mercoledì 19 agosto 2015

Che si può fare in certi momenti

Quando una persona arriva al limite della sopportazione che può fare?
Urlare, spaccare i piatti oppure rifugiarsi nella fantasia.
Lo ammetto... a parte lo spaccare i piatti che per ora non ho ancora fatto (solo una volta ho spiaccicato una pesca contro il muro e vi assicuro che è stato molto rilassante anche se dopo ho dovuto pulire) urlo. Sbraito.
Poi, se posso, vado a fare una passeggiata. La campagna mi rilassa in quei momenti. Cammino. Nessuno o quasi per la strada..nuvole e cinguettii.
In quel momento la mia fantasia vaga. Va a passeggio senza regole nè divieti. Non incontra nessun cartello di ztl o divieto di transito. Niente! Libertà assoluta.
Vaga libera senza catene o guinzaglio.
E' così che a volte nascono le mie storie. Poesie  o racconti che siano.
Vedo una foglia e  mi pare un panorama sconosciuto in cui far muovere i personaggi.
Vedo una nuvola e scopro un volto che mi ricorda qualcosa del passato.
Un filo d'erba e una formica o un bosco con l'oscurità del suo sottobosco invitano a inventare.
Poi, quando torno a casa, carta e penna e le storie prendono vita e diventano indipendenti. Magari prendono una strada diversa da quella che avevo preventivato... un po' perchè quelle parole "stupende" che mi erano venute in mente prima come sono venute se ne sono andate e  non le ricordo più. Un po' perchè a volte mi basta cambiare una sola parola per dare  un senso diverso alla mia storia.
E quando non posso andare a fare due passi?
Esco, mi fumo una sigaretta, vado a vedere le mie galline...... ma sempre con la mente a mille.
L'importante poi è tornare alla realtà quando è sbollita la rabbia.
Myrtilla

12 commenti:

  1. e meno male che ti passa la rabbia altrimenti quelle galline dventano tutti polli alla diavola !!!! mmmm io non fumo ... che dici devo cominciare ??? meglio di no ... meglio una stecca di cioccolato :) baci
    giusi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooooooooooooo!!!!! Le mie gallinelle no!!! Muoiono di vecchiaia... ahahahahahh e saranno le uniche!
      No, non iniziare a fumare, dammi retta. Se ti piace meglio davvero una stecca di cioccolata. Io non ne faccio follie, però.... :(
      Ciao bella! Un bacione!

      Elimina
  2. L'ho sempre detto che i tuoi racconti rivelano un'acuta capacità di osservazione dell'ambiente circostante :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ivano. Tu poi sei uno dei miei fan più fedeli.... :))))))

      Elimina
  3. Io quando attraverso "certi momenti" divento una furia quindi è meglio che mi allontani dagli altri, devo stare da solo. Poi con calma elaboro, con calma. In merito alla nascita delle tue storie, devo dire che il romanzo che spero uscirà presto, è nato anche per me dall'elaborazione di una rabbia inizialmente incontenibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io... bomba atomica!!!!! mica er altro avevo tirato la pesca contro il muro.... :)))
      Diciamo che mi sbollisce inn fretta però in quel momento sono esplosiva.
      Bisognerebbe saper gestire meglio la rabbia anche se ci sono momenti in cui si scoppia per forza di cose. La valvola del troppo pieno non funziona più....

      E' vero anche quello che dici tu. E' proprio analizzando questa rabbia che possono nascere scritti o dipinti di una certa importanza. Una sorta di psicoterapia personalissima. Ognuno solo con se stesso a pensare e rimuginare per capire.

      Elimina
    2. E' così, non saremo mica mezzi matti Patricia? Ora mi metto il tuo blog nel blogroll, non ti dico che giri devo fare per trovarti ogni volta. (entro da ivano... clicco il tuo blog... esco da ivano...hehehe un casino)

      Elimina
    3. Io in certi momenti lo sembro... :))) ma non sono matta! Giuro! Chiedi al mio amico immaginario... :)))))
      Grazie! Anch'io ho messo il tuo blog tra i preferiti....
      Ciaooooo

      Elimina
  4. anche a me capita che delle storie , delle frasi se non le fisso sul quaderno in quel preciso momento, poi le dimentico e le storie prendono , come dici tu , altre strade...
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Memoria..... materiale sconosciuto!!! :)))
      Ciao stella!

      Elimina
  5. Solidarietà! Io urlo ... pure tanto.
    Ma non è grave, vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finchè qualcuno non chiama il 118 direi di no.... ahhahahaahhahaahh

      E caspita! A volte finisce la pazienza.... è lei la santa,mica io! :))

      Elimina