sabato 25 luglio 2015

Forse c'è un assassino

Esserci c'è senz'altro perchè una povera donna è morta massacrata da 45 coltellate.
C'è pure un arrestato a quanto pare reo confesso. Sembra sia un uomo di 46 anni, sposato, padre di tre figli, incensurato che aveva bisogno di soldi.
Dicono i giornali che avesse estrema necessità di denaro. Che ci fossero anche enormi debiti. Che per fare soldi e ripagare questi debiti abbia deciso di fare una rapina.
Di certo c'è che da casa sua un coltello è sparito. L'altra certezza è che l'arma non si trova.

Dico pare perchè  prima di tutto non sono un investigatore.
In seconda perchè so soltanto quello che ho letto on line.
In terza perchè a me, questa faccenda della rapina dà un senso di stonato.

Posso accettare il fatto che un rapinatore prenda un coltello prima di entrare in un negozio e farsi consegnare i soldi in cassa.
Mi domando però:
1 perchè di primo mattino quando in cassa c'è poco?
2 tutte quelle coltellate? Perchè?

Alla prima domanda forse si può rispondere dcendo che in quel preciso momento c'era quasi nessuno in giro. Forse...

Alla seconda però non trovo assolutamente risposta.
Al fatto di "avere perso la testa" credo perchè arrivare al punto di tentare una rapina a mano armata, uno che non  ha mai avuto problemi con la legge, che non è un delinquente abituale, vuol dire che qualcosa dentro è scattato. Disperazione! Vergogna! Non so.
Ultime notizie parlano di spese sanitarie folli per curare una bambina gravemente malata ribaltando le voci che parlavano di una dipendenza dal gioco d'azzardo. Tutto ancora da controllare. Ma si sa che la lingua funziona sempre a tutti, soprattutto quando le cose non si sanno... :(

E' il numero folle di coltellate che non mi torna. 45 sono un numero infinito! Non possono "scappare di mano" se uno è sano di mente, se si è presentato in negozio "solo" per una rapina.
45 coltellate indicano una rabbia feroce. Un odio mortale. Una voglia incredibile di distruggere, annichilire, umiliare.
Ma perchè questa voglia così prepotente? Perchè questo desiderio di annientare un essere umano, ridurlo a brandelli in quel modo?
Nascondevamo in città uno psicopatico di tale risma?
E la famiglia? La moglie i tre figli? I colleghi di lavoro? Gli amici? Possibile che nessuno si sia reso conto che qualcosa non andava?

Non so. Continuo a ripetere che non so e che non capisco più questo mondo.
Che a volte nemmeno mi piace più questo mondo.
Troppo  malato e perverso si presenta talvolta. Feroce.

Io mi auguro che col prosieguo delle indagini perchè comunque dovrà essere controllato quello che il reo confesso ha dichiarato, che col processo la verità venga a galla. E che l'eventuale condanna sia esemplare e non tanto per come siamo abituati in Italia.

Niente riporterà Maria Luisa in vita. Il suo sorriso si è spento per sempre. Resteranno solo foto per ricordarlo. Foto e memorie intime.
Ma se giustizia sarà fatta, un piccolissimo sospiro i familiari potranno farlo.
Dimenticare no. Impossibile! Incominciare a soppportare il dolore però sì.


La nuova provincia
                      
Myrtilla

6 commenti:

  1. quanto hai ragionwe!! che poi come è possibile annullare i propri problemi accanendosi su terze persone che poco c'entrano....come sia giusto appropriarsi del pane di altri ... inaudito ....un grande sconcerto .. ,... credo che non vi sia sopportazione per i famigliari per ora sicuramente no... un abbraccio
    giusi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giusi,
      benvenuta intanto e grazie per l'iscrizione.
      non so proprio più cosa dire... ormai se qualcuno ha problemi li riversa sugli altri come se questi altri ne fossero i promotori. Non so, guarda...
      Io però in questo momento penso non solo alla famiglia della vittima ma anche a quella del colpevole se realmente è colpevole.
      Questa donna, questi figli... i genitori se sono ancora in vita....
      Tutti distrutti come i familiari di Maria Luisa...
      Pazzesco!
      Ciao e buon pomerigio!

      Elimina
  2. 45 coltellata sono veramente troppo...
    Ma supponiamo che non sia uno psicopatico, che soltanto sia un uomo disperato per i soldi che pensasse che non voleva una testimonianza della sua rapina e che, quindi, doveva uccidere l'unica persona che potesse accusarlo e che questo uomo non sia un assassino esperto... Del resto preferisco nemmneo pensarci...
    Questo, se fosse accaduto in questo modo, per me non giustificherebbe niente.

    Ciao, buonaserata.
    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carlos, sinceramente non so dirti di più. Adesso le voci corrono e sono tutte diverse Di certo, niente può giustificare una violenza simile.
      E' vero che la vittima era l'unica che potesse accusarlo, però... 45 coltellate... per tanto disperata che una persona possa essere.. non so! due.. tre coltellate ma tutte le altre?
      5 mortali a fegato polmoni e reni. Le altre date per quale motivo?
      Perchè tantyo accanimento? Tanta ferocia?
      Non so proprio cosa dire.....
      Ciao carissimo! Buona serata e buon weekend.

      Elimina
  3. 3-4 coltellate x uccidere...45 per dilaniare,massacrare,annientare tutto anche il ricordo di quella persona...certo però che sono davvero tante, cosa passa x la mente delle persone?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' quello che penso anch'io. 45 coltellato sono per umiliare un individuo, negarne l'esistenza, annullarne completamente non solo il corpo ma anche il ricordo.
      E può essere una rapina? Mah.....

      Elimina