martedì 24 marzo 2015

Gustave Flaubert

Non c’è nulla di così umiliante come vedere gli sciocchi riuscire nelle imprese in cui noi siamo falliti.
Gustave Flaubert

Vero, ma, a questo punto  mi vengono in mente alcune domande.
Perchè? Come mai?  Cosa ho sbagliato?Sono stupida io o questo sciocco ha avuto fortuna?

Forse però sarebbe più giusto chiedersi: ha avuto un aiuto? E da chi?
Già! Al giorno d'oggi soprattutto visto che le raccomandazioni, le spintarelle, gli appoggi sono fondamentali.
Lo ricorda nuovamente anche la cronaca di questi giorni a proposito di un certo lavoro trovato ad un figlio di politico.
Non voglio dire con questo che ill giovane in questione sia sciocco. No, però sottolineo le parole raccomandazione, spintarella, appoggio.
E questo è solo un caso famoso. Non l'unico certo ma è balzato agli onori della cronaca perchè coinvolgeva un ministro.

E' normale quindi sentirsi umiliati a volte ma  non basta. Non serve.
Non sarebbe meglio ribellarsi? Porre fine ad una pratica molto usata in Italia?
Risorgere dal fango dell'umiliazione e riprendersi la dignità?

Dire:
Io valgo perchè ho le capacità, i titoli di studio adeguati, l'esperienza che contano di più di  un nome.

Myrtilla


32 commenti:

  1. Così sarebbe il mondo giusto e perfetto...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Miki, ma la perfezione non è di questo mondo!!!!!!

      Elimina
  2. Alle volte veramente temo che la meritocrazia in Italia rimanga una pia illusione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La meritocrazia in Italia esiste, Nick.... infatti è meritorio essere di figlio... leggi politico, imprenditore, fiinanziere.... :)))))
      Che schifo!

      Elimina
  3. In Italia la meritocrazia è un optional e molti soffrono della famosa sindrome di Stoccolma.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  4. Ciao Patricia, bel sogno... poi vedi che il collega universitario è improvvisamente diventato un genio ed ha fatto dieci esami in una sessione o che quel tale ha un certo posto di lavoro, ma non sa nemmeno lì cosa ci sta a fare... e allora ti svegli, anche con un certo rodimento di fegato.
    Ma che ci vogliamo fare... c'è chi può e chi non può... io "non può" ma aspetto la resa dei conti ;)

    Baci baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S. non ti dirò che mi sono appena accorta di non essere iscritta al blog... ecco perché non trovavo mai i tuoi articoli sulla pagina di blogger xD risolto! ;)

      Elimina
    2. E tu, in senso lato perchè sto parlando del mi marito, dopo 37 anni di esperienza e chiuli neri, sei niente.... girano? Anche la gastrite!!!
      E quando arriva questa resa dei conti, torna a casa con cent'anni di meno e un sorrisone.....

      per l'scrizione... ahiahiahi!!!! Dieci pizze mi devi offrire almeno.... ahahahhahahahaha

      Tranquilla! Non è niente di grave!

      Elimina
    3. Si poi sono soddisfazioni :D

      Ahahahahahahah ok! Ma l'iscrizione al blog non era gratuita? Con dieci pizze da offrirti è una distrazione che comincia a costarmi un po' cara, quasi quanto il non aver chiuso il pollaio... :°D

      Elimina
    4. VA beh...proprio solo perchè sei tu ti faccio lo sconto! Faccio 9 e tre quarti! ahahahahahhaahah
      Ciao carissima! Buona serata! Un bacione!

      Elimina
  5. Eh Patricia hai proprio ragione! Anche io sento una rabbia accendersi dentro ogni volta che sento e noto certi favoritismi.... e una qui a tirare a campare sapendo di avere qualità eccellenti!! È UN'INGIUSTIZIA PERÒ.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, kly! C'è atro che da arrabbiarsi a volte! Vedo il marito.... 37 anni di lavoro nello stesso settore e poi uno appena arrivato vuole saperne di più. Salvo poi andargli a dire ma questo schema... come è complicato!
      Oasciamo perdere! Quando arriva nero così è meglio tacere e aspettare che passi un po' prima di parlare

      Elimina
  6. Brava. Ottima parola: ribellarsi!
    Sino ad ora non ho denunciato raccomandazioni ma... se venissi a conoscenza anche di queste, sta' sicura che partito con la segnalazione. Fossero anche figli di mafiosi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì ma nn basta una persona sola. Dovrebbero farlo tutti. Dovremmo farlo tutti.

      Elimina
    2. Eh lo so, però intanto io fo la mia parte. Vedo troppa gente che si gira dall' altra parte, e sinceramente se mi debbo girare per vedere altre raccomandazioni altrove, preferisco rimanere a guardare dove guardavo, e denunciare!

      Elimina
    3. E dobbiamo cercare di farla tutti per far finire uesto malcostume imperante!

      Elimina
    4. Molti sottostanno perché dicono
      "senza raccomandazione non si lavora" ma se poi la subiscono, s' indispettiscono.
      Ma non denunciano. E quindi a che serve indignarsi se non si denuncia? Se non si fa nulla per cambiare la situazione? Semplice, perché si pensa "se tolgo la raccomandazione, il giorno che servirà a me, sarà illegale, e non potrò usufruirne come ne hanno usufruita gli altri"
      Una mentalità veramente orrida.

      Elimina
    5. Il fatto che non è nemmeno semplice avere raccomndazioni. Devi conoscere quello che conosce quell'altro che conosce quell'altro ancora... oppure avere un mucchio di soldi da pagare bustarelle.
      A parte questo, sarebbe proprio ora di finirla con questo modo di trovare lavoro. Incompetenti che vanno a coprire incarichi importanti. Persone che hanno sìgli studi, le basi le capacità di fare lo stesso lavoro e si ritrovano a fare l'operaio in linea.
      E' una vera schifezza!

      Elimina
  7. non conoscevo questa frase di Flaubert, concordo in pieno :D
    ciao Pat!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho scovata per caso, sai. E siccome proprio in questi giorni ho avuto l'ennesima controprova che con le amicizie si passa davanti a tutti....
      Ciao bella, un bacione!

      Elimina
  8. https://youtu.be/bV1yoiqVilo

    RispondiElimina
  9. https://youtu.be/bV1yoiqVilo

    RispondiElimina
  10. Siamo ancora troppo pigri per ribellarci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso di sì, anche se do ragione a Glò che più sotto dice che a tanti non conviene ribellarsi.
      A parte che ormai siamo così abituati a certe cose che ci arrabbiamo il tempo di un respiro, poi, siamo sempre dalla parte sbagliata. Intendo dire che il coltello dalla parte del manico ce l'hanno in mano quelli che comandano e quelli che gli leccano i piedi

      Elimina
  11. Eh... sarebbe proprio bello.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe.. condizionale però!
      Dovremmo farlo tutti insieme ma gli italiano sono parecchio individualisti purtroppo.

      Elimina
  12. Per ora è utopia!
    Mi tappo il naso e vado avanti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo esserci tappati il naso noi, mi avanzano delle mollette. Te ne serve una?????
      Che tristezza, a volte!

      Elimina
  13. Non converrebbe a troppi, ribellarsi :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su questo Glò, non c'è dubbio. Soprattutto a quelli che per tirare avanti leccano piedi a destra e a sinistra.
      Bisogna esserci portati, però a volte la necessità ti insegna :(((

      Elimina