mercoledì 10 settembre 2014

Un giorno come un altro


9 Settembre 2014. Un giorno come un altro. Mattino sole poi si rannuvola. Giusto! Il meteo dell'Aeronautica Militare prevede che per le 15 pioverà.
Ore 15, nuvole sì, ma alte. Chiare. Non da pioggia. Da temporali, meno che meno.
Di colpo..... alle 17 incomincia. Parafrasando Marco Paolini, "sempre in ritardo questi piemontesi".
Mezz'ora di tuoni e lampi senz'acqua. Il cielo nero e l'aria appiccicosa come la pece.
Lampi che squarciano la sera scesa improvvisamente con luci sfavillanti e malsane. Due cadono qui vicino dove c'è la linea dell'alta tensione. Breve black out. Salta il salvavita.
Ma sono soprattutto i tuoni a far paura. Esplodono come immagino possano esplodere le bombe durante un attacco aereo. Improvvisi. Fragorosi. Secchi. Prolungati come di esplosioni in successione. Per ben due volte, salto sulla sedia, il cuore in gola.
Verso Torino il nero più nero. Come se qua fosse sera e là la notte senza fine del cosmo profondo.
Poi, l'acqua. Gocce grosse come monete da due euro. In successione sempre più rapida. Gelide. Rumorose. Cadono sul cemento del cortile e subito rimbalzano di venti trenta quaranta centimetri. Due muri d'acqua. Quello che viene dall'alto e l'altro che risale come a voler tornare indietro. Ribelle. Oppure scontento.
Oltre la cortina, il nulla. Solo ombre intraviste. Sagome scure, di un grigio sporco.
E ancora odor di pioggia. Di terra bagnata. Di cemento fradicio. Un odore di stantio. Di ruderi antichi inesplorati. Di marciume e desolazione.
Un temporale estivo in ritardo o un anticipo di autunno?
Myrtilla

2 commenti:

  1. Odore di pioggia anche qui a Roma adesso. A giudicare dal colore del cielo sembra più un autunno anticipato...di un'estate part time...in questo mercoledì qualunque.
    Ti immagino cara Myrtilla, sdraiata sulla tua copertina al calduccio, mentre osservi le gocce da due euro...felinamente in pace con il mondo.
    Una carezza sul musetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao bella, hai sbagliato di pochissimo... ieri era coricata su un tavolino che ho davanti ad una porta finestra, quello che d'inverno serve per le piante grasse (quando Myrti non le butta giù). Guardava fuori con curiosità. E' il suo posto d'osservazione per lucertole, rondini, tortore, gazze....
      Al primo colpo di tuono fortissimo è sparita. Sotto al divano ovviamente. Poi, sì, si è acciambellata sulla coperta di pile e si è messa a ronfare.
      Qui è di nuovo tutto nuvolo. Prevedono altra pioggia.... e noi apriremo l'ombrello!
      Ciao bella e grazie della carezza!

      Elimina