venerdì 3 ottobre 2014

Mercato delle regioni


Dopo Asti e Mercanti, questo fine settimana, in Asti da oggi a domenica c'è il mercato regionale.
Quasi tutte le regioni d'Italia sono intervenute con un banco di prodotti tipici locali. Dalla Valle d'Aosta coi suoi formaggi, al Trentino Alto Adige alla Sicilia alla Toscana.
In un bailamme di accenti diversi, allegri e chiassosi, tra una ventina e più di banchetti, il più grande, quello che quest'anno ha l'onore di essere montato non intorno alla piazza del Santo ma dirittamente nel rialzo interno, c'è quello della Sardegna, ospite d'onore.
In un profumo da svenimento di dolci, fugazze dei Zeneixi, porchette toscane, piadine emiliane o dolci cioccolatosi del Veneto, noi astigiani ci aggiriamo curiosi e col portafogli alla mano.
Tra un assaggio e l'altro, gentilmente offerto dagli ambulanti, i miei concittadini si avvicinano ai banchi a mani vuote e si allontanano con le borse. Qualcuno piene, altri solo a metà ma come si fa a rinunciare a certe specialità che finalmente sono messe a disposizioni nostra dai diretti interessati?
Voglio dire,.... c'è il pane carasau ma è migliore di quello che troviamo nei nostri negozi. E il pane di Altamura? Non regge al confronto di quello che vendono qui... e così è per i canederli, per lo speck, per i peperoni cruschi, le olive taggiasche, per lo squacquerone..... per la 'nduja....
Io mi sono unita al gruppo, ovviamente. Potevo farne a meno?
I miei acquisti?

12 canederli allo speck da Thomas nonricordopiù il cognome.
"Quanto costano i canederli? "
"Zinque oiro."
"Allora siamo in quattro..."
"Tue a testa..."
Sguardo mio poco convinto e.... " Ma sono buoni.... facciamo tre!"
"Faciamo tre.... totici minuti di bolore e poi tira zu e mette buro fuso e parmiciano!!!!!"

Poi vedo la burrata al banco della Puglia. Mai assaggiata, mi lascio scappare l'occasione? Nooooo!
Vada per la burrata ma "cosa le do di altro? Non vuole altro? Olive? Lampascioni? Pane?"
Pane???? Quello di Altamura????
E pane sia!!!
Insomma... tira fuori da un cassone una pagnotta larga trenta quaranta centimetri e lunga quasi un metro. La mette sul banco e la taglia a metà. "Le basta?"
Eccerto che mi basta se non scoppiamo!!!! Troppo buono!!!

Poi il banco della Sardegna. Pane carasau e pane guttiau, come l'altro ma con l'olio d'oliva e il sale. Assaggiato. Bonoooooooooooooo!!!!
Poi in fondo al banco vedo i dolci e mi ci fiondo. Sono alla ricerca di un dolce speciale che mi riporta all'infanzia. Non conosco il nome e non ricordo il gusto ma me lo vedo davanti agli occhi.
Eccolo!!!!! I papassinos, con mandorle e la glassa sopra decorata da perline colorate e d'argento.
Quanti ricordi improvvisamente!!!! Ricordi lontani... ma ve ne parlerò in un altro post.
Li prendo e poi.... i papassinos de nughe con le noci e i lorighittas, fatti con semola strutto e miele.
Ci sono anche tanti cesti impagliati di tutte le dimensioni. Cesti carinissimi, colorati. Con coperchio e senza.
Peccato che sia già carica.... e poi i cestini per la frutta li ho comperati la settimana scorsa altrimenti questi sarebbero stati perfetti..... mannaggia!!!!!!!!!!!!
Myrtilla
http://www.lastampa.it/2014/10/02/edizioni/asti/a-spasso-tra-i-sapori-ditalia-9NEsQEyHeR4v6OFTUXiekN/pagina.html






12 commenti:

  1. Che buona che è la cucina regionale italiana.
    Per curiosità cosa c'era della Campania?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai Nick che forse non l'ho visto?
      Diciamo che molti banchi erano ancora chiusi quando sono andata io anche se c'era già parecchia gente.
      Mia figlia domani sera va alla notte bianca le dico di guardare....

      Elimina
  2. No no no...e della Sicilia non hai preso niente????...aih aih aih...Tana per Patricia!!!...adesso mi sento punta nell'orgoglio, battuta dalla Puglia e dalla Sardegna :DDDD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il banco della Sicilia offriva panini alla milza e no, grazie!!! Saranno anche ottimi ma mi fanno un po' senso.... :(((
      Poi c'erano i pistacchi di Bronte e ... non mi ricordo più...

      Elimina
    2. :)))) u panu cu a meusa????...ahahahhaahah..ok, allora sei perdonata, non riesco a mangiarlo neppure io :P... Facciamo quindi che il pulcino se mai tonerò a vivere nella mia terra vieni a portarlo tu!...così ti rifornisco di cose tanto taaaantoooo buone che ti dimenticherai almeno per un giorno di Puglia & co (pur tenendo sempre alte tutte le regioni d'Italia, e col cuore! :)

      Elimina
  3. Carissima, ho appena finito di scrivere del pane cunzato ad una amica comune!! meravigliosa specialità siciliana (zona di Trapani)!! In sostanza pane pomodoro acciughe aglio primo sale e quant'altro preferibilmente pane al sesamo...........
    ps ho riso tanto per i canederli!!! Con tutto il rispetto per le tradizioni di chiunque osso dirti che non hai perso nulla ahahha Mia cognata austriaca li offre sempre come una prelibatezza..... ma noi cerchiamo di glissare ahahahah....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Belvetta... non mi sono spiegata! Li ho comprati!!! Sono OTTIMI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
      Almeno... a noi piacciono molto!
      Niente fugassa questa volta però... pesa come il piombo e costa un capitale..... sti zeneixi!!!!!! :P)

      Elimina
    2. ma i canederli sono quella specie di gnocchi fatti col pane e poi mangiati bolliti?????...mmmmmmmmhhhh

      VOTO PE U PANI CUNZATU... ihihihihihihihihihhiihihihih

      Elimina
    3. Il pane cunzato non l'ho mai assaggiato... uhm... grave lacuna! Adoro il pane oltretutto!
      I canederli sono proprio quelli. Sono ottimi. Questi hanno anche lo speck. Dodici minuti di bollitura burro e formaggio e buoni che sono. Però riempiono...

      Elimina
    4. E' giusta la ricetta di Belvedere? Perchè posso comunque farlo....

      Elimina
  4. Da me hai preso il pane e la burrata... la sai lunga tu!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il pane di Altamura lo avevo già comperato alla fiera carolingia a maggio ed è ottimo., La burrata non o0ho mai assaggiata.... però a noi i formaggi piacciono!!!!

      Elimina