mercoledì 18 febbraio 2015

Pensieri


Molti pensieri sono infidi. Non ci si può fidare di loro. Vanno, vengono. Pungolano.
A volte, arrivano veloci. Come una saetta che vìola il cielo, attraversano la mente senza fermarsi. Appaiono. Colpiscono. Spariscono.
Altre, esplodono come bombe che cadono su una città. Un lieve preavviso ed esplodono lasciando macerie che sta a noi rimettere insieme. Se ci riusciamo.
Altre ancora, come serpenti strisciano nella testa giungendo da chissà quali meandri della mente. Usciti da non si sa quale baule di ricordi dimenticati. Intuizioni impolverate.
E lievi, sibilando appena, sconvolgono le nostre certezze. Ci instillano dubbi e coi dubbi le paure.
Poi, si annidano lì, soverchiando  idee rassicuranti. Cingendole d'assedio come fecero Ulisse e compagni a Troia. Aspettando il momento buono per poterci mostrare il loro cavallo, falso idolo che ci riempirà di insonnia e malumore. E agitazione.
Scacciarli.. ma come? Occupandosi di altro? Cantando a squarciagola per non ascoltarli? Non è semplice. Sono più forti di noi. Ci schiacciano. E sono furbi! Mica se ne vanno. Si celano soltanto pronti a riapparire quando vogliono loro.
Come Tantalo che, immerso nell'acqua dolce e assetato vedeva il lago prosciugarsi se cercava di bere e i frutti allontanarsi se cercava di mangiare, anche noi che aneliamo la serenità dobbiamo sottostare ai voleri di questi pensieri prepotenti.
Non ci sono vincitori nè vinti in questa eterna guerra. Si vincono a turno delle battaglie ma l'esito finale quale sarà?


E poi ci sono gli altri pensieri. Quelli che si accendono come scintille ad illuminare un buio mai perenne. Quelle che fanno capire quanto immensa sia la genialità umana.
Bei pensieri, quelli che danno vita a scoperte. Che danno inizio a ricerche. Che ingravidano il sapere umano e fanno nascere speranza in chi ne ha bisogno.
Myrtilla


13 commenti:

  1. E poi.... ci sono quelli che non pensano, che si beano della loro ignoranza e anche quando sembra che pensino, in realtà il vuoto che riempie la loro testa non accetta di farsi sostituire e allora rinunciano.
    Quanti ne conosco e sai, a volte li invidio, vivono la vista come passeggeri indisturbati ma spesso disturbano
    flora
    Non credetemi cattiva m gli anni e l'esperienza insegnano.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Flora, la tua non è cattiveria. E' la pura verità! Purtroppo!
      E purtroppo, di certo questi non-pensanti vivono anche meglio degli altri perchè non si creano crucci o problemi di sorta.
      Vivono sorridenti perchè secono loro a tutto può esserci rimedio e niente è irrecuperabile,, quindi... perchè pensare, preoccuparsi, agitarsi?
      A volte sono davvero a invidiare se non altro per la leggerezza con cui attraversano la vita.
      D'altro canto,non pensando non hanno nessun problema ma non nemmeno la soddisfazione di potersi dire "l'ho superato".
      Anche questo momento ci riempie la vita.
      E ci regalo un sorriso, una amorevole auto-pacca sulla spalla, una spinta all'autostima.
      Ciao carissima. Un abbraccio!

      Elimina
  2. Troppi pensieri di tutti i tipi tutti insieme...sono anni che cerco l'interruttore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so nemmeno se lo hanno inventato quell'interruttore lì.... :(

      Elimina
  3. Ti invito a lasciare un po' da soli i pensieri e venirmi a trovare a questo indirizzo:
    http://tamerici-romina.blogspot.it/2015/02/la-blogosfera-condivide-gennaio-2015.html
    Sei stata nominata! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se è agggggratis vengo!!!!!! :D) :D) :)

      i pensieri fanno parte della vita. Chi non pensa.... è de coccio!
      Arrivo subito!

      Elimina
    2. Grazie infinite Ivano!!!!!!!
      La segnalazione fa veramente piacere ma le parole che hai scritto.... ancora i più!!!!
      Ciao. Un bacione!

      Elimina
  4. Magnifico post, dove ritrovo tutte le espressioni dei miei pensieri in una maniera lucida e costante...
    Peccato che quelli meritevoli di esseri ricordati io non li tenga quasi mai in considerazione..
    Un bacio speciale amica mia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella, non solo tu. Tutti quanti in genere lasciamo campo libero a quelli più negativi e dolorosi. Sarà che sono più prepotenti?
      Un bacio a te!

      Elimina
  5. I pensieri sono la voce della coscienza... quelli fissi, subdoli e a volte molesti sono lì per ricordarci anche i nostri doveri lasciati in sospeso... i pensieri mantengono viva la mete, il cervello sempre al lavoro, fumante... staccare la spina si può... immergiamoci nella cultura, impariamo la concentrazione e rilassiamoci.....
    Grande Patricia che con i tuoi PENSIERI appunto ci fai riflettere e non poltrire!!
    Buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao kly,
      i pensieri non possono abbandonarci proprio perchè abbiamo un cervello, una mente, un cuore. A volte come dici tu, fumano come ciminiere e tolgono il sonno e il riposo.
      Però se non pensassimo mai saremmo pietre!
      Staccare la spina può anche essere dura però credo che si possa fare. Ci si dedica a quello che si ama... che sia cantare a squarciagola o leggere, fare una passeggiata o un bagno caldo e profumato. Qualcosa per distrarci se vogliamo lo troviamo!
      Ciao bella e grazie!

      Elimina
  6. Dobbiamo scoprire come tenerci stretti i secondi e spernacchiare i primi?
    Credo che sia i primi che i secondi servano allo stesso modo...i pensieri infidi sono limiti e i pensieri che si accendono come scintille sono porte aperte verso l'infinito.
    Non avere pensieri è stare immobili...TERRIBILE @_@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se fosse possibile non sarebbe male ma a lungo andare perderemmo di vista cose importanti.
      Io penso che nella vita tutto serva. e esperienze positive e quelle negative, le gioie e i dolori, i pensieri brutti e quelli belli, Di tutto un po' per farci apprezzare maggiormente i bei momenti quando si presentano e arci la forza per superare quelli brutti.
      Un bacio!!!!

      ps niente pensieri? Nooooo! Non siamo pietre!

      Elimina