venerdì 20 marzo 2015

Ci sono cose....

Ho un  brutto carattere ma questo ve l'ho già anche detto. Passando gli anni invece di migliorare come il vino buono, divento aceto. Spiacente! :))))

Ci sono molte cose che non sopporto ma ce n'è una che detesto in modo particolare. Una cosa che nonostante io non sia più di primo pelo ancora mi stupisce e mi irrita.
E pensare che ormai il mezzo secolo è alle spalle da qualche anno e quindi una buona dose di esperienza di vita sul groppone ce l'ho. Beh... nonostante questo la cattiveria gratuita mi lascia ancora interdetta.

Cosa intendo con cattiveria gratuita? Quel comportamento cafone che fa rispondere malamente a persone che parlano con bel garbo e gentilezza, ad esempio. Rispondere offendendo.

Ed è proprio ad un caso del genere che mi riferisco con questo post.
E' successa una cosa simile sul web ma  lasciamo perdere il solito bla bla bla di chi si può incontrare nel mondo virtuale.
Quello che è capitato poteva benissimo verificarsi anche a tu per tu nel mondo reale.
Non è questione del mondo in cui si vive. E' questione di educazione e carattere.
Educazione soprattutto.
C'è modo e modo di dire le cose e ci sono l'occasione giusta e quella sbagliata.
In questo caso mancava proprio del tutto l'occasione.

E' vero che c'è libertà di pensiero e opinione però le cose si possono dire anche senza offendere e far vergognare.
Perchè, sì, io mi sono vergognata. A parte il fatto di pensarla diversamente, mi sono sentita tirata in ballo in una cosa, in un atteggiamento che non condivido.
Non sono razzista. Non valuto l'onestà di una persona dalla sua nazionalità.
Ritengo che il meglio ed il peggio risieda in ogni popolazione della terra, che i buoni e i cattivi si trovino ovunque.
Non amo fare di ogni erba un fascio per idee preconcette o pregiudizi.
Mi piace valutare le persone singolarmente. Capire se con una persona posso andare d'accordo e condividere i miei pensieri e stati d'animo oppure no.
Se mi parlano gentilmente altrettanto gentilmente rispondo, che siano italiani o stranieri.
Se mi pestano i piedi mi trovano, italiani o stranieri.

E mi sono vergognata al pensiero che chi ha ricevuto quella risposta si sia sentita offesa o, peggio, umiliata.
Mi dispiace moltissimo!
Le chiedo scusa a nome mio e di quegli italiani che non sono razzisti, che non vedono il male nella diversità; che nella diversità di cultura trovano una nuova interazione. Fanno scoperte piacevoli. Imparano. Insegnano. Dividono la loro cultura e prendono dalla cultura di un altro.

Le chiedo anche scusa se non sono intervenuta nel post in questione. Le cose sarebbero andate troppo avanti. Non avrebbero avuto fine.
Ho preferito che parlasse chi di dovere.

Ciao, amica albanese!
Myrtilla


8 commenti:

  1. Non so cosa sia successo, ultimamente sono un po' lontana da questo mondo, ogni tanto commento qualche post... Ma immagino...
    Chiedo scusa anch'io a questa persona. Chiedo scusa, a prescindere da come siano andate le cose anche a nome di quegli idioti che ancora non hanno capito che abbiamo tutti le stesse origini, se andiamo molto indietro...

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao stellina
      semplicemente una ragazza si è presentata molto educatamente e un'altra le ha subito detto benvenuta se vi "comportate bene perchè molti stranieri sono animali".
      La risposta della giovane albanese era amareggiata ma molto civile.
      Ti garantisco che la mia lo sarebbe stata molto di meno se fossi intervenuta.
      E'' per questo che ho preferito lasciar sbollire la rabbia.
      Parlando di animali.. caso Melania Rea... caso Yara Gambirasio, Elena Ceste... perfino quegli ultras che si erano sparati prima di una partita... Jenny a carogna e compari...
      Tutti italiani, colpevoli e presunti tali!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
      Pensiamo un attimo prima di giudicare gli altri soltanto perchè sono altri!
      Un bacione stellina! Smack!

      Elimina
  2. Il pregiudizio, nella maggior parte dei casi, deriva dalla paura della diversità e di conoscere l'altro. Mi unisco alla tua corrente di pensiero e di azione "mi piace valutare le persone singolarmente". Se poi si parla di onestà, a maggior ragione, la provenienza di una persona c'entra poco.
    Scrivi che non sei intervenuta in quel dibattito ma, per curiosità, hai fatto sapere all'amica albanese che le dedichi questo post? Magari le fa piacere!
    Buon fine settimana.
    ketty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stella... lo sai che non ci avevo pensato? Glielo dico adesso. Grazie dell'idea!

      Giudicare è sempre brutta cosa. Cercare di capire se con una persona può esserci affinità è un'altra. Parlando di valutare io intendevo proprio quello. Capire se con questa persona ho qualcosa in comune. Fosse anche solo la curiosità di scoprire un mondo diverso dal mio.
      Ciao Ketty.
      Buon fine settimana a te!

      Elimina
  3. Belle le tue parole, che condivido totalmente. Che tristezza -_-
    Ciao Patricia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Glò, cci sono rimasta male sai... in fondo la ragazza straniera era stata molto gentile ed educata. Ti dirò, che al commento in cui si diceva che gli stranieri si comportano come animali, ha risposto con altrettanta educazione. Amareggiata, sì, ma educata.
      Io non lo sarei stata di certo!
      Ciao Glò!

      Elimina