giovedì 25 giugno 2015

La notte porta con sè

Dicono che la notte porta consiglio.
Porta anche scompiglio ma questo nessuno lo dice. Se capita se lo tiene per sè.
Lei avrebbe fatto la stessa cosa. Silenzio assoluto con tutti. Anche perchè non le aveva buttato all'aria solo la serenità del sonno costringendola ad ascoltare il ticchettio della sveglia fino al mattino, occhi sbarrati e cuore a mille..
Le aveva pure fatto venire forti dubbi sulla sua sanità mentale.
Quello che le era successo aveva dell'incredibile. Un brutto sogno. Forse... eppure più ci ripensava e più si convinceva di essere stata sveglia. Troppo reale l'accaduto, il panico, il battito del cuore alle tempie
Era successo un paio di ore dopo che si erano coricati. Un gelo improvviso l'aveva avvolta come un bozzolo svegliandola. Si era trovata immersa in un buio completo, come se tutta la luce del mondo fosse scomparsa di colpo.
Poi, dall'angolo, tra l'armadio e la portafinestra, dei passetti. Veloci ma strascicati... come di bambino che corre o di vecchio che ha problemi a camminare.
Forti. Nel silenzio assoluto si sentivano alla perfezione. Reali. Troppo per essere solo un sogno.
In preda al terrore aveva tirato le coperte sotto il mento, tremando. Freddo e paura insieme.
I passi si erano avvicinati. Avevano costeggiato il letto dalla sua parte. Di colpo si erano fermati. Era come se una qualche presenza estranea fosse in piedi vicino a lei. Un'ombra scura, ancora più buia del buio totale che la circondava.
Poi, le dita... quelle dita che le premevano la coscia. Indice e medio schiacciati sulla sua gamba.
In preda al terrore aveva implorato Vai via ti prego! E tutto era cesato. Così.. di colpo.
Il gelo aveva abbandonato la stanza, l'oscurità di nuovo addolcita dal lampione sulla strada, il leggero russare del marito accanto a lei.
Si era accorta di essere in un bagno di sudore ma non aveva spostato le coperte. Muro invalicabile contro l'ignoto. Si era apppoggiata a lui come in cerca di protezione.
E si era fatto mattino. Lentamente. Con la mente incapace di pensare all'accaduto. Gli occhi in perenne ricerca di nuovi strani fenomeni.
Un momento! Come faceva a sapere che l'avevano toccata l'indice e il medio? E quei passetti... C'era solo... solo una persona che aveva quell'abitudine... che camminava così con i suoi quasi novant'anni.
Adesso sapeva chi era venuta a trovarla quella notte.
Myrtilla

24 commenti:

  1. Brava l'ho letto molto volentieri continua così :)^__^

    RispondiElimina
  2. Wow che brividi... Inquitante davvero, ma allo stesso tempo c'è quasi dolcezza... Non è scritto, ognuno può interpretarlo a modo suo... Ma mi piace pensare che quel novantenne sia il caro nonno... :)
    Certo che però far visita così, di notte... insomma poteva pure risparmiarsela il nonnino :D

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello scherzetto vero Maira? :)))
      Io ho pensato ad una persona anziana perchè avevo in mente una signorina morta pochi anni fa e che superava i 90 anni. Potrebbe essere però chiunque... qualunque nostro caro che non c'è più.
      Ciao bella!

      Elimina
  3. Cara Patricia, un racconto che non bisogna leggerlo prima di coricarsi, altrimenti quella notte diventerà sicuramente un brivido...
    Complimenti cara amica un racconto veramente da brivido, ciao e buona giornata.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Tomaso.
      Ma fa tanta paura? Ma no, daiiii.... è solo un racconto...
      Buon pomeriggio a te!

      Elimina
  4. Ah! Quanto mi piacciono queste "storie" ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo Diego! Queste "storie".... ciaoooo

      Elimina
  5. Risposte
    1. Grazie effe.... un po' di mistero... di suspence....

      Elimina
  6. Risposte
    1. Grazie Annalisa! Mi fa piacere essere riuscita a farlo.
      Un bacione!

      Elimina
  7. Bello, ma che paura!!! Spero di non ricordarlo stanotte.
    Ciao ciao
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sinforosa, ma noooo... paura?
      Non è un horror :))) Però, forse sì.. un poco.
      Ciao e buon weekend

      Elimina
  8. Sapessi quante volte sogno ad occhi aperti che quella persona mi venga a tovare, lo aspetto lo aspetto , ma non arriva..
    A volte qualche profumo di fiori qualche ombra strana, qualche scricchiolio ..ma i cani sono tranquilli, solo il suo spesso alza la testa , pecrhè non vedo quello che sente lui?
    Bacio adorabile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella, scricchiolii, ombre strane, rumori dove non c'è nessuno, profumi... già! Conosco la situazione..
      .
      I cani hanno uno spirito vergine confronto al nostro, non ancora contaminato dai problemi umani. Forse è per questo che sono più sensibili.
      Poi, il suo cane.... chissà che legame c'era tra di loro... fortissimo e profondo!
      Ciao carissima!

      ps magari faccio un pensierino su questi commenti e scrivo un altro post... post di riflessioni varie.

      Elimina
  9. spesso chi ci ha tanto amato torna a trovarci, fortunato chi ha la capacità di sentirlo, io no ma a volte vorrei

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Flo.
      E se ti dico che in quel preciso momento c'è da morire di paura?
      Uno ritiene di essere pronto ad affrontare simili visite. Si convince di esserci abituato ma quando capita... è sempre come la prima volta.
      Opure io sono una fifona patentata.
      Un bacio.

      Elimina
    2. anche io avrei paura, sono sicura, ma vivo con dei famigliari che con queste " cose " hanno invece dimestichezza e non le temono, anzi le sanno gestire, beati loro, io, unica razionalista della famiglia non merito simili esperienze

      Elimina
    3. Beati loro, sì. Io non riesco a gestirle....
      Mio marito è come te, razionalista e pure pragmatico ma ne è ben felice così non ha esperienze simili.

      Elimina
  10. non sogno quasi più...
    ha un lato positivo, non faccio più incubi...
    tuttavia, lo scompiglio notturno, lo sento anche io

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patalice,
      io sogno praticamente sempre. A volte non li ricordo i sogni però ho una strana sensazione, come di qualcosa che mi sfugge e invece è lì a portata di mano.
      Perchè ne ricordo solo alcuni e non altri non so. Perchè li ricordo ma quando mi accingo a parlarne o a scriverne immancabilmente spariscono dalla mia memoria come cancellati da una passata di spugna nemmeno.
      Però, sogno. E magari nascono anche raccontini

      Elimina
  11. Me l'ero perso.... l'ho letto adesso e.... wee che io sono impressionabile e adesso ho paura!! Soprattutto in questi giorni che mio marito fa la notte, ecco, adesso non dormo più!
    Che sei grande in lettere era risaputo, ma qui sei riuscita a farmi venire i brividi... di terrore!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ohi ohi!!!!!
      Non mi chiederai mica i danni eh.....? No tengo dinero!!! Solo tanti sogni e tanto sonno!!!!
      ahahahahahha

      Elimina