mercoledì 21 gennaio 2015

Ultime notizie di una fuga


Ultime notizie di una fuga.
Di Valerio Varesi
Frassinelli Editore (2014)



Questa è la prima indagine del Commissario Soneri, uomo rustico, burbero, perennemente arrabbiato con il mondo della politica. Un solitario. Quasi scorbutico.
Un uomo che ripensa sovente al passato con una malinconia velata da disincanto.

Non si parla di omicidi in questo libro ma di una scomparsa e Franco Soneri indaga a tutto tondo in un modo che con i successivi libri crescerà di capacità deduttive, di perspicacia, di rabbia interiore.
Lui e la nebbia, l'ambiente nel quale meglio si ritrova. Lui e il grande fiume che qui ancora non compare come coprotagonista insieme alla bassa padana.

Non omicidi dicevo ma frodi fiscali, ricatti, conti esteri, fondi neri che faranno fare al commissario un lungo viaggio non solo nel mondo geografico ma anche nel mondo malato dell'avidità umana.

Non è ancora all'altezza dei libri successivi. Soneri deve ancora affinarsi come personaggio poliziesco e diventare più profondo come essere umano.
Perchè è questo che amo di Varesi. La sua capacità di dare spessore ai personaggi. Di dotarli non solo di un corpo di carta e parole ma anche di un'anima. Un'anima burbera ma profondamente umana.
Myrtilla

10 commenti:

  1. Non ho ancora letto nulla di Varesi...vergogna, dovrò colmare questa lacuna al più presto!!!
    Un bacio <3 <3 <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pinkg.. oggi connessione a singhiozzo, Spero di riuscire almeno a rispondere ai commenti... Nevica!!!!!

      Varesi è un grande, per me! Con questo personaggio ha saputo creare un uomo molto particolare. Soneri è un lupo solitario. Lavora bene da solo. Nelle sue indagini la mente lo porta svente indietro nel tempo. Pensa, ricorda, fa paragoni...
      E' sempre in conflitto con se stesso e col mondo attuale
      E' unico. Molto attaccato alle sue origini. Molto sanguigno. Un grande!
      Ciao bella. Smack!

      Elimina
  2. Approvo pienamente quanto hai detto, Varesi ci fa crescere insieme a Soneri, soffriamo con lui e con lui proviamo schifo e vergogna per questa Italia che va a rotoli vittima e complice del malaffare. Splendido l'ultimo "Il commissario Soneri e la strategia della lucertola" il fiume fa da coprotagonista e idealmente si ricollega alla trama e alle trame del primo.
    flora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Flora, l'ultimo non l'ho ancora letto ma ho intenzione di aprirlo presto.
      Soneri è un amico e quando un amico bussa, la porta si apre.
      Ciao carissima!
      E grazie. Sei semppre molto presente

      Elimina
  3. Con mia somma vergogna devo ammettere di non aver mai letto i romanzi, però se posso essere perdonato dico che mi piaceva molto la versione televisiva RAI "Nebbie e Delitti" con Luca Barbareschi ne ruolo di Soneri. Devo dire che non era male e perfino Barbareschi (che a livello umano non è che sia il massimo) in quel ruolo reggeva bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao NIck,
      io invece ti confesso che mi piace talmente poco come attore e come persona, che della serie tivù ho visto praticamente nulla. 5 minuti forse....
      I libri mi appassionano invece molto.
      Comunque non temere. Ti perdoniamo.... :)))
      Ciao carissimo!

      Elimina
    2. non mi piace Barbareschi ma ho guardato qualche puntata per vedere se riuscivano a rendere la bellezza e complessità dei libri, purtroppo no, neppure lontanamente, è una questione di atmosfere e non è facile trasporle in immagini televisive.
      flora

      Elimina
    3. Per le atmosfere è verissimo! Bisogna avere fior di baffoni per renderle bene su pellicola e non deludere gli eventuali spettatori che hanno letto il libro in precedenza.
      Forse, però, se fosse stato scelto un altro attore... chissà...
      Sul suo blog, anche Varesi scriveva che non era soddisfatto in pieno della scelta.

      Elimina
  4. E' il primo libro che ho letto e non mi aveva particolarmente colpita, ma se è il primo magari concedo un'altra possibilità a lavori più recenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao stella.
      Soneri cresce col tempo. Si fa sempre più orso, più lupo solitario, più inca***to col mondo intero. Fidati! Man mano che Varesi che ne scrive, piace sempre di più!
      Adesso sto leggendo l'ultimo. Il commissario Soneri e la strategia della lucertola.
      Prende subito dalle prime pagine. Ma non soltanto le indagini perchè ci sono più floni che s intrecciano. Prende proprio come personaggio. In fondo, almeno per me, dice tante cose che condivido,

      Elimina