mercoledì 29 luglio 2015

La sfida

L'avevano sfidata! Accettare o no? Un racconto in dieci righe.
A non accettare avrebbe perso un divertimento. In fondo era per quello che scriveva. Divertirsi. Anche per mettersi alla prova, d'accordo. Per dimostrare qualcosa prima di tutto a se stessa poi, agli altri. A quelli che prendevano la sua passione  come un semplice hobby da sfigati. Beh! Se era da sfigati allenare la memoria, costringere la mente a lavorare continuamente...
In fondo la mente va mantenuta vigile, attiva, se non si vuole la sua rovina. Quel decadimento che le faceva paura e che purtroppo conosceva su altri. Quindi leggere, fare i cruciverba, scrivere. Sì! Scrivere! Mettere le dita sulla tastiera e farle correre agli ordini di una voce interiore perentoria. "Accetto!" rispose.
Myrtilla



ps
Questo racconto nasce da una "sfida" (lo dico bonariamente AzzurroCielo) che ho raccolto da un commento di AzzurroCielo  che sul suo blog posta anche racconti veramente belli. Oltre ad altro eh... andate a curiosare e trovate... non ve lo dico! :))
AzzurroCielo mi ha parlato di un suo racconto di 10 righe, con 91 battute per riga, se ho capito bene.
Io nelle dieci righe ci sono stata. Nelle 91 battute no! Veniva scritto troppo piccolo per i miei  quattro occhietti... sì! Ne ho quattro. Perchè? Perchè io posso... ahahahhaahhaahhah

Spero che vada bene lo stesso, AzzurroCielo.
Ciaooooo!
Myrtilla

11 commenti:

  1. che bello !!!! quattro addirittura!!!! Io solo uno ...per ora.....poi ci aggiorniamo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come uno solo? Sei Ciclope? ahahahahahah
      Parli di un solo paio di occhiali? Anch'io, sono proprio gli occhietti che son quattro, due di vetro, le lenti, e due in carne..... chi può può!!!!!
      Spetta che faccio i conti... sono... sono.... 43 anni che lI porto... urca!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      Elimina
  2. ok cara Quattr'occhi ... aspetto di leggere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giusi, il raccontino della sfida di azzurrocielo è nella prima parte del post.
      Poi magari.... chissà che ne vengcano fuori altri...

      Elimina
    2. ecche caspita .... sono dura di comprendonio ... ora ho capito ....

      Elimina
    3. Tranquilla... con questo caldohai voglia!!!! :)

      Elimina
  3. Ma mi piace molto anche questa sfida... non so perché ma il tuo racconto, Patricia lo condivido molto.... Tentata molto tentata... però è meglio che lasci, troppe cose e persone da fare e accudire... sarà per un'altra volta. ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo avevo capito, sai, che le sfide ti piacciono... non so come mai.. ma ne ero convinta... sarò un genio?????? ahahahahhahahaha
      Tieniti pronta per settembre però, eh.....

      Elimina
  4. Ecco il mio
    L'ombra

    Tutto iniziò nel pomeriggio estivo di caldo afoso. Era alla finestra quando in breve tempo scoppiò un temporale. Improvvisamente un fulmine precipitò a terra nel cortile a poca distanza dalla sua finestra.
    Rimase per un attimo stordita da quel lampo fulmineo. Chiuse la finestra, riprese a scrivere al computer il racconto iniziato da tempo. Ma non si sentiva a proprio agio. Sentiva che , seppur nel silenzio della casa, c'era qualcosa che non la faceva stare tranquilla.
    Quando la lampada sul tavolino proiettò sul pavimento la sua ombra …. vide che le ombre erano due, una accanto all'altra, perfettamente identiche ….

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo!!!! Due ombre per una persona... oppure qualcuno giunto a lei tramite il fulmine?
      A piacere credo. Bello davvero! Brava! Lo hai messo sul tuo blog, sì, vero????

      Elimina