venerdì 28 agosto 2015

Cenci


Sono nel locale lavanderia.
Sto cercando di fare un po' di ordine. Sempre a prendere e a buttare di corsa col solito dopo lo sistemo e ora c'è il caos primordiale.
Spostando e risistemando esce uno scatolone di stracci. Vecchie tovaglie e tovaglioli bucherellati e macchiati di frutta. Magliette sbiadite o macchiate di tanti anni fa. Magari della figlia bambina. Lenzuola usurate, buone per i vetri.
Stracci... tanti!
Come pensieri appena pensati e subito accantonati. Altri, logori per l'uso. Troppo pesanti come quei file che il pc non riesce a caricare.
Sembrano stracciati anche loro. Sezionati. Messi da parte. Per la fretta... perché qualcuno chiama.. per stanchezza... rabbia.
Pensieri. Piccole parti di noi che ci fanno ammattire. Ci indispongono. Ci danno l'emicrania. Forti, tosti. Bocconi indigesti. Per questo accantonati come cenci che prima o poi serviranno.
Perchè i pensieri, prima o poi, torneranno.
Myrtilla

16 commenti:

  1. No, no, no ..... pulizia.
    Pulizia dentro e fuori.
    Aspetta che io torni in città .... faccio piazza pulita!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Squitty... lo so che tu sei quella della torre... cosa butto giù?????
      Io sono portata a tenere tutto. Tutto fino a quando mi viene la smania e allora vuoto mezza casa. Immancabilmente poco dopo me ne pento!
      ahhahahahahahahhahahhahha
      Una via di mezzo tra te e me??????? :))))

      Elimina
    2. Patricia, mai una via di mezzo .... bianco o nero ..... sempre!!!

      Elimina
    3. Ma in mezzo c'è anche il grigetto... quello più scuro, quello più chiaro.... quello che tende all'azzurro..... :))))

      Elimina
  2. I pensieri tornano, ma degli stracci che ne facciamo? Forse dovremmo liberarcene, perché quel peso del 'un domani potrebbero servire' è come una zavorra che ci blocca. E magari potrebbero andar via anche alcuni pensieri poco utili.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Efe... gli stracci servono sempre!!!!
      Io sono una che non butta niente..ohimè! Anche perchè quando l'ho fatto poi mi sarebbe servito proprio quel pezzo lì.... quello che ho gettato.
      I pensieri li infilo in valigie, le chiudo col lucchetto e finiscono in soffitta...

      Elimina
  3. sui pensieri non dico nulla, ma sugli stracci , mi piacerebbe conservarli ma ogni trasloco è motivo di grandi "pulizie"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao azzurrocielo.
      I traslochi andrebbero fatti se non altro per eliminare ilsuperfluo che si accumula sempre.
      Il prossimo però lo farò al pensionato per vecchiette rimbabite, tanto già lo sono ora!!! Basta!!!!!!!!!!
      ahahahahahahahahahh

      Elimina
  4. Buttare non serve a nulla ;) Riordinare, magari, sì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io la penso così. E poi, quando si riordina si trovano cose che non si sapeva nemmeno più di avere.. :)))
      Il fatto è che abitanto in campagna tutto serve. Quando vai a lavorare fuori mica ti metti i jeans nuovi? Vanno benissimo quelli vecchi e rattoppati. Per pulire la stufa a legna, lo sportello intendo, quegli stracci che son tutti un buco sono perfetti. Invece di lavarli si gettano....
      E quando il marito ne vuole uno per pulire la motosega? Ci vogliono quei così lì, bucherellati e stracciati....
      ahahahahahahhahah ok, però forse ne ho perfino troppi!!!!!! ahahahahahahah

      Elimina
    2. I miei nonni paterni vivevano in campagna e coltivavano e mio padre lo fa tutt'ora ;) So di che parli!
      Io comunque pratico il riciclo (più o meno creativo XD) assiduamente nella quotidianità, non esiste inquinare e sprecare!

      Elimina
    3. Anch'io riciclo nel possibile.
      Le vaschette del gelato o simili, grande o piccole ma di plastica e col coperchio, sono tutte da parte per il marito che ha sempre bisogno di qualcosa per le viti, i chiodi....
      Ma non solo... :) fantasia!!! Ecco cosa ci vuole!

      Elimina
  5. Una metafora affascinante, Patricia! Vecchi stracci, logori ed inservibili o forse ancora utili per fare pulizia e poi essere gettati via: qualche immagine che torna come un ricordo in sogno... ma perché le cose dovrebbero essere apprezzate in base alla loro utilità? Un pensiero antico possiede il suo fascino profondo ed una bellezza tutta sua: forse dobbiamo imparare a guardarlo per coglierne il mistero e la conoscenza che contiene ed accoglierlo come parte di noi stessi. .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Clara.
      Hai ragione. Un pensiero antico ha un fascino suo. E' un vissuto nostro personale con emozioni che ritornano al ripensarlo.
      E' una parte di noi!
      Ciao e buon weekend

      Elimina
  6. I pensieri tornano sempre. Li puoi accantonare, li puoi nascondere, ma prima o poi saltano fuori.
    E allora, mi domando, ha senso tenerli nascosti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, i pensieri tornano. Paiono solo scomparsi ma sonnecchiano pronti a risvegliarsi quando meo lo desideri.
      Perchè tenerli nascosti? Dipende... a volte fanno troppo male per conviverci regolarmente

      Elimina