sabato 20 giugno 2015

Tag: AD OGNUNO IL SUO (LIBRO)

Sul blog di RobbyRoby
http://robbyroby.blogspot.it/2015/06/tag-ad-ognuno-il-suo.html
(andate a leggere così scoprite da dove lo ha preso lei) ho trovato questo tag o meme simpatico e nemmeno troppo semplice.
Si tratta di prendere l'alfabeto e per ogni lettera indicare il titolo di un libro letto o in lettura.
Che ne dite? Ci provo? Io sì, e voi?

A
ANNA KARENINA, di Tolstoj. 
Perchè è un grande classico. Intramontabile. Fa sognare, innamorare, arrabbiare....  piangere.

B
BAUDOLINO, di Umberto Eco.
Perchè Eco sa essere grande. Perchè la sua scrittura è accattivante, le sue narrazioni forti e chiare. Perchè leggendo Baudolino ho sorriso, mi sono sentita presa leggermente per i  fondelli tanto da andare a cercare notizie su Barbarossa.
Perchè è stimolante, insomma.

C
CUORE DI TENEBRA di Joseph Conrad.
Perchè  Kurtz è...  Kurtz. Basta! 
Impossibile, senza scrupoli, pieno di ombre dentro e fuori. Ombre che nasconde in fondo al suo cuore sotto ad un macigno per non lasciarle venire a galla ma che alla fine si risolleveranno rendendo l'uomo folle un uomo "umano".

D
DON CAMILLO, di Giovannino Guareschi.
Perchè non si può non conoscere questo prete così particolare, così irruento, così sanguigno; un prete che fa della religione un'arma ma non per ferire: per fare  innamorare di essa.

E
ENEIDE, di Virgilio.
Perchè è un poema epico classico. Perchè con le vicende di Enea ci narra la storia del primo germoglio di Roma. Quella città eterna ed eternamente grande
che tanta parte ha avuto nella storia antica.

F
FUORI DA OGNI EVIDENTE DESTINO, di Giorgio Faletti
Perchè il passato è il posto più scomodo in cui vivere o tornare. Perchè Jim Mackenzie dovrà farlo e dovrà affrontare una sfida delle più difficili: quella con se stesso.

G
GUERNICA, di Carlo Lucarelli.
Perchè come sempre nei libri di Lucarelli niente è sicuro e il certo non c'è. Deve scoprirlo il lettore. Deve deciderlo,  il lettore.

H ??????

J
JURASSIC PARK, di Michael Crichton.
Perchè la preistoria mi ha sempre appassionato. Perchè i dinosauri sono sempre stati animali possenti. Perchè è meglio leggere di loro che incontrarli de visu.
E Crichton sa benissimo come parlarne. 


I
IL PASSATO È UNA TERRA STRANIERA, di Gianrico Carofiglio.
Perchè crescere è faticoso. Perchè se si incontrano amicizie sbagliate è facile perdere la giusta rotta. Perchè questa rotta si può sempre ritrovare, in un modo o nell'altro.

K ???????

 
L
LA PAGA DEL SABATO, di Beppe Fenoglio.
Perchè Fenoglio sa descrive la vita della sua (e mia) gente in maniera straordinaria. Perchè i fatti di cui parla sanno di realtà.

 
M
MILLE SPLENDIDI SOLI, di Khaled Hosseini.
Storia di donne afghane, una harami (bastarda) e una ragazza di buona famiglia che si ritrovano in un Afghanistan preda dei talebani e sono da anni vittime   sacrificali dello stesso marito violento.
Ma arriverà la loro liberazione anche se il costo sarà molto alto. Troppo alto e a noi strapperà lacrime di dolore e disperazione.


N
NOSTRA SIGNORA DELLA SOLITUDINE, di Marcela Serrano.
Grande Marcela! Dietro ad una sparizione ci possono essere molte cause. Quando è la solitudine a causarla, quella solitudine interiore che colpisce anche in mezzo a tanta gente, ritrovare lo scomparso è una caso di coscienza. Non solo di capacità.


 

O
ODISSEA, di Omero
Amo l'epica classica. Le vicende di Ulisse tra muse e maghe, tradimenti e sotterfugi, fanno parte di quella porzione di letteratura universale che mai sarà coperta dal velo della polvere. 


P
POESIE D'AMORE, di Pablo Neruda
Adoro Neruda! Basta! Non credo abbia bisogno di ulteriori commenti.

 

Q
QUINTA COLONNA, di Graham Greene
Un grande romanzo di spionaggio, scritto su una drammaticità di fondo che non lo abbandona mai.
 


R
RITRATTO DI SIGNORA,  di Henry James.

Se dapprincipio Isabel vuole mantenere la sua libertà, quando incontra una presunta amica cade nel tranello peggiore e sposa un dandy egoista e manipolatore. Vita infelice che però non riuscirà ad abbandonare per salvaguardare il buon nome. Da chiedersi, leggendo di Gilbert Osmond, e ne valeva la pena.

S
SMETTILA DI CAMMINARMI ADDOSSO, di Claudia Spriano.
Grande storia tutta al femminile. Basata su una vicenda di violenza domestica, dimostra che quando si vuole aiutare qualcuno si può convincerlo a lasciarsi aiutare. Che l'unione fa la forza. Che tra donne si riesce, al di là degli stereotipi, a fare squadra vincente. 


T
TRE CROCI, di Federigo Tozzi.
La storia di tre fratelli ormai in rovina. Tre vittime della loro stessa esosità.
Distrutti nelle finanze e nell'onore da quella ambizione sfrenata che è peccato capitale. Ma nonostante questo, irriducibilmente boriosi.



U
UN UOMO, di Oriana Fallaci.
Perchè è un ritratto di un uomo fatto da una donna innamorata che però riesce a vedere pagina dopo pagina la realtà così come è. Un uomo amato e odiato al tempo stesso, grande nel coraggio della lotta politica e nelle piccolezze dell'essere umano.

 
V
VIAGGIO AL TERMINE DELLA NOTTE, di Louis Ferdinand Cèline
Libro oscuro, tetro. Cinico. Denigratorio contro la professione medica e la passione professionale. Contro tutto.
Il termine della notte visto come il termine della vita, vita che è scura perchè priva di speranza e di sorrisi. 


W
WALHALLA, di Ken Follett
Perchè se è vero che Ken Follett non scrive libri impegnati e impegnativi, è anche vero che ogni tanto ci vuole una lettura scorrevole e di svago. Ken Follett in questo è maestro.
 

ZORBA IL GRECO di Katzanzakis.
Perchè Zorba è un uomo completo. Eterno sguardo stupito sul mondo, eterna furbizia di uomo di mondo. Scanzonato, ironico, istrione, donnaiolo, capace di fare tutto e fare niente. Ma vive bene.
E' il ritratto di chi sa prendere il meglio dalla vita anche se deve spremere il peggio che gli capita.

Io ho finito e voi che fate? Dai, che sono curiosa!!!!
Myrtilla
 





     

14 commenti:

  1. Harry Potter per l'H ?
    Io non l'ho letto tu forse si....
    Per la K non mi viene in mente nulla come iniziale solo Trilogia della città di K ma non inizia per K
    adesso vado a vedere il post

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Flo ma lo sai che hai ragione?
      Come ho fatto a non pensarci? Li ho letti tutti! E tutto sommato mi sono anche piaciuti. Come lettura di svago anche se comunque con un fondo di realtà, se vogliamo leggere la rivalità tra streghe e stregoni purosangue e gli altri mezzosnague o babbani.
      La trilogia di cui tu parli non la conosco.
      Ciao!

      Elimina
  2. Caspita, di tutti questi ho letto solo l'Odissea, a parte qualche poesia sparsa di Neruda.
    Comunque Viaggio al termine della notte ce l'ho nella coda di libri in attesa.
    Per il momento passo, perché nel mio blog ho un intasamento di post... comunque la mia K sarebbe "K" di Roberto Calasso ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ivano, sono andata a curiosare a proposito del libro di Calasso. Però!!!! Praticamente un libro sulle opere di Kakfa.
      Ho letto La metamorfosi e ho in attesa Il processo.
      Il problema èche in attesa ne ho tanti!!!!!!!

      Cèline è abbastanza opprimente.

      Elimina
  3. Ciao
    sono contenta che hai fatto il tag...........Don Camillo ho visto i film troppo forti- Io ho scoperto Louis Ferdinand Cèline da un libro che ha scritto Marina Alberghini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Robby,
      come facevo a non partecipare?
      ahahahahhaahhah

      I film di Don Camillo li ho visti tutti e sono sempre eccezionali!
      Il libro invece l'ho ereditato da non so più chi....forte!!!

      Elimina
  4. Allora, provo a rispondere facendo listona di libri già letti :P
    Americana di Don DeLillo
    Baudolino di Umberto Eco
    Cime tempestose di Emily Brontë
    Diario di un killer sentimentale di Luis Sepúlveda
    Easter Parade di Richard Yates
    Foglie d'erba di Walt Whitman
    Gli inganni di Locke Lamora di Scott Lynch
    Herzog di Saul Bellow
    Isola con fantasmi di John Banville
    Jezabel di Irène Némirovsky
    Knulp di Hermann Hesse
    Libertà di Jonathan Franzen
    Musica per camaleonti di Truman Capote
    Notturno indiano di Antonio Tabucchi
    Occhi blu capelli neri di Marguerite Duras
    Post Office di Charles Bukowski
    Questa è l'acqua di David Foster Wallace
    Ricordi di un vicolo cieco di Banana Yoshimoto
    Soffocare di Chuck Palahniuk
    Tenera è la notte di Francis Scott Fitzgerald
    Utz di Bruce Chatwin
    Vita di Vittorio Alfieri
    Zoo di Isabella Santacroce
    Non pervenuti titoli relativi a W,X,Y :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Baudolino, Cime tempestose, Diario di un killer sentimentale, Foglie d'erba li ho letti anch'io.
      Gli altri non li conosco.
      Di Alfieri in casa ho Saul.

      Bella lista a tua. Prenderò spunto!

      Elimina
  5. Così su due piedi è complicato... Prometto di provarci nei prossimi giorni ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ariano, semplice non è affatto.
      Ci ho pensato un po' sopra, anche perchè la memoria mi tradisce facilmente e poi ho aperto la pagina di documento dove sono elencati tutti i libri della libreria e ogni tanto ho esclamato "ma che scema! Già!"
      ahhahahahahahahh
      Comunque sono curiosa di leggere la tua lista. C'è sempre da prendere spunto per le prossime letture.
      Ciao!

      Elimina
  6. anche io ci penserò guardando i titoli nella libreria così zero assoluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, Flo, sono proprio curiosa sai?
      Ciao!

      Elimina
  7. bello, due terzi dei libri citati non li ho letti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ferruccio,
      senz'altro ne hai letti altri che non abbiamo letto noi... :)

      Elimina