martedì 6 ottobre 2015

Leggere


Riallacciandomi al post di Massimiliano Riccardi       QUESTO  mi sono chiesta cosa significa leggere per me.
Ragazzi! Quante risposte sono venute fuori!

Divertimento: oltre ai libri umoristici in ognuno degli altri ci può essere qualche battuta o frase divertente che può strappare almeno un sorriso.

Relax: cosa c'è di meglio, di più caldo in inverno e fresco d'estate di un buon libro che ci appassioni? Un tè caldo o una bibita fresca, il divano e la coperta o una sedia in cortile. Differenze, zero. 
E che tolga stanchezza e pensieri senza danneggiarci?

Passione: vedi sopra.

Amore: un amore eterno che ci fa attendere con ansia quei minuti liberi per dedicarsi alla nostra passione. Il piacere di sfogliare il libro, di perdersi nelle parole. Il suo peso, profumo....

Curiosità: attraverso un libro si possono scoprire mille cose diverse: modi di vivere, di comportamento, scuole di pensiero, abitudini, tradizioni, aneddoti che altrimenti andrebbero persi oltre a nozioni varie. E tutto questo può aiutarci a conoscere meglio noi stessi, in una crescita personale continua.

Scoperta: vedi sopra.

Cultura: leggere ci mette di fronte a parole nuove, nozioni di mitologia piuttosto che di storia o astronomia o politiche. Leggere insegna, istruisce senza essere pedante.
Che sia uno stile di scrittura o altro. Ci mostra anche i nostri gusti personali affinandoli nel tempo.

Vita e cronaca: tanti romanzi  ricalcano la vita reale, che ci piaccia o no. Ad esempio libri che parlano di mafia o delle condizioni di vita delle donne nel mondo arabo. O anche malattia, guarigione, psiche

Un bel paio di occhiali che ci permette di vedere un mondo che non è nostro ma potrebbe esserlo o diventarlo. Panorami mozzafiato o desertici. Polo Sud e pinguini o anche soltanto la via accanto alla nostra.

Immaginario: perché ci fa vedere oltre il labile muro delle parole. Lo sgretola poco per volta e alla fine lo abbatte facendoci crescere la curiosità e cercare altri titoli sull'argomento o dello stesso autore.

Sogno: perché ci dà la possibilità di vivere avventure sempre diverse, di immedesimarsi con persone che non conosciamo ma che magari ci piacerebbe essere o avere al fianco.

Avventura e immedesimazione: vedi sopra. E comunque sempre nel bene e nel male. Che sia il dolore del protagonista o la sua gioia finale. Saremo con lui se ci ha conquistati.

Viaggio: perché leggere è un viaggio infinito che ci porta ovunque. In luoghi dove non penseremmo mai di andare o in altri che resteranno sempre un ipotetico spostamento futuro. O forse, no! Intanto però con la fantasia ci spostiamo senza muoverci.

Un amplificatore: perché rende più ampia la nostra percezione del mondo intorno e di conseguenza di noi stessi. Perchè la nostra capacità di percezione delle cose, dei sentimenti, stati d'animo, problemi, gioie diventa più profondo e ci permette di viverli.

Cibo  nutrimento per la cultura, la mente la fantasia.... e io odio le diete!

Leggere però è un percorso difficile. Avvicinarsi alla lettura può essere complicato per chi non trova in casa libri e lettori coi quali discutere fino a incuriosirsi e poi scegliere
Trovare quindi prima genitori e poi insegnanti e amici coi quali dialogare di libri scambiandosi pareri. Discuterne, sfogliarli insieme... bei momenti! Senza imposizioni però.

Già! Leggere è un percorso difficile anche quando un titolo viene imposto. Io odio il “devi assolutamente leggerlo!”.
No! Ognuno di noi ha il suo percorso personale di lettura. Può iniziare con sciocchezze smielate o libri da bambini. O coi fumetti. Col tempo prenderà la strada che più gli si confà e la fame di libri lo porterà ad assaggiare generi e autori diversi.
Ma deve essere una scelta libera. Il libro imposto porta il disamore per la lettura.

E quel libro imposto, se è veramente adatto a me, me lo farà sapere al momento giusto, quando sarò pronta a leggerlo. Quando ci arriverò passo dopo passo incuriosita e affascinata da chi lo ha letto e ne parla. O anche solo perché nella seconda di copertina o in una pagina aperta a casa qualcosa mi ha colpito nel profondo.

E voi che mi dite?
Ho dimenticato qualcosa? Oppure ho esagerato in senso contrario?
In parole povere, cosa è per voi la lettura?

Myrtilla

20 commenti:

  1. Ciao Myrtilla,ti lascio un pensiero letto da qualche parte:
    Il lettore vive mille vite,chi non legge mai solo la sua.
    Ciao,fulvio (appassionato lettore)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fulvio.
      Grazie per la frase, Veramente giusta e sacrosanta.
      A presto!

      Elimina
  2. Condivido tutte te tue motivazioni, sono anche le mie. Leggere è assolutamente vitale. Inimmaginabile un mondo senza storie!!
    Baci Patry <3 <3 <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pinkg graazie infinite.
      Ho dimenticato ancora una cosa e adesso l'aggiungo al post.
      Leggere è cibo, nutrimento per la cultura, la mente la fantasia.... e io odio le diete!
      Inimmaginabile sì un mondo senza storie. Avremmo perso troppo passato e perderemmo il presente in un futuro
      Bacione!

      Elimina
  3. Per me è Istinto, nel senso che se leggo la prima pagina di una qualsiasi opera di qualsiasi genere e non mi prende, non mi prenderà mai più :((, forse dopo un lungo lungo lasso di tempo, quando sarò cambiata e sarà mutato anche l'Istinto del mio cercare... ma in linea di massima, ho diversi libri comprati e rimasti in giacenza perenne :((... Ogni tanto ci riprovo... Chissà che prima o poi... Suppongo che ci sia un incastro tra la mia sete di immaginare e quello che in realtà il libro offre :))

    Ciao Patty! Bacio grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Regina, io d'istinto commpro la maggior parte dei libri. Pochi col passaparola. Delusioni? Nell'ordine del 5%? Forse non di più.
      Dico sempre che il libro mi chiama, mi sceglie :)))
      Poi ci sono momenti che un libro non di ispira perchè ho necessità di leggere qualcosa di più... frivolo? meno impegnato? Ma la lettura è solo rimandata al momento giusto.
      Un bacione!

      Elimina
  4. Vero, leggere riesce a dare tutte queste sensazioni.
    Per me leggere è una cosa naturale, infatti mi risulta sempre strano quando vedo gente che ne parla come se fosse un atto assurdo o extra.
    In casa mia circolano, da sempre, libri, fumetti e riviste... sarà per questo che lo considero un atto normalissimo (come mangiare o vedere la tv) ma che in effetti ti rende tutte quelle emozioni che citi^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Miki, anche casa nostra è così. Sarà per quello che la figlia legge? Perchè insieme abbiamo letto molto? Letto e interpretato i personaggi durante la lettura quando era bambina? Non so! Però non toglietemi i libri!
      Bacio!

      Elimina
  5. Non hai dimenticato proprio nulla, anzi. Io aggiungerei che "estende" l'esperienza della vita perché fa "vivere" situazioni (sia pure immaginarie) che non avremmo provato e dal punto di vista di un altro (lo scrittore), quindi entriamo in un'altra mente. Praticamente una reincarnazione in vita ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E mi piace molto l'idea Ariano.
      Una sorta di reincarnazione in vita. Sì! Decisamente. Non solo viviamo esperienze altrui ma le vediamo e viviamo in maniera non dipendente dalla nostra volontà essendo nelle "mani" dello scrittore.
      Grazie! Ottima aggiunta!

      Elimina
  6. Potrei risponderti, in questo momento che sto leggendo "I Borgia" di Dumas, che leggere è una vera palla al piede, ma poi con il prossimo libro sicuramente cambio idea ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche quello può essere vero, Ivano.
      Ci sono libri che son mattoni. Tutto sta a vedere se quando si è giunti al termine questi mattoni lasciano qualcosa dentro o fanno solo uscire un sospiro di sollievo :)))

      Elimina
  7. Patricia, ma che bello, hai fatto un lavorone. Grazie per la menzione. Per me valgono tutti i significati che hai scelto, dovessi sceglierne uno direi "passione".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Max, figurati! Era dovesoso. In fondo l'idea me la data tu... :))
      Per me è un mix di tutto. A volte prevale la passione, altre l'interesse, altre ancora la curiosità...

      Elimina
  8. Coinvolgimento, immedesimazione: io non leggo i libri, io li mangio.... ahahah Carino Patricia ;-)

    RispondiElimina
  9. infatti la lettura è cibo per l'anima

    RispondiElimina
  10. Per me leggere e' essere affamati senza saziarsi mai:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Golosona!!!!! :))
      Comunque questo è un divorare che a solo bene alla salute!

      Elimina