martedì 31 marzo 2015

Ricetta moooolto speciale!!!!


Volete sapere gli affari degli altri?
Intendo, vita morte e miracoli? E magari anche il numero di scarpe?
Vi do una ricetta formidabile!

Prendete un paesino di circa duemila anime.
Ponetelo in uno studio medico.
Aggiungete una dozzina di persone, età media oltre i sessanta.
Mescolate bene, sedetevi e aprite le orecchie.
Ah, dimenticavo!
Di questa dozzina di persone servono queste proporzioni:
60% di pettegoli, 10% di superpettegoli, 10% di cattivi. Ancora meglio se 20% di superpettegoli cattivi. Rende meglio!
Il restante 20% di pazienti sbuffanti.

Così potete venire a conoscenza, che vi interessi o meno, di tutto su tutti. Malattie, soldi, corna eventuali.

Consiglio, se permettete. Prima di iniziare a preparare questa ricetta, prendete un bel tranquillante altrimenti rischiate quello che ho rischiato io ieri mattina... di mandare affanc... una certa persona.

Ho dovuto portare mia madre dal medico. Studio pieno e già una paziente in sala visita.
"Uff.. ma quando esce? Ma quanto impiega? Diceva che stava male ma daiii.... non può uscire? Andiamo a casa domani così..."
Peccato che la paziente in questione stesse davvero male!
Il medico ha chiamato il marito e poi l'ambulanza per farla ricoverare. E il nostro non è un medico che non ti guarda nemmeno in faccia. Quando si deve dare da fare, si dà da fare. Anche se in paese dicono sovente il contrario.
Comunque, a parte la percentuale di risposte che era pari a zero, la pettegola continuava imperterrita a sbuffare e parlare.
"Ma sai chi è? E' XXX, la romena... quella che fa le pulizie da YYY. Quella che ha sposato XYZ. E' arrivata qui con la valigia di cartone e adesso macchina, un bell'alloggio perchè io l'ho visto eh.. proprio bello! E chissà cosa ha combinato per stare male?"
Una parola di pena per la malcapitata no. Solo cattiverie e pettegolezzi. E pensare che la madama in questione è stata operata al cuore quindi se volesse ricordarsene dovrebbe sapere cosa significa stare male.

Quando non ne potevo più e stavo per dirle "possiamo ringraziare di non essere noi al posto di quella poverina" è arrivata la figlia con la nipote. Già! Perchè la pettegola teneva il posto a loro.
A quel punto ha ancora fatto un po' di confusione su chi c'era prima di lei, dimenticando sempre ovviamente un sudamericano e però non l'ha mai presa in considerazione e poi se ne è andata.

Hai capito, tu? E' vedova, sola, ultra ottantenne, niente da fare... aveva trovato il modo per passare il tempo.
Due ore seduta in studio a "chiacchierare con uno cìe con l'altro. Peccato che nessuno le desse retta!

E poi mi chiedono perchè a volte rimpiango la città... perchè nessuno si conosce! E se già così trovano il modo di spettegolare, figuratevi in un paesino!

Ps giuro solennemente che la prossima volta che incontro per strada la pettegola cambio marciapiede! Non sia mai che mi venga voglia di tagliarle quella linguaccia!
Myrtilla

16 commenti:

  1. Beh almeno nessuno le dava retta!!! Già nel mio paese siamo in trentamila e non si sfugge alle pettegole... Sono una piaga :)

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Maira ma sai che OO??????????????
      Mi sono salvata al pelo, però perchè stavo proprio per risponderle non troppo educatamente.
      Piaga? Eccome!

      Elimina
  2. Ma il paesino è bello proprio per questo... XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu dici Miki? A me ste linguacce mica piacciono sai....

      Elimina
  3. ...ecco perché non rinuncerei mai alla vita di paese....

    RispondiElimina
  4. D'accordo con Miki. ..anche questo è il bello del paese... è un classico, la pettegola saccente di tutto e tutti. ma, l'importante, la tua mamma tutto ok vero? Malanni di stagione. ... un bacio a tutte e due. ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' il bello e il brutto! Ma si sa che tanto è sempre stato così e sempre sarà.
      Pensa che in paese io sono ancora la frustera (la forestiera) e sono trent'anni che abito qui....
      Mamma 80 anni e brochite asmatica cronica e asma...come se non bastassero gli altri acciacchi
      Bacio anche a te Kly!

      Elimina
  5. In effetti nei paesini non ci si fa proprio i fatti propri. Ma questo accade anche in cittadine più grandi, soprattutto al sud ( e te lo dico perché sono del sud ).
    La gente critica, ti dice una cosa davanti e da dietro un' altra, giudica, mette in giro voci false, chi prende queste notizie le reputa al 99% per vere ( perché la mentalità retrogada che hanno li impone a crederci ciecamente )...
    Prendi una grande città: tu passi davanti a uno, e questo manco ti fissa, come se tu fossi trasparente.

    Ciao Patriii!!! Rivotataaaaaaaaaa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La doppia lingua è di prammatica. Davanti te le fanno buone e criticano gli altri. Alle spalle poi.....
      Nel 1996 sia io che mia madre abbiamo avuto uno scontro diretto col cancro. SEnza dirlo a nessuno in paese, quando ci andavamo tutti ci fermavano a dirci Oh... ma basta! Ma così giovane!
      E poi ho saputo col tempo , scusa, ne ho avuto la conferma tempo dopo, che ci avevano date per morte entrambe. Avevano già stabilito che mio marito con quarant'anni e una bimba di sei avrebbe dovuto risposarsi eccetera eccetera....
      Che ti devo dire????? Tièéèèèèèèèèèè!!!!!!

      ps GRAZIE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      Elimina
    2. Eh beh, le persone amano sparlare, sparare sentenze e sapere tutto della vita degli altri. Si vede che la loro vita non è interessante o sono talmente depressi che rompono gli altri. Booh

      Elimina
    3. Forse forse hai fatto una buona diagnosi sai....
      Mia nonna diceva che chi parla darè parla al panè.... chi parla dietro alle spalle parla al chiulo.
      Attenderanno anche la risposta???????????

      Elimina
  6. Ma quindi non c'è un'età massima per le idiozie?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo Fortunata. Anzi, a volte mi accorgo che più passano gli anni e peggio diventano!

      Elimina
  7. Ciao Patricia, mi dispiace per tua madre. Auguri per una pronta guarigione.
    Purtroppo il pettegolezzo è sport nazionale: qui da me siamo 100.000 abitanti eppure tutti sanno tutto di tutti (pure quello che non sanno nemmeno i diretti interessati, pensa xD). La cosa che mi urta profondamente è che tutti ci credono come se i pettegolezzi fossero fonte di verità assoluta.
    Non a caso i miei amici sanno che se gli arriva qualche voce su qualcosa che avrei detto o fatto, prima di pensare qualsiasi cosa devono venire a parlare con me.... e viceversa :)
    Baci cara, a presto
    Poiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Poiana, Purtroppo c'è anche una certa età.... e incomincia a pesare.
      Avete deiso la cosa migliore possibile anche perchè la fantasia di questi pettegoli è incredibile!
      Non ho ancora capito una cosa però. Sono loro che sono veramente in gamba a contar balle o sono gli altri che hanno una gran voglia di fars prendere in giro? Mah....
      Ciao stella. Buona giornata!

      Elimina