lunedì 9 febbraio 2015

Domenica nera


Domenica nera
di Claudio Paglieri
Piemme Bestseller (2008)





E' un bel noir, ambientato nel mondo che per gli italiani è il Mondo per eccellenza. Quello del calcio.
Il problema è qui non si parla di calcio giocato ma di quello occulto che sta dietro a tutto. Non sudore e corse e fatica ma intrallazzi a tavolino, corruzione, minacce, violenza. Quello del puparo che muove le sue marionette col filo. E e marionette sono tante, a tutti i livelli e in tuti i campi.
Ricorda qualcosa? Indubbiamente sì. Troppo recente nella memoria collettiva è ancora Calciopoli, qui riportata fedelmente o quasi anche se la maggiorranza dei tifosi preferisce dimenticare.
A mio parere, però, è un po' lento a decollare. O meglio, la partenza sembra buona con un caso di omicidio incerto o suicidio insicuro. Poi, però, rallenta il ritmo. C'è l'indagine ma non procede secondo ritmi che a me piacerebbero. Non voglio colpi di scena eclatanti o invenzioni fantasmagoriche. Un po' più di ritmo sì. Ritmo che arriva solo verso il finale quando non si può più smettere di leggere.

Quanto al protagonista, Marco Luciani, è sì un personaggio incorruttibile, con un carattere particolare e convinzioni indistruttibili ma la sua autopunizione continua per colpe non sue diventa pesante. Rischia di rovinargli la carriera perchè la vita in un certo senso gliel'ha già rovinata.
Non riesco ancora a definirlo bene. Sarà che è il primo libro che leggo con questo protagonista però a volte mi fa sbuffare, altre mi fa venire voglia di prenderlo per le spalle e scrollarlo.
Posso capire l'incapacità di vivere il proprio privato con leggerezza ma il peso del suo è eccessivo.
Anche perchè poi, quando viene spiegato il mistero, ci si rende conto di quanto è comunque fragile come uomo.

Tutto sommato non posso dire che non mi sia piaciuto. Resta quel senso di insicurezza però che non ne fa uno dei miei personaggi preferiti.
Vedremo leggendone altri.

Una cosa è certa. La prosa di Paglieri è accattivante!
Myrtilla


10 commenti:

  1. Molto interessante la trama di questo libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania,
      come libro non è male però sinceramente me lo aspettavo più accattivante dall'inizio.
      Vedremo con il secondo....

      Elimina
  2. Interessante segnalazione questa.

    RispondiElimina
  3. ti piacciono gli inizi col botto pat? però sembra interessante dai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante si Flò, però mi aspettavo altro. Più mmovimento ad esempio.
      L'argomento purtroppo lo conosciamo bene perchè è stato alla cronaca per troppo tempo.
      E' proprio come si svolge l'indagine che i ha lasciata insoddisfatta.
      E' lento...

      Elimina
  4. Non ho letto Domenica nera, ma sto leggendo " Il vicolo delle cause perse", anche in questo l'inizio non è particolarmente coinvolgente, il libro è scritto bene, ma il comm.Luciani per ora non mi ha conquistato, capisco i suoi problemi personali, ma in certi momenti mi viene voglia di prenderlo a schiaffi, manca completamente di "pietas " e la compassione non sa neppure dove sta di casa, avrà sofferto,ma che piacere prova nel macerarsi nei torti subiti..........
    Comunque Paglier merita di essere letto.
    flora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Flora,
      quello è proprio il libro che non ho comperato. Forse su ibs era momentaneamente non disponibile.
      Sul cmmissario la penso come te. Lo trovo masochista e un po' insipido.
      Ne La cacciatrice di teste lo è forse un pochino meno però non mi ha affascinato come Soneri, Niente da fare!
      Appena finirò questo libro ne parlerò. Mi è+ comunque piaciuto di più.

      Su Paglieri hai ragione.. E' il suo modo di scrivere e la sua prosa che sono ottimi. Sui personaggi... beh! Non tutte le ciambelle escono con il buco si dice....
      Ciao e buon pomeriggio!


      Elimina
  5. Dal tuo post e dai commenti sembra che Paglieri sia da leggere!
    Non lo conoscevo, in effetti non leggo spesso questo genere. Potrebbe essere un bell'input!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come prosa non è niente male. Come storia... la trovo lenta.
      Quello che ho appena finito e di cui parlerò tra pochi giorni, La cacciatrice di TEste, è molto più brioso e a mio parere interessante.
      Ciaoooo

      Elimina