martedì 28 luglio 2015

Cinque libri che non ho letto

Sul  blog di Saeglopur http://unbaulepienodigente.blogspot.it ho scoperto questo meme.

                                        5 LIBRI CHE NON HO LETTO

Interessante! Una persona crede di leggere molto ma se si ferma a riflettere un secondo si rende conto che è vero solo in parte.
Io, ad esempio, mi considero una buona lettrice, però i libri che non ho letto sono tantissimi. Non mi basterebbero due vite consecutive per mettere mano a tutti quelli che vorrei. D'altronde, credo sia praticamente impossibile leggere tutto quanto è stato stampato dagli albori del libro ad oggi.
Tenuto conto poi che ogni giorno ne vengono stampati milioni.... eh! Non credo sia umanamente fattibile.

Dovendo elencarne solo cinque ho pensato parecchio e poi sono arrivata a questa conclusione:

1 - Il codice Da Vinci di Dan Brown.
Non lo leggerò forse nemmeno mai e non per quello che è stato detto. Giudizi  che vanno dal meraviglioso al pessimo non mi spaventano di certo. Mi irritano molto di più certe discussioni infinite. Da una parte i sostenitori che gridano Leggilo!
Dall'altra i detrattori che sbraitano Non leggerlo! E' blasfemo!
A me, queste discussioni sanno tanto di un battage pubblicitario creato ad hoc per vendere un libro che diversamente passerebbe inosservato o quasi.  Cosa c'è di meglio quindi di un battere e ribattere così?
Tanto è vero che mi pare le vendite del libro in questione siano state eccezionali.
Beh... per puro principio, io non l'ho comprato.

2 - L'uomo senza qualità di Robert Musil.
E' un titolo che mi ha sempre incuriosito. Non mi ha nemmeno spaventato la corposità del volume (parlano di oltre 1500 pagine). Penso però di non essere nello stato d'animo giusto.  E forse non ne ho nemmeno le basi giuste.
Leggendo qua e là, mi pare di aver capito che contiene varie riflessioni filosofiche o simili. Non credo quindi che sia il momento adatto. Non ancora almeno.

3 - Guerra e pace di Leone Tolstoij
Altra grande curiosità che prima o poi riuscirò a togliermi. Adoro i classici e sebbene non ami gli scrittori russi, dopo aver letto Anna Karenina ed aver amato la protagonista, sofferto con lei, pianto per lei, penso che il prossimo libro di Tolstoij sarà proprio questo. Non so ancora quando perchè la mia pila di libri in attesa è alta, però... Ci fossero solo meno patronimici! :)

4 - I miserabili di Victor Hugo
Ricordi scolastici ormai molto lontani mi hanno riportato alla mente le sensazioni che provai quando lo studiammo (poco) a scuola. Ricordo che me lo immaginavo come un romanzo tutto sommato attuale nel trattare il malcontento generale. Non so quanto giusta possa essere questo mia affermazione non avendolo mai letto ma so che questa era la mia idea all'epoca.
E' un grande classico comunque e quando riuscirò a leggerlo vedrò se confermare l'idea che mi ero fatta allora o se ribaltarla completamente.

5 Lolita di Nabokov
Dopo aver letto il libro di Nafisi, Leggere Lolita a Teheran, la mia curiosità riguardo a questo titolo è cresciuta notevolmente.
Sarà che la protagonista di Nafisi, una docente universitaria che insegna letteratura anglosassone, ne parla in maniera eccelsa.
Il suo modo di spiegare la trama e i rapporti tra Lolita e il suo amante, rapporti che stanno tra la pedofilia e l'incesto, paiono un viaggio doloroso nella psiche dei protagonisti. Sono uno scavo profondo nell'intimità fino a far capire che il ruolo vittima e carnefice non è sempre così semplice da definire.
Altro libro nella lista dei desideri... ma il mio gruzzolino non cresce come vorrei.....

Myrtilla

20 commenti:

  1. Tifo Guerra e pace! ^_^ Meraviglioso!
    Ti elenco cinque libri, non letti e che leggerò, che in questo momento mi vengono in mente
    - Le braci, S. Márai
    - Tetralogia de Il mare della fertilità, Yukio Mishima
    - Delitto e castigo, Dostoevskij
    - Trilogia della frontiera, McCarthy
    - Vita e destino, Vassilij Grossman

    Che fatica sceglierne soltanto cinque! XD

    RispondiElimina
  2. Ciao Glò.
    Di S. Marai qualcuno mi ha già parlato ma sinceramente non ricordo chi. Non ricordo nemmeno se la discussione verteva intorno a questo titolo.
    Della Trilogia della Frontiera posso dirti che mi ha incantato. La vita che scorre, la vita che insegna, che va vissuta giorno per giorno.... gli ambienti spaziosi delle pianure, scomodi ma stupendi delle montagne... il contatto continuo con la natura.
    E in mezzo a tutto questo gli uomini coi loro pregi e difetti, le loro storie....continuerò sempre a ringraziare Ferruccio Gianola che ne aveva parlato sul suo blog. Bene ho fatto a dargli retta.

    Delitto e castigo... non credo che lo leggerò. Trovo molto pa***si ii russi in generale. Fedor poi mi pare ancora più tosto. Beh, no! Forse c'è Pasternak...

    Difficile sì, sceglierne solo cinque....la mia pila è bells alta e in programma ci sono altri acquisti... osignur!!!!!! :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che ho letto I fratelli Karamazov pochi mesi fa e ne sono rimasta folgorata *__* Pensavo sarebbe stata una lettura ardua, da come se ne parla in genere. Non è stato così. Ovviamente è un romanzo impegnativo, ma sorprendente!
      Quindi... i russi sì, talvolta pallosi, ma tanto fa la nostra predisposizione iniziale e il momento ;)

      Elimina
    2. Indubbiamente sì, Glò.
      Perchè io dico sempre che è il libro che mi chiama? Sembra folle però se è il momento buono leggo anche Clarissa di Richardson, un epistolario in 3 volumi da 1000 pagine ognuno. Era andato alla grande perchè era il momento giusto per leggerlo. Ero nello spirito giusto.
      Le letture forzate... pesano anzichè divertire e insegnare.

      Elimina
    3. Non posso che approvare la scelte de Le braci :)

      Elimina
    4. Ok,... Le braci in elenco....

      Elimina
  3. Esagerata!!! Ci sono perle rare nella rosa dei tuoi cinque libri da non leggere secondo te.
    Anche solo quel Codice Da Vinci sotto l'ombrellone è fantastico (giusto come lettura di evasione, quindi). Poi un classico struggente come I miserabili...
    Però, però ti capisco. Come recita uno dei punti del decalogo di Pennac, si ha anche diritto a non leggere!!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma cosa mi dici maiiiiii, Luz!!!! :)))
      Forse non mi sono spiegata bene.
      Solo il primo non ho letto e non ho intenzione di leggere.
      Per il momento, come lettura di evasione ho in casa alcuni libri di giallisti italiani e sono perfetti! A Brown ci penserò col tempo. Ora no.
      Per gli altri, sono in lista desideri ma aspetto il momento giusto Penso che ad esempio con I Miserabili o Musil serva proprio il momento giusto.
      Magari in inverno per scaldare l'ambiente. Ora no... va rinfrescato ahahahahahah

      Elimina
    2. Ho capito quale è il problema. Forse nel titolo bisogna aggiunge un ancora.
      I 5 libri che non ho ancora letto. Neh, che suona meglio? :))))

      Elimina
    3. Aaaahhh... ma il post nel blog che citi era di tutt'altra natura e pensavo che tu avessi citato quei libri con le stesse intenzioni! :-P

      Elimina
    4. Allora ho capito male!!! Sorry! ma il caldo.... :)) l'età nnon c'entra, Mai!!!! ahahah
      Spetta che vado a controllare...

      Elimina
    5. Comunque Saeglopur citando L'insostenibile leggerezza dell'essere dice (la cito)
      "ora che si sono calmate le acque posso riprenderlo finalmente in considerazione."
      Quindi vuol dire che non lo ha ancora letto ma forse......
      Oh, ragazze... tra il caldo, le corse, e notti in bianco o quasi.... firulin firulàn... ho bisogno di ferie!!!! :D) :D)

      Elimina
  4. Musil iniziato e mai finito, forse ero troppo piccola (avevo 16 anni), ma a un certo punto mi sono accorta che non avevo capito nulla e l'ho abbandonato. Il mio professore di Lettere mi disse che nemmeno lui era mai riuscito a terminarlo, quindi mi sono messa il cuore in pace.
    Dan Brown non l'ho mai considerato, non per pregiudizi ma per mancanza d'interesse per quei temi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' quello che mi spaventa un po' Saeglopur. La paura di non comprenderlo. Io non ho mai studiato filosofia, non ho studi classici...non ne ho tanti di studi a dire la verità :))), quindi la mia indecisione a suo riguardo ha basi solide.

      Un romanzo come quello di Brown in estate, per trascorrere qualche ora rilassata, potrebbe andare bene. E' proprio che io sono una emerita testarda e quando c'è tanta pubblicità intorno ad un libro... come dire.... mi dà fastidio... mi mette dubbi

      Elimina
    2. Ah, nemmeno io studi classici. Ho fatto il liceo scientifico (con la fortuna di avere, nel triennio, un Professore di Lettere con la P maiuscola) e ora Ingegneria... Ho delle basi di filosofia ma da quel che mi ricordo il problema era proprio lo stile.

      Elimina
    3. Alla mia epoca, ho studiato da segretaria d'azienda. Che schifo!!!!! Avrei in teoria dovuto fare 5 anni, dopo il terzo, esame e al lavoro. Non ne potevo più! Odiavo la scuola e le materie ma c'era il cosiddeto diploma....
      Alle superiori poi, su tre solo una insegnante di italiano valida. Gli altri due, meglio lasciar perdere....

      Elimina
  5. Fare una cernita e ricavare solo 5 titoli è davvero cosa ardua. Quindi eviterò di spremere le meningi, visto il caldo, e passerò al racconto abbastanza singolare di come ho letto il primo libro da te citato (che poi sarebbe pure il secondo -cronologicamente- della saga di Langdon).

    In sintesi: 2 personaggi abbastanza folli, un viaggio (andata e ritorno, totale 1500 km circa) in una Panda, beveraggi e voglia di prendersela comoda, scambi ogni 2/3 ore circa, uno alla guida l'altro alla lettura e viceversa. Ovviamente non lo abbiamo terminato durante quel viaggio (la finalizzazione c'è stata in un secondo momento e con altre modalità), però è stata un'esperienza da ricordare e raccontare ai posteri :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parli di Dan Brown?
      Non so se lo leggerò... può darsi quando sarà ormai un libro vecchio, datato.
      Penso però di capire perchè la lettura del libro anche se ultimato in seguito ti ha colpito.. :)))

      Io però per ora non lo leggo ancora... sarà che mi manca la compagnia folle e felice?????
      :D)

      Elimina
    2. Può essere :D magari quando ti verrà la voglia, prova a partire prima da "Angeli e demoni", si sa mai :P

      Elimina
    3. Terrò presente il consiglio! Grazie!
      Chiudo e salto in cucina... uff!!!!! Perchè si mangia anche d'estate??????

      Elimina