martedì 6 gennaio 2015

Le nostre nonne


Avete presente la morigeratezza delle nostre nonne?
Ma era vera o soltanto di facciata?
Il fatto di non poter parlare di certi argomenti di fronti ai bambini (magari di 30/40 anni ma da sposare!!!!).... il non farsi mai vedere mezze svestite....
Io, di mia nonna, vedevo il vestito nero (era eternamente a lutto e non so nemmeno più per chi) o la camicia da notte. Bianca. Lunga fino a terra. Normale! Dividevamo la stessa camera da letto!
Se però la indossasse sotto al vestito o se prima di coricarsi se sfilasse la veste per mettersi quella nuova divisa non so dire.
Una cosa è certa. Era classe 1911, per niente moderna né disponibile ad ammorbidirsi un po'. Santa donna ma di certo matriarcale.
Beh... improvvisamente, parlando con mia madre, è venuta fuori una listoria (storiella) che le “fanciulle” di alcuni paesi piemontesi cantavano la notte tra il 5 e il 6 gennaio. Una sorta di preghiera tra il sacro ed il profano per trovar marito.
E avevano pure delle pretese!!!! :))))

In qualche maniera ho cercato di ricostruirla. Speriamo bene!
Quanto al dialetto, scusate ma non si scrive così ma io, sinceramente, già lo parlo poco e male, a scriverlo proprio non son capace.

Sant'Antoni
feme fè un bun matrimoni.
San Celest
fè ch'j treuva na spus bin prest.
San Frutuos
c'a sia bel e generus.
San Damian
Demlu brav e bun cristian.
Santa Rensa
fè poi nen ch'j resti sensa
e ch'j resti ancur tutun
sensa a galicia e sensa ja sprun.


Sant'Antonio
fatemi fare un buon matrimonio.
San Celeste
fate che trovi uno sposo ben presto.
San Damiano
datemelo bravo e buon cristiano.
San Fruttuoso
che sia bello e generoso.
Santa Renza
fate poi che non resti senza
e che resti zittellona
senza la cresta e gli speroni.



ps non so da dove arrivi questa filastrocca. Se è folclore locale orale o se è opera di qualcuno e poi modificata secondo la memoria di chi la cantava. Chissà quanti anni può avere!
Di certa c'è una sola cosa:
Morigeratezza? E i doppi sensi?????????????????????????
Myrtilla

9 commenti:

  1. Carina la filastrocca .. mia nonna non usava una veste nera, ma la vedevo spesso con dei vestiti blu scuro, grigi marroni, mai nulla di troppo vistoso .
    Mi hai fatto ricordare mia nonna che dall'anno scorso non c'è più. E' stato bello ricordarla.. grazie.
    Auguri di un felice anno nuovo e a presto .. Dream Teller ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dream,
      me l'aveva recitata mia nonna secoli fa.
      Io la ricordo smepre vestita di nero o grigio scuro. Ricordo che di certe cose assolutamente non si doveva parlare, però.... però quando recitava questta filastrocca gli occhi ridevano...
      Non c'è più dal primo gennaio del 1980 ma dimenticarla è impossibile!
      Lei ariete, io gemelli,, le litigate!!!!!! Poi dopo ci capivamo ma prima.....

      Elimina
  2. Un sorriso con l'augurio di un sereno inizio anno.
    ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Key, contraccambio gli auguri di cuore!
      Un abbraccio

      Elimina
  3. Mia nonna amava vestirsi di colori autunnali: verde scuro, marrone, giallo ocra.
    Da morta l'avevano però seppellita con una veste a fiori e una volta lei se ne è lamentata in sogno con mia madre dicendole che se ne vergognava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I vestiti di mia nonna (calsse 1911) erano neri o marroni o grigio scuro. Avevano una piccola fantasia ma senpre scura.
      Aveva anche preparato la "roba da cambiarsi" (per quando moriva) e l'aveva messa in un pacchetto con sopra scritto Morte!
      Quando è morta però non lo abbiamo trovato. Chissà come mai!

      Elimina
  4. E' uno di quei casi di folk popolare che viene mescolato con il sacro. Che alla fine, a ben vedere, è folklore anche quello! :)
    W le nonne!

    Moz-

    RispondiElimina
  5. Sì, era quel misto di religiosità e superstizione che accompagnava le persone dell'inizio del secolo scorso. Quando in Dio credevano perchè altrimenti andavano all'inferno però oltre a chiedere grazie ai santi si inventavano riti similpagani.
    Mi faceva solo ridere tutta questa moralità. Di questo non si parla e di quello nemmeno. Però si faceva altrimenti il mondo finiva...

    RispondiElimina
  6. Mia nonna paterna ha portato il lutto tutta la vita...poi lo ha tolto quando è morto mio nonno! Ah ah ah ah: che squinternata!!!

    RispondiElimina