venerdì 24 luglio 2015

Fastidio

Sono parecchie le cose che mi danno fastidio.
Il razzismo, la cattiveria, il falso perbenismo.... potrei continuare ancora per parecchie righe ma con questo caldo preferisco evitare.
In più voglio parlarvi un altro atteggiamento. Di altre persone.
Sono quelle che mi vogliono cambiare. Gusti, pettinatura, letture, modo di essere.
Non sono perfetta e lo so benissimo! Mai pensato il contrario. Però, non vedo perchè dovrei cambiare i miei gusti letterari o cinematografici o culinari, per fare un semplice esempio, o... che ne so!... imparare a nuotare quando ho il terrore dell'acqua. Quando il solo pensiero di aver qualcosa sulla faccia mi fa mancare il respiro.

Forse non mi piaccio nemmeno in tutto e per tutto ma perchè devo sentirmi dire "ma se cambiassi idea"... " ma se provassi....."
No, grazie! Io non obbligo nessuno a condividere le mie scelte ma pretendo che nei miei confronti ci si comporti alla stessa maniera. Posso capire un consiglio da un esperto ma è quel "se, sottinteso potessi, ti farei cambiare idea" che mi rompe!

Odio il pesce! Non mi piace. Solo l'odore mi fa venir la nausea. Perchè devo sforzarmi a mangiarlo? Tanto non riuscirei a mandarlo giù....
Sarà che diciannove anni fa quando mi operarono di cancro dovetti fare ben 50 seduti da radioterapia e naturalmente mi ustionarono. Ho la pelle molto delicata e soffro di allergie cutanee. Per curare l'ustione mi fecero usare tantissima pomata a base di dermovitamina A a base di olio di fegato di merluzzo. Puzzava una cosa oscena. Tutte le magliette bianche che indossai all'epoca nemmeno lavate a novanta gradi con più conegrina che detersivo a momenti persero l'odore e le buttai tutte.
Da allora però.... se passo davanti al banco del pesce, vado in apnea.

Riguardo ai libri mi posso ritenere "onnivora" nel senso che leggo un  po' di tutto, però è il titolo che mi deve "chiamare". Se non lo fa, se non mi ispira avete del bello da decantarmelo. Non lo leggerò. Per lo meno non fino a quando arriverà il suo momento. Se arriverà. E sottolineo il suo del libro non quello di chi me lo ha caldamente consigliato.
Poi, capita anche che qualcuno mi parli di un libro. Che scatti una scintilla e la curiosità prevalga. Stessi gusti con l'altro lettore, magari.
Di certo, se non sento feeling... spiacente ma non lo leggo. Non in quel momento lì, comunque.

Ma, se riguardo ai libri posso anche avere tra le mani uno di quei tomi corposi, magari un classico definito da molti palloso, e arrivare alla fine con piacere e godimento, per i film le cose sono molto diverse.
Se vado al  cinema voglio vedere "cavolate". Mi spiego.
Niente cine panettoni nè film italiani.
Voglio stare comodamente seduta, un bicchierone di popcorn o marshmallows in una mano e il thè freddo nell'altra, mia figlia accanto e tante gomitate seguite da "ma che caxxata! Esagerato! Questa poi..." e giù risate per le invenzioni folli e irreali.
Non che disdegni film più seri. Ho amato Il cacciatore. Lawrence d'Arabia, The Road o Backbroke Mountain, tanto per dire e non escludo assolutamente di non vederne più. Ora come ora, però, ho estrema necessità di altro e il cinema deve essere svago totale.
Via con le cavolate allora! I guardiani della galassia tratta dai fumetti della Marvel, Jurassic World perchè ci sono tanti miei simili.. i t rex, per intenderci.

Sono malfatta? Può darsi benissimo però le cose imposte mi fanno fare esattamente l'opposto.  Un po' perchè do mano al mio libero arbitrio e voglio decidere da sola cosa fare. Un po' perchè se mi prendete  a pelo contrario divento un istrice.
Myrtilla


21 commenti:

  1. Un antico proverbio dei nativi americani dice più o meno: datemi la forza di sopportare gli altri anche quando hanno l'abitudine di voler camminare con le mie scarpe... Metafora sin troppo chiara ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, quanta saggezza negli antichi!!!!!
      Peccato che la mia sopportazione sia di gran lunga inferiore come quantità... :)))
      Comunque ho notato che questo atteggiamento è molto diffuso. Chi non ha figli, sa come si educano, Chi è zitellona ti dà consigli su come trattare il marito... va beh... forse qui qualcosa ne sa, anche se il marito può essere di un'altra.... :))

      Elimina
  2. Ma tu sei fantastica così!!! Chi mai vorrebbe cambiarti? Forse qualcuno che non ha capito proprio niente della vita, o che comunque pensa che il mondo debba girare sempre in un unico modo... E invece no, ognuno di noi ha libero arbitrio, e non c'è niente di più bello!

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maira, tesoro mio, sei di una dolcezza infinita! : *)
      Ricorda però che nessuno è perfetto. Abbiamo tutti difetti più o meno grandi. L'importante è saperlo e cercare nel limite del possibile di porre rimedio.
      Cambiare se stessi, modo di ragionare, pensare, vestire, leggere solo per adeguarsi agli altri non fa per me.
      Pecora nera sono e resto. Perchè io sono io e non sono uguale ad un'altra persona.
      Lo dico senza cattiveria o superbia. Ritengo proprio che ognuno di noi sia un individuo a sè stante. Che questa differenza sia quella che ci unisce incuriosendoci, facendoci pensare riflettere.....
      sai che noia se fossimo tutti uguali?

      Elimina
  3. perche cambiare ?..mah ..
    a me non piace il tonno ..l'ho mangiato x 23 anni fin che son stata a casa con i miei..tonno con la pasta !! mai solo con pomodoro ..o al limite con un pò di burro ..no!! con tonno!! ne ho un paio di scatole in dispensa ..piace a marito ..ma se lo mangia e fà da solo ...
    altra cosa il THE ...ne ho bevuto litri e litri e litri ...in ospedale ..adesso il solo odore mi ricorda ..l'ospedale ...!!! niente the ..ah adesso non lo posso bere ..interagisce con farmaci ...e vai!!!!
    poi non dimentichiamo libero arbitrio ..ognuno fà ciò più gli piace !!
    buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Tissi. E deve essere così. Si possono limare gli spigoli se troppo aguzzi però poi cambiare drasticamente solo per far piacere ad un altro individuo, no.
      Scontriamoci pure su visioni diverse ma sullo stesso piano. Tu parli e io ascolto. Tu ascolti e io parlo. Poi, se a metà strada ci incontriamo bene. Altrimenti amici come prima ma NIENTE imposizioni.
      Ciao stella

      Elimina
  4. Inutile dire che quando evitiamo qualcosa a priori, anche senza averla provata, si tratta di un meccanismo di autoconservazione e paura di ciò che non si sa. É un pò come la paura della morte: si ha paura perché non si sa cosa c'è dopo. Se si potesse vedere che dopo la morte c'è un altro mondo dove si vive belli e felici ed eterni, forse nessuno avrebbe più paura di essa.

    Non per questo una persona deve cambiare, perché già siamo noi stessi a cambiare. Non ce ne accorgiamo, ma pian piano modifichiamo i nostri modi di pensare e agire. Quando c'è qualcuno che mi dice "A me non piacciono i peperoni" e gli chiedo "li hai mai assaggiati in vita tua?" e risponde "No!", allora capisco che si tratta di una chiusura a priori che non è giustificata, ma ovviamente non si può costringere a cambiare.

    Dovremmo analizzare e capire le nostre paure e le nostre sensazioni di rigetto di qualcosa.
    Son sicuro che se ti preparo un risotto di pesci misti e non ti dico che è pesce,... ti lecchi pure le sopracciglia!! :D
    Aahhaahaahhah

    ciao Patriiiii
    mannaggia a te mannaggia!! :'D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul risotto si può provare... :)))) e magari hai pure ragione. Chissà! Se non sento l'odore....
      Sul fatto che cambiano è normale. Se non cambiassimo giorno per giorno non riusciremmo mai a sopravvivere in un mondo che va troppo veloce. E' la vvita stessa con le sue esperienze, le sue prove che ci fa cambiare.
      E' cambiare perchè lo vogliono gli altri, perchì gli altri te lo impongono che non mi va bene.

      Mannaggia Daniiiiiiiiiiii!!!!! prrrr

      Elimina
  5. Tenere duro sempre, Pat.
    Non ho mai sopportato chi vuole operare modifiche non richieste.
    Non ho mai permesso a nessuno di interferire con i miei gusti, scelte...Non è arroganza o supponenza, e la voce del verbo "essere se stessi"
    Fata C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fata C, ah... io tengo duro! Sono testarda e se mi incaponisco divento peggio.
      Poi, ecco, la presunzione di non imporre le mie scelte agli altri ce l'ho. Di conseguenza ho anche quella di pretendere pari trattamento.
      La voce del verbo ESSERE SE STESSI è adorabile!
      La faccio mia. Ciao!

      Elimina
  6. Se si vuole cambiare deve nascere dentro di noi, nessuno può imporcelo. Quanto ai difetti ne abbiamo tutti, diciamo che sono delle caratteristiche che ci contraddistinguono, diciamo...
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' quello che penso anch'io.
      Poi comunque ci sono cambiamenti e cambiamenti. Se si tratta di un carattere violento o irascibile è un conto. Se invece si tratta di doversi sorbire certi libri o certi film solo per far contento qualcun altro, no....
      I difetti... i difetti sono peculiari di ognuno di noi. Lo stesso difetto in due persone diverse si declina in modo diverso. Più forte o meno, più sfacciato o più sottile....
      E' questo il bello dell'essere umano. La differenza, quella che ci contraddistingue dalle pecore.
      Bacio stella!

      Elimina
  7. Adoro i tuoi racconti veri, di come sei e quando criticandoti ami tutto di te!
    Adoro l'amore per te stessa che sprigioni senza essere narcisista o presuntuosa!
    Fantastica!

    RispondiElimina
  8. Adoro i tuoi racconti veri, di come sei e quando criticandoti ami tutto di te!
    Adoro l'amore per te stessa che sprigioni senza essere narcisista o presuntuosa!
    Fantastica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara!
      Non è che ami tutto di me Tutt'altro però bisogna anche sapersi accettare.
      Ci sono cose a cui c'è rimedio tipo l'altezza. Basta mettere i tacchi :)))
      Altre a cui invece è molto più difficile, tipo l'impulsività. Ma a 54 anni ormai, ci ho fatto l'abitudine e come me anche i miei familiari. A pensarci bene devono aver fatto un callo ormai.. :))))
      Ciao stella!

      Elimina
  9. Nessuno deve imporre agli altri, scelte non condivise e ognuno deve sentirsi sempre se stesso.
    Sereno week end.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti Vincenzo. Si parla, ci si scambia idee però poi ognuno deve essere libero di fare le sue scelte.
      Buon weekend a te!

      Elimina
  10. Io sono veneta e dalle mie parti qualcuno particolarmente selettivo, esigente e poco attratto dal provare qualcosa di nuovo (parlando di cibo) si dice che è un "spinpeghin". Io in fatto di mangiare sono da sempre una "spinpeghina"! Neppure se mi implori ti assaggio qualcosa, se non voglio. Mai assaggiato il vino. So già che non mi piace perchè detesto l'odore.
    E tendo ad essere molto "vivi e lascia vivere" anche con mia figlia. Vuol provare, bene, non vuole, pazienza. Proverà oppure anche no.
    Come te sento anch'io quella profonda sensazione di fastidio quando qualcuno cerca di convincermi a cambiare/provare/leggere. Grazie ascolto la tua posizione, la tua esperienza, poi però faccio quello che voglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora sono spinpeghina anch'io... ahhaahhaah col pesce soprattutto! Ma che ci posso fare se solo l'odore mi fa venire la nausea?
      Tu pensa quandi andiamo a mangiare al All you can eat dei giapponesi.
      I miei due,, marito e figlia, si rimpinzano di sushi. Io? Spachetti di soia, spaghetti di riso, involtini di vario genere, fritture di verdure con tempura... e allora? Non è giusto che ognuno mangi cosa preferisce?
      Mia figlia ha 25 anni e mezzo. che le devo imporre?
      Lunedì prossimo partirà per la sua settimana di ferie.... a Pisa! Le piacciono le città d'arte e i musei? Bene! Devo costringerla ad andare in montagna perchè piace a me? No!
      Ascoltare gli altri è poi solo questione di buona educazione. Discutere civilmente anche. Però da ambo le parti! Io non ti impongo nulla ma tu nemmeno!!!!
      Ciao Anna, Buon pomeriggio e buona settimana.

      PS
      Prova un po' a guardare QUI

      Elimina
    2. Ho guardato, ho letto, mi hai emozionata

      Elimina