sabato 14 febbraio 2015

Break the chain

Un post di Adriana Di Meglio

http://adrianaconghiaccio.blogspot.it/2015/02/break-chain.html

Oggi San Valentino, la giornata contro la violenza verso le donne.... pure la festa di fioristi e venditori di cioccolatini,  ma..........................
Alla domanda finale di Adriana cosa rispondiamo?
Myrtilla

10 commenti:

  1. Le donne devono essere rispettale tutto l'anno e non solo in alcune giornate.
    Saluti a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutte le persone andrebbero rispettate ogni giorno, indifferentemente dal sesso, dall'orientamento sessuale, dalla religione, politica, feìde calcistica... eccetera eccetera.
      Queste feste... San Valentino o l'8 Marzo, sono più feste per i fioristi e per chi vende cioccolatini che per tutti gli altri. Semplicemente commerciali.
      Il vero senso della festa esisterebbe ancora se questo amore, questo affetto, questo rispetto continuasse nei giorni a venire e fino alla fine dei giorni.
      Solo un giorno all'anno fa ridere!

      Elimina
  2. Hai ragione Patricia,è una festa consumistica.L'amore vero deve essere dimostrato sempre e non solo il 14 febbraio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Olgica, purtroppo tanti (non dico tutti) festeggiano perchè così si usa o per evitare discussioni. Poi, fino al giorno prima e a partire dal giorno dopo, tutto torna normale, Silenzio, solitudine.... amore è costanza, è essere presenti quando serve, parlando o tacendo, ma essendoci.

      Elimina
  3. Una giornata come quella di oggi organizzata e supportata da One Billion Rising serve proprio per parlare di situazioni che accadono spesso tra l'indifferenza generale.
    La domanda posta è lecita, ma la questione è molto complessa. Molte donne vittime di violenza, anche psicologica, non denunciano o cercano aiuto (per moltissimi motiv). Quindi il lavoro da fare è immane.

    Penso che festeggiare San Valentino, se piace, sia cosa lecita, anche per i fioristi e i pasticceri! XD Io però non faccio caso alle festività in genere :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo quello che hai detto! C'è molto lavoro da fare incominciando dal far trovare il coraggio a quelle donne che non lo hanno.... a quelle persone che subiscono in silenzio.
      Il fatto poi che sia diventata commerciale...beh. i soldi si prendono quando si possono prendere e vista la crisi se fiori si regalano solo più per san Valentino è giusto farlo.
      Però, fiori e cioccolatini per il 14 febbraio e poi per i 364 giorni rimanenti solitudine e umiliazioni..non ci sto!
      Certo che questo è un discorso lungo e complicato, non si può risolvere in due righe.

      Elimina
    2. Esattamente! Bisogna impegnarCI tutti per cambiare la mentalità di fondo!
      L'ipocrisia che tu dici è palpabilissima purtroppo...

      Elimina
    3. E' quella che rode!!!!
      Ciaoooo

      Elimina
  4. Riporto qui il commento postato di là, condividendolo anche con il tuo bel blogghino.
    Ciao Patriii

    "Per la domanda finale di Adriana, come se dice a Roma
    "so persone co la faccia come ar c**o" per il resto.... pongo la questione dalla parte delle donne: se sono le stesse donne a leggere il libro, vedere quel film e sottostare realmente a quelle fantasie sessuali, significa che il problema è di queste donne.

    Di certo, ciò che queste donne non hanno capito, è che una vita sessuale perfetta non crea inevitabilmente e necessariamente una vita quotidiana eccellente.."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Problema loro indubbiamente. Capirne il perchè... già più difficile.
      Forse che vogliano provare l'ebbrezza di qualcosa che sa di proibito ma non sulla propria pelle. Vedere compiere qualcosa che sognano in segreto ma non hanno il coraggio di mettere in pratica.
      La vita sessuale buona di certo aiuta mma non è tutto se manca il resto.. tutto quel resto che ci deve essere in una coppia

      Elimina