lunedì 9 marzo 2015

Amare se stessi

Tra i blog che frequento c'è anche http://te-lo-dice-patalice.blogspot.it/

Oggi ha postato un articolo sull'amare se stessi http://te-lo-dice-patalice.blogspot.it/2015/03/milovvo-l-che-vi-streghera.html

In questo post, Patalice si chiede se è possibile (cito)
"amare qualcun altro in modo tanto bello e sano, da non intaccare l'amore per noi stessi?"
Ovvero possiamo amare se non amiamo noi stessi?
Interessante domanda! Stimolante riflessione!
Soprattutto in un periodo come questo in cui i valori veri sovente latitano e quelli che ci governano sono fasulli, traditori, egocentrici. Non/valori, insomma.

Prima di tutto, bisogna forse capire cosa si intende con amare se stessi. 
Se si intende rispettarsi, verbo che ne contempla molti altri (farsi rispettare in primis e poi mantenere le proprie idee, concedersi un po' di tempo per sè, coccolarsi con carinerie varie, la lettura di un libro, l'acquisto di  un rossetto, una seduta dal parrucchiere, cucinare un cibo che amiamo noi ma non troppo il nostro partner.....), è cosa buona e giusta.  Si può fare.
Ma se si intende pretendere di avere ovunque la precedenza, se in coppia si parla di "io" sempre e mai di "noi", allora trovo che non si tratti più di volersi bene ma di egoismo puro e semplice.

Bisogna sempre rifuggire gli eccessi. In tutto. Anche in amore.
L'amore deve essere sullo stesso piano. Nessuno dei due partner deve diventare succube o predominante. 
Occorre saper dosare il proporre le proprie idee difendendole e il  saper accettare quelle altrui. Non cedere sempre. Non sempre imporsi.
In amore si viene anche a patti a volte. L'importante è sempre mantenere la propria dignità. 
Ecco! Sono convinta che una donna che sa dialogare col partner mantenendosi al suo livello anche quando si raggiunge un compromesso,  una donna che può continuare a guardarlo negli occhi, col sorriso nè di sfida nè di sottomissione, sia una donna che si vuole bene.
Penso che sia una donna che coniuga il noi e l'io insieme. Non dimenticandone mai uno.
Mantiene le sue idee, trova il tempo per sè (IO) ma senza nulla togliere alla coppia (NOI).
Se, tutto questo non le costa fatica, se le è spontaneo, sì, questa donna si ama. Questa donna può amare di un amore sano, libero. Ed è amata.
Perchè, ovviamente, il discorso è ambivalente. 
Anche gli uomini devono volersi bene!
Myrtilla








2 commenti:

  1. Che saggia che sei Pat! Vivere insieme è una grande avventura, piena di ostacoli ma anche di momenti meravigliosi.
    Vado a leggere Patalice...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fenice.
      Saggia? Vecchietta!!!!! E con una certa esperieNZA.
      Un bacione!

      Elimina