sabato 5 settembre 2015

Quando il tempo muore


Dove va il tempo, quando muore? Quando diventa tempo trascorso? Quando si allontana da noi?
Ha un suo paradiso speciale? Percorrerà un lungo viaggio per arrivare nel suo eden, là, in fondo al cielo, su quella stella che ancora non c'è? Quella stella che non è Oggi e non sarà Domani. Che non è stata neppure Ieri.
A me, piace pensare che sia ai piedi di quell'arcobaleno famoso, quello dei folletti.
Piace pensare che il loro tesoro, che la loro pentola piena di monete d'oro, contenga il tempo che è stato. Il vissuto di tutti noi. Le esperienze, le gioie, i dolori. I nostri respiri. I palpiti d'amore e le lacrime di gioia e dolore.
Ecco! Forse il tesoro più grande è proprio quello. Un luogo magico dove il tempo si riposa in attesa che noi lo cerchiamo. Che lo riscopriamo.
Myrtilla

18 commenti:

  1. Io ho una visione "circolare" del tempo. Tutto, magari sotto altre forme, si ripropone. Per il resto, bellissimi pensieri, brava Patricia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' ben possibile, Massimiliano.
      Io credo che niente vada perso in questo universo. Se non ora, tra millenni o più, ritroveremo ciò che ora abbiamo accantonato o smarrito.
      Ciaoooooo! :*)

      Elimina
  2. In realtà il tempo come noi lo concepiamo manco esiste. E' una quarta dimensione dello spazio che getta come sua ombra la terza dimensione, quella in cui sembriamo muoverci noi.

    RispondiElimina
  3. Ivanoooooo....... ma così mi distruggi il romanticismo!!!!! :P)
    ahhahahahahahahaahhah

    RispondiElimina
  4. Oh, ci ho basato il blog su questo argomento :D
    Il tempo è sempre lì da qualche parte, e bisogna cristallizzarlo prima che ci sfugga dalla memoria^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Miki, vero!
      Bisogna fermarlo con foto parole ricordi.. ma qualcosa può sempre sfuggire e se ne sapessimo dove va a finire... :))))) potremmo recuperarlo!

      Elimina
    2. Purtroppo ho constatato che più andiamo avanti con gli anni, più l'unico posto dove il tempo va (la memoria) fa cilecca... esisteranno altri modi??^^

      Moz-

      Elimina
    3. Per te passano gli anni??????????????? E io cosa dovrei dire????
      La memo... memo che???????
      ahahahhahaahh

      Altri modi certo. Scrivere. Scrivere tutto. Comperare il latte. Pettinarsi. Preparare pranzo... l'importante poi è ricordarsi dove abbiamo messo il biglietto!!!! :))))

      Elimina
  5. Quando il tempo muore, va al passato, ...va al passato.

    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carlos.
      Dici che torna indietro? Che implode come una stella alla fine della sua vita?

      Elimina
  6. il tempo lo racchiudiamo dentro.
    poi ci sono le foto, gli sms, le lettere, che sono cose che cercano di intrappolarlo con escamotage più o meno credibili

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patalice,
      mi hanno risposto su g+ che il tempo non muore perchè non esiste.
      Vero anche questo. E' una unità di misura inventata per comodità nostra. Sai che casino ci sarebbe se non non potessimo regolarci sul suo scorrere....

      Io però parlavo del tempo in senso lato, Il tempo trascorso, il nostro vissuto... ed è quello che dici tu. E' un insieme di lettere, messaggi, sms, ricordi che ci fanno pensare a quello che abbiamo visto, fatto, voluto o odiato.
      Siamo noi il nostro tempo, con tutti gli oggetti e i pensieri che abbiamo in casa e nel cuore.
      Bacio!

      Elimina
  7. Bellissima immagine questa. Sai che non ci avevo mai pensato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Squitty.
      Secondo te dove va a finire? Credo che ognuno di noi abbia il suo posto prediletto.
      Il paradiso, la nuvola l'arcobaleno, il cuore l'anima....

      Elimina
    2. Non riesco proprio ad immaginare questo posto..... non lo so, ci devo pensare

      Elimina
    3. Ognuno di noi ha il suo posto preferito. Il mio.. è ai piedi dell'arcobaleno... irraggiungibile!

      Elimina
  8. Questa strana convenzione che abbiamo inventato è un inganno. Un'invenzione sbagliata che ci fa pensare in modo distorto, anche poco naturale. Un'abbaglio che ne ha portati altri a catena...il futuro? il passato?
    Mi ritrovo spesso a parlare e ragionare di tempo, poi guardo il cielo stellato e rido....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eppure ci vuole anche un inganno come il tempo. Serve per darci dei punti di riferimento.
      Senza di essi ci perderemmo per strada....
      SE però guardi il cielo stellato... un prato fiorito... un albero pieno di frutta matura... un formicaio brulicante di vita.. del tempo, del passato, del presente ci si dimentica

      Elimina