per migliorare la nostra situazione, e credo per l'essere umano non ci sia niente di peggiore al mondo...

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Maira. Forse non è il caso di essere pieni di dubbi o di voler sempre rovesciare a gambe all'aria il mondo intero.
      Però abtuarsi è nocivo. Invecchia. Fossilizza.
      Pensiamo solo ai nostri antenati, quelli che vivevano nelle caverne. Forse erano abituati ad andare a caccia con lance fatte con legno e selce ma poi hanno scoperto che potevano usare anche altro per procurarsi il cibo. Così poco per volta le cose sono cambiate.
      La loro abitudine è durata fino a quando non hanno scoperto qualcosa di migliore e più funzionante. Non si sono adagiati. AVranno impiegato del tempo però non si sono arresi.
      Ecco! Direi che a volte l0'bitudine è una resa alla vita e a quanto ci può dare in più.
      Ciao stellina

      Elimina
  2. Da g+
    Regina Zalieva

    Ah, la mia Oriana: quante verità! :)... Però la vita mi ha fatto ricredere sul Suo concetto d'amore, e fortunatamente! ;)

    Patricia moll
     Io l'ho amata sempre anche se non sempre sono stata d'accordo con lei. Ma l'amore è anche questo, punti di contatto e altri di confronto.
    Purtroppo il confronto reale che mi sarebbe piaciuto non c'è mai stato, però...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Regina Zalieva1

      Cara Patricia, sui vizi, le lacune e le mancanze tra "amore concreto" e "amore ideale" (oh, quanto agogno anche io il confronto...) potremmo aprire un vero e proprio forum. Tuttavia, da studentessa Oriana era il mio mito, e, adesso non ricordo dove di preciso lo lessi, ma mi ero ingrippata sul concetto che lei avesse definito "l'amore come una gomma da masticare che la società ci mette in bocca per deviarci dalle verità..."... Ecco, diventando sopratutto madre, e moglie, ho fatto mia l'esperienza che tutto sommato non è proprio così,,, :)))

      Ti abbraccio e ti auguro buon fine settimana!


      Patricia Moll

      +Regina Zalieva non ricordo questa frase, sinceramente.
      Forse le mie esperienze.. togliamo il forse che facciamo prima...le mie esperienze in proposito sono diverse dalle sue e decisamente non sono d'accordo.
      In trent'anni di matrimonio la gomma da masticare sarebbe diventata dura come i ferro e insapore.... poi l'amore riguarda due persone prima di tutto. Solo dopo la società e non sempre
      Ciaooo

      Elimina
  3. L'abitudine è anche una salvezza, perché ci fa superare i più grandi dolori della vita...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse se invece di chiamarla abitudine la chiami punto fermo cambia la prospettiva.
      Di un punto fermo, di un punto d'equilibrio ne abbiamo bsogno tutti. Ma on è detto che sia sempre lo stesso. Almeno per me!

      Elimina
    2. Sono stata frettolosa nella lettura della poesia, non ne avevo capito il senso profondo...Fortunata SVEGLIAAAAAA!
      Devo imparare a bere il caffè

      Elimina
    3. Fortunata.... non sei tu che hai la bambolina che non sta bene?
      Eh, capita di fare le cose di corsa! Non è successo niente di irreparabile.
      Tranquilla!
      Ciao e un bacione a te e alla piccola!

      ps caffè???? Nooooo! Bevo già io ancche la tua parte!!! :))))

      Elimina
    4. Grazie, Patricia! Sono abbastanza stanca e stordita più del solito...
      Ricambiamo il bacio!

      Elimina
    5. Fortunata, sono passati quasi venticinque anni però anche la mia "bambina" è stata piccola.... ricordo cosa significa!
      Un bacione a te e a lei!

      Elimina