giovedì 26 marzo 2015

Dal blog di Kly

http://tucc-per-tucc.blogspot.it/2015/03/ciao-mamma-sono-un-bullo.html

Bullismo... parola orrenda che sta finalmente venendo fuori e portando con sè episodi che di umano hanno ben poco.
Combatterlo si può!
Non bisogna aver paura di parlarne, di denunciare...
Non bisogna aver paura di usare il pugno duro coi bulli. In fondo, loro mica ne hanno avuta nei confronti delle loro vittime!
Myrtilla

12 commenti:

  1. Vado a leggere... l'argomento è sicuramente complesso...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto complesso Miki. Doloroso per le vittime e dannoso per i "carnefici" che se continueranno a passarla liscia potrebbero diventare sempre più carnefici in quanto convinti di avere una sorta di immunità al vivere civile

      Elimina
    2. Non sono di quelli che la fanno facile, per carità, però credo che davvero nella maggioranza dei casi sia una ragazzata, risolvibile al meglio.
      Poi ci sono casi davvero problematici... ma lì dovrebbero intervenire degli esperti...

      Moz-

      Elimina
    3. Per conto mio ragazzata è spaccare il vetro di una finestra giondo a pallone... al limite fregare la colazione ad un altro mangiandogliela poi davanti al naso.
      In certi casi, non le chiamerei affatto ragazzate. Ci sono filmati in cui si vedono ragazze più grandi che ne pestano una più piccola e tutti gli amici guardano e ridono. Filmano ma non intervengono.
      Queste non sono ragazzate. Possono essere casi limite ma purtroppo sono in aumento. Come le cattiverie gratuite, le falsità messe in giro su altri.... se tu mi dici che certi filmini a sfondo sessuale possono essere colpa anche dei protagonisti ti posso anche dare ragione. Sempre che entrambi o uno dei due sapesse che veniva ripreso

      Elimina
    4. Guarda, secondo me ultimamente -complici anche le nuove tecnologie- l'asticella si è purtroppo alzata.
      Ho visto diverse storie così, di tutti i generi, alcune anche sulla mia pelle, ma erano in effetti altri tempi.
      Le cose ci citi tu sono sicuramente non ragazzate ma vere piaghe sociali, forse addirittura si esce dal contesto di bullismo per andare in altri crimini...

      Moz-

      Elimina
    5. Indubbiamente si è alzata l'asticella. E' anche un modo per farsi notare, per far vedere che si è capaci a... e poi naturalmente riprendere col cellulare e mettere in rete.
      Come se fossero attori di un brutto film.
      Sul fatto che alcuni sono più crimini che bullismo concordo. Avevo visto un filmato di un pestaggio da parte di una ragazzina ad una "rivale" che giuro! mi ha fatto prudere le mani!!!!

      Elimina
  2. Bisogna combattere il bullismo iniziando dalle famiglie, certi genitori sono peggio dei figli.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vincenzo.
      Ti do perfettamente ragione. Certi genitori sono peggio o perchè troppo permissivi e pronti a difendere i pargoletti ad oltranza, oppure perchè danno l'esempio .
      Ciao e grazie!

      Elimina
  3. Ciao Pat,
    ho condiviso anch'io il post di Kly ed ho pubblicato una mia riflessione, riportando l'esperienza familiare con i miei figli, che in confronto ad altre può essere "più leggera", ma ...provare per credere!
    Un abbraccio:))
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marilena. Diciamo che in un certo senso anche noi abbiamo avuto esperienze del genere. Non gravi ma non hanno assolutamente fatto bene.
      Vengo subito a leggere.
      Buon weekend

      Elimina
  4. Ringrazio tutti per la condivisione e attenzione sul tema proposto questa settimana. E' un tema che mi ha affettato anche personalmente e spero che nessun ragazzo e nessuna famiglia debba mai passare per tutto quell'inferno in silenzio!!
    Ai genitori un appello... parlate con i vostri figli e leggete anche i loro silenzi! Osservateli e fate capire che ci siete e che possono contare con il vostro aiuto! Preoccupatevi delle LORO cose e seppur lasciandoli indipendenti seguite i loro passi nell'ombra.... Il bullismo è dietro l'angolo e porta solo a dolore, lacrime e disperazione, da soli non ne escono!!!
    Kly

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era il minimo che si potesse fare kly.
      A tacere, le cose non si risolvono. Già parlarne è difficile; già essere ascoltati non è semplice ma se continuiamo a pestare su questo tasto dolente prima o poi si troverà qualche soluzione.
      Sì! Il bullismo è dietro l'angolo. Dietro a qualsiasi angolo. E sì, porta dolore, lacrime e lascia segni perenni nell'intimo.
      Difficile guarirne del tutto quando si è stati vittime!

      Elimina