mercoledì 7 gennaio 2015

Una storia piccina e grande

Vi voglio raccontare una storia, Piccina piccina ma tenera.

Per farlo però, devo tornare  un po' indietro nel tempo. Diciamo a questa primavera quando......

............... quando due gallinelle si sono messe a covare un uovo per una, nascoste tra l'edera e vicine vicine.
Poco tempo tempo le uova si sono schiuse praticamente quasi a tempo. Due pulcini, un galletto ed una gallinella  che sono sempre stati compagni di mangiate insieme alle loro mamme. Sono praticamente cresciuti insieme ed  ora sono due pollettini molto carini. Medianina e Medianino.
Ecco, questa è la premessa. Tenetela a mente....

Il trenta di dicembre, mentre mio marito lavora per preparare una grande voliera visto che la faina si è pappata (e spero sia morta di indigestione) ben sei polletti, abbiamo trovato una gallina morta. Se non sbaglio era una di quelle più vecchie e purtroppo anche loro arrivano alla fine del loro percorso terreno. Le mie sono già fortunate che muoiono di vecchiaia.
Mezz'ora dopo, mio marito mi chiama perchè ce n'è un'altra che ciondola e barcolla. E' proprio la medianina.
Che fare? Non sapendo di cosa si può trattare la prendiamo e la mettiamo nella gabbietta dei gatti con acqua e granturco e la portiamo in casa al caldo.
Sarà il freddo? Sarà qualche cosa di contagioso per loro? Non è che adesso che stiamo costruendo un bel pollaio mi muoiono tutte?
Comunque decidiamo di tenerla al caldo e soprattutto separata dalla altre.
Il 30 dicembre....  il 31....  e ci accorgiamo che è vispa. Mangia, beve, se cerchi di prenderla ti becca però fa fatica a star su sulle zampette. Sembra che sia la destra a cedere. Come se si fosse fatta male.
Ok! Al riparo e poi vedremo......
Il primo gennaio decidiamo di sistemarla fuori un po' di ore anche perchè sembra che stia in piedi meglio e non vorremmo che a stare sempre nello stretto le zampette si atrofizzassero. Alla sera, di  nuovo inn gabbia e di nuovo in casa.
Il due gennaio io non ci sono e ci pensa mio marito.
Il tre..... la porto fuori io, la metto nel pollaio in costruzione, con il marito facciamo entrare anche le altre gallinelle e i galletti e chiudiamo con una chiusura provvisoria.
Medianina è lì. In piedi. Un po' insicura. Cammina bene per un po' e poi se cerca di correre come fanno la altre cade.
Però.... chè chè chè.. in continuo. Chè chè chè.....
Chissà che ha adesso.
Dopo un'oretta vado fuori a vedere come è la situazione e vedo tutte le galline e i galletti accucciati al sole in un angolo della voliera. Lei non c'è.......
Mi guardo intorno e... sorpresa!!!!!! E' accucciata sempre al sole però vicino al pino. E' tranquilla. Non fa più chè chè chè.
Sapete perchè? Perchè accucciato vicino a lei, c'è il medianino. Il suo compagno. Ala contro ala.
Che tenerezza!!!!!! Sono nati e cresciuti insieme e hanno sempre fatto coppia fissa ed ora.... ecco il perchè di quel verso.... era il richiamo per il suo compagno.... lo cercava! Le mancava!

Alla sera poi, quando sono andata a prenderla per riportarla in casa, lui, il medianino, ha girato in lungo e in largo per il pollaio facendo a sua volta chè chè chè.... la stava cercando!

Che ne dite? E' una storia  piccina piccina ma è una storia grande grande!
Vero?
Myrtilla




24 commenti:

  1. Che tenerezza!!! Troppo carini, spero tutto ok ora con la zampetta...

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maira, la zampetta va meglio. Cammina meglio adesso. Chissà come ha fatto a farsi male!
      Il problema è che non vola ancora e quindi di notte continuiamo a portarla in casa. Alla sera, anche se è nel recinto (non ancora finito) diventa difficile prenderla.
      Al mattino in compenso come appoggi il trasportino per terra e lo apri lei fugge....
      e poi chiama.
      Sono tenerissimi! Quando si riuniscono stanno vicini vicini e non li senti più.
      Son polli? Sì, son polli, però...
      Ciao bella!

      Elimina
  2. Meravigliosa storia! Sarebbe da far conoscere medianina e medianino a tutti quelli che dicono che gli animali non possiedono sentimenti o anima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nick,
      mi era già successo coi gatti ma sinceramente con le galline e i galli no. Eppure, anche loro... sarà che sono abituati a stare vicini, in gruppo però proprio si cercano.
      Se riesco, provo a fare un foto ma non è semplice.
      Ciao!!!

      Elimina
  3. Che bellini!
    Ma allora era una faina la colpevole?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensiamo proprio di sì, Fortunata. L'ultimo polletto che ci ha fatto fuori lo abbiamo trovato sotto ai pini con un buco nel collo. Probabilmente è stata disturbata dai cani del vicino ed è scappata... però prima se ne è pappata sei la balorda!!!
      Per questo ora costruiamo una grande voliera con rete plastiicata verde e poi sopra ci mettiamo quella da polli a maglie piccole. Intorno e sopra. Ah.. la rete è interrata di trenta centimetri....

      Elimina
  4. Grande storia di una grande Mirtilla.Complimenti!!!

    RispondiElimina
  5. ç_ç ma che meraviglia!!
    Queste cose fanno commuovere!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessia,
      commovente, sì! Adesso che sono andata a prendere la gallinella era nella voliera con il suo compagno. Se io tornassi fuori tra un po', troverei lui dentro alla voliera aperta che sta cercando la sua femmina.
      Sono incredibili gli animali!

      Elimina
  6. Che forte!!! Sono buffi anche i nomi Medianina e Medianino, anche i polli hanno sentimenti e preferenze chi lo direbbe? Ricordo un galletto che si era affezionato a mio suocero e lo seguiva nell'orto, nel campo. All'inizio pensavamo fosse un caso, e invece no. Lo seguiva come un cagnolino. Dove lavorava mio suocero c'era anche il galletto, tra l'altro era molto carino piccolo con le piume un po' colorate, lo chiamava "Piumen" piumino, "hei Piumen" oppure "Vin chè Piumen bel gallat", "Vieni qui Piumino bel galletto" il galletto alzava la testolina si fermava ad ascoltare poi riprendeva a beccare lì vicino, ma appena mio suocero si spostava lo seguiva.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna Maria,
      Si chiamano così per distinguerli dagli adulti e dai pulcini che sonno venuti dopo.
      Adesso sono andata a prenderla perchè sta diventando buio e fa freddo ed erano insieme nella voliera.
      Sono tenerissimi!!!!!! Sembrano i fidanzati di Peynet....

      Bella la storia di Piumen!!!!! Sono animali ma ognuno di loro ha qualcosa da insegnarci.
      Ciao!

      Elimina
  7. Davvero bella! Ed uno che andava a pensare a chissà quale malattia sconosciuta subnormale!
    Es l' amour, la malattia più bella che si sia!

    Io vedo i miei cagnolini che quando tolgo uno di loro ( accade con Rambo, quando lo portai dal veterinario anni e anni fa ) Dumbo, il fratellino, piangeva di brutto. Al suo ritorno gli è saltato addosso come se non lo vedeva da anni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche noi abbiamo avuto esempi così.
      Quando abbiamo sterilizzato Myrtilla, Lilio che le ha sempre fatto da mammo, sembrava matto. Girava per casa per cercarla. Quando siamo rientrate e lei era intontita lui si è coricato vicino e la lavava.
      Quando abbiamo operato Pippo il cagnone e poi lo abbiamo tenuto alcune ore in casa, Myrtilla lo leccava. Non riuscivano ad allontanarla... Quando ce l'abbiamo fatto, Pippo aveva aperto un occhio e la cercava.

      Sono animali ma a volte sono più sensibili di tante persone.

      Elimina
  8. Una storia grande grandissima.
    Tenerissima. =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dani, che ti devo dire? E' una cosa veramente tenera!!!!
      Vuol dire che se si sposeranno siete tutti invitati.... ahahhahahahahahah

      Elimina
  9. Ciao Patri,
    mi sembra di vederli, questi pollastri con sentimento!
    Anche il vostro affetto per gli animali è ammirevole e loro lo sentono, oltre alle cure, ovviamente.
    Una storia di persone e animali che fa bene al cuore, con tenerezza e semplicità:)
    Fata C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, FAta Confeto, ovviamente abitiamo in campagna e in mezzo a tutti questi contadini che tengono le galliine per le uova e per il brodo noi diventiamo "gli scemi"
      Se dici che non hai intenzione di mangiarle ti guardano come se fossi matta.
      Ma che male mi hanno fatto? La maggior parte di loro è nata qui, in questa specie di giardino. Sono i figli e i nipoti e pronipoti delle due gallinelli di tanti anni fa. FAnno parte anche loro della famiglia.
      Se poi voglio mangiare una fetta di pollo,, vado dal macellaio e la compro.

      Senza contare che non soo capace ad ammazzarle e non ne avrei nemmeno il coraggio

      Elimina
  10. ciao mi è piaciuto tantissimo questo post ed è tra i post migliori letti questa settimana http://haylin-robbyroby.blogspot.it/2015/01/top-of-post-12-gennaio-2015.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Robby!!!! Mi fa molto piacere.
      Ah... grazie di avermi indicato il blog di Norma. Che lavori stupendi!!!!!

      Elimina
    2. sai il tuo post mi è piaciuto troppo. Norma è molto brava. Ciao.

      Elimina
    3. Grazie Robby.
      Sì, ho visto che lavori fa Norma!!!!!! Stupendi!

      Elimina