mercoledì 23 settembre 2015

Per Glò

Secondo post oggi.
Ma l'omaggio a Neruda che ho postato aĺle 8 era programmato da tempo.
Poi, chiacchierando....

Qualche giorno fa, nel post  http://hermioneat.blogspot.it/2015/09/autobiobibliografia.html Glò mi aveva detto "che invidia per la tua Divina Commedia illustrata da Dorè!".

Bene! Se mi perdonate le foto brutte, ma tanto ormai lo sapete che sono una fotografa imbranata, ve lo mostro.

Prima però una piccola storia di questo volume.
Mio papà da ragazzino aveva lavorato presso dei parenti che avevano un mobilificio. Un giorno, avevano portato mobili nuovi in una casa della Asti bene i cui proprietari o gli eredi, non ricordo con precisione, si stavano disfando di tutto quello che era considerato vecchiume.
Tra questo vecchiume mio padre aveva trovato il volume di Dante e l'Eneide. L'Eneide era malmesso e soprattutto era una edizione da spendere poco, copertina leggera, mancava il dorso eccetera eccetera.
Ce l'ho ancora ma è in pessime condizioni.
La Divina Commedia invece era rilegata in pelle (?) rossa, copertina rigida, un volume formato enorme (24x35x 4) ed era in buone condizioni.
Pur avendo solo la terza elementare gli sembrava un delitto buttare quei due libri e così se li era portati a casa. Tanto nessuno li voleva e sarebbero finito nel falò coi mobili vecchi e altri libri.

Venne stato ristampato il 30 maggio  1958 dalla Casa Editrice Sonzogno - Milano.
Ci sono tutte le note di Eugenio Camerini a fondo pagina e soprattutto ci sono le illustazioni in bianco e nero di Gustavo Dorè, pittore, incisore, illustratore, disegnatore e litografo francese del 1832.

Io sinceramente non so se questo volume ha valore o meno. So che per me ne ha molto  a livello affettivo e che lo tengo prezioso. Poi.....

LA COPERTINA
















LA PARTE INTERNA                                                                                                






































ALCUNE TAVOLE










Che ve ne pare?
Myrtilla

16 commenti:

  1. Su ebay è in vendita a vari prezzi, dai 38 ai 250 euro. Dipende dall'anno di edizione e dallo stato di conservazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma va???? Nonn mi era venuto in mente di cercarlo su ebay...
      L'edizione è del 1958 ed è in buone condizioni. Leggermente consunta sui bordi la copertina, però.... per il resto è integra.
      Non è che voglia venderla. Disfarmi dei libri..... nooooooo!

      Elimina
    2. Allora è l'edizione più recente. La prima è dell'Ottocento.

      Elimina
    3. Mi hai messo un dubbio..non scappare!
      Sì 1958

      Elimina
  2. ahhahahahahaha Ivano Landi non si perde in chiacchiere!
    Potresti avere una ricchezza tra le mani e non lo sai??
    Certo che lo sai!!!! Un ricordo prezioso...
    E le immagini sembrano davvero belle. Ignorante che sono, chi è il vecchio sulla barca, Caronte?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, Pinkg, Caron Dimonio con gli occhi di bragia... :))
      Venderlo? No! Non ci penso nemmeno!
      Mi avesse almenno permesso di trasferirmi vita natural durante ai Caraibi...beh.. ci avrei fatto un pensierino ma così mi tengo il ricordo!!! :))

      Ivano uomo d'affari è! :P)

      Elimina
  3. *__* Pat, grazie di cuore!!!
    A vedere, mi pare in buono stato, e comunque anche io non la venderei mai! Però, che storie i libri a volte! :O E il valore affettivo, soprattutto in casi simili, penso superi nettamente quello economico (potenziale).
    Le illustrazioni di Doré sono bellissime, hai un vero tesoro a mio avviso!
    Grazie grazie grazie ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma rego Glò. Niente di che... s olo due foto bruttine... :)))
      Sì, il valore affettivo è più alto di tutto quanto il resto.
      Venderlo no... come ho detto a Pinkg tanto non mi manterrebbe ai Caraibi,:)

      Io direi che in buono stato lo è. Le pagine ci sono tutte e non sono strappate o macchiate. C'è il bordo della copertina rigida che è un po' consumato, però... tutto sommato la sua bella figura la fa ancora!

      Le storie... a volte la realtà ha apiù fantasia della fantasia stessa ahahahah
      Bacione!

      Elimina
    2. Ma prego... però manca una p... :((((

      Elimina
    3. Le p sono notoriamente indisciplinate :P

      Fa bellissima figura, eccome *__* Qualche anno fa, la cugina lettrice, in vacanza nella Francia meridionale, ha scovato e mi ha regalato una versione (in francese) della Commedia stampata nel 1926: pagine ingiallite, alcune non tagliate, e, in questo caso, odore di antico, ottimo *__*

      Elimina
    4. Hai ragione Glò... mìnon è mai colpa nostra. Sempre di qualcun altro :)))

      Ecco.. forse quella ha anora più valore. A qusi cento anni!!!
      Pagine non tagliate dici quindi... mai sfogliata!

      Elimina
  4. Bellissima :)))
    Che invidia!!!
    Da sfogliare con mani delicate.
    Grazie per avercela mostrata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora sì, Anna Maria.
      Nei tempi passati invece la sfogliavo eccome ma non proprio delicatamente ... ops!!!

      Elimina
  5. Santo cielo che emozione ... incredibilmente meravigliosa .......cominciai ad amarla da bambina la Divina Commedia e sopratutto L'Inferno... il vecchio maestro ce la leggeva ed io per fargli un regalo all'esame di quinta.... recitai Caronte ....beh ero la sua cocca ....
    l'hai conservata benissimo ... non li dimostra ... tutti quegli anni .... un sbbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusi, vuoi la verità? Mai letto il paradiso.
      Inferno e purgatorio invece sì.. più.. stuzzicanti ahahahhahah
      Caronte, Ulisse, il conte Ugolino... personaggi indimenticabili!
      I versi... beh.. che dire? Non credo si posso dire qualcosa di più che meravigliosi!

      Elimina
  6. Ma che storia!!!!! Ci credo che ti tieni il volume.
    Mi piaceva la Divina Commedia.
    Ricordo poco, sono sincera, sono passati tanti anni dalla fine del liceo, tante volte ho pensato di rileggerla, però .....

    RispondiElimina