giovedì 29 ottobre 2015

Quindici giorni fa

Quindici giorni fa... eh, sì! Son già passati quindici giorni da  quel maledetto  15 ottobre! Che tristezza!

A quest'ora stavo ancora aspettando il veterinario per Pippo. Un'ora dopo circa non ci sarebbe più stato.
Eppure è ancora qui!
A volte guardo in cortile e mi pare di vederlo camminare a fianco di Papaya, come se la volesse proteggere. O se le volesse insegnare qualcosa di noi.
Ieri ad esempio sono corsa fuori perchè ho visto la sua grande ombra scura passare davanti alla porta finestra. Papaya era coricata sulla sua coperta e lui ovviamente non c'era però...  però la sua presenza è forte!

Nel suo cortile continua a passeggiare come se non volesse lasciarci. 14 anni insieme però sono veramente tanti! L'amore che ci ha regalato, le corse, i giochi che abbiamo fatto insieme, le cure che gli abbiamo prestato negli ultimi tre anni ci hanno unito in maniera indissolubile.

Papaya è bellissima, affettuosa, cara! E' la mia gioia!
Ma quel musone scuro, quegli occhi marroni lacrimevoli, quello sguardo adorante mi mancano da morire.
Anche se lo stesso sguardo lo ritrovo nella piccolina. Stessi occhi marroni, stesso sguardo languido quando ti siedi in cortile.. oso dire già lo stesso amore.

Poi, lei è piena di vita. Ha voglia di correre, saltare. Quando esci ti porta la sua palla... oppure morde nella coperta rossa e corre via, orecchie sventolanti, e poi si ferma e aspetta che tu cerchi di prendergliela per poter scappare.

Qualcuno in un commento mi aveva scritto che è stato Pippo a portarci da lei quando siamo andati al canile. Sì! Ne sono convinta anch'io!
In lei ritrovo tanto del mio Pippone.
E' come se lui avesse scelto per noi il cane più adatto.
Anche se mi sta distruggendo i semprevivi e me  li semina sul cemento... lo faceva anche lui quando era giovane.
Anche se abbaia quando qualcuno passa sulla strada, proprio come lui.
Anche se.. beh! E' inutile che vi faccia un elenco lunghissimo. Chi ha animali sa di cosa parlo.

Spero solo che Pippo ora sia felice e sereno e sano e che Papaya resti con noi a lungo quanto lui e anche di più.

Grazie Pippo di tutto quello che ci hai dato!
Grazie dell'ultimo regalo che ci hai fatto. E' stupenda, Papaya!
Myrtilla

16 commenti:

  1. Cara Patricia, lo so che non è facile rassegnarsi ma non dimenticare che Pippo perte ce sempre.
    Ciao e buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso. Rassegnarsi non è facile ma poco per volta ci si riuscirà. Il non vederlo più soffrire è già una cosa che in parte consola.
      Ciao carissimo. Un bacione!

      Elimina
  2. :')
    Post stupendo. Nostalgico ma comunque "sorridente"

    Maira

    RispondiElimina
  3. Dicono che solo chi ha animali può comprendere il dolore nel perdere un amico fidato, ma credo che leggendo questo post lo comprenderebbe anche chi non ne ha mai avuti. Struggente quando hai pensato di veder passare la sua ombra davanti la porta finestra.
    Un forte abbraccio a te e una carezza a Papaya

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai, Anna, io sul buonsenso di certe persone nonci conterei molto.
      Mi hanno detto che abbiamo sprecato dei soldi a farlo sopprimere. Che bastava lasciarlo stare e sarebbe morto da solo.
      La risposta che gli ho dato la risparmio a te e agli altri lettori ma penso che possiate immaginarla.
      Papaya... sì, mi dà tanto lavoro e tanta gioia!
      Bacio!

      Elimina
  4. Ciao Patricia, non sapevo della perdita del vostro Pippo... mi dispiace tanto e so bene cosa provate, purtroppo.
    Ma vedo che Papaya sta già consolandovi, amorina bella lei.
    Un abbraccio forte.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dani, purtroppo a volte bisogna anche prendere quelle decisioni odiose. Il veterinario quando lo ha visto è stato categorico. Non poteva più andare avanti così. Si era anche allargato e avevaun respiro strano.
      Che dolore però!
      Papaya è un tesoro! Affettuosa, cara, giocherellona, vivace... tiene un gran posto. E per fortuna che c'è!
      Un bacione!

      Elimina
  5. Anche quando anche io penso al mio Rambo che non c'è più, penso sempre che sia stata una buona cosa quando ripenso a quanto stava male e al fatto che non c'era speranza di cura.
    Quando la sofferenza finisce, è sempre un sollievo.
    E mi fa stare bene pensare che non soffra più.

    Un salutone anche al tuo Pippo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, Daniele! Mancano, è inutile negarlo!
      Anche se Papaya tiene il suo posto, anhe se è affettuosa e vivace, coccolona.. lei è Papaya, non Pippo.
      Sì! Il pensiero che ora non abbia più male, che possa correre e saltare senza problemi è un sollievo ma dover decidere di farlo sopprimere è dura!
      Bacio stella!

      Elimina
  6. Mi immagino Pippo come il vostro caneangelo familiare...e questa immagine mi fa tanta tenerezza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima immagine Fortunata!
      Sì! Lo voglio pensare così! Bacio!

      Elimina
  7. Ciao
    questo post mi ha commosso. Un amico peloso da tantissimo e quando non c'è più mette tanta tristezza e si sente un grande vuoto. Ora Pippo è sul Ponte che gioca con la mia cara Hay Lin. Loro vivranno sempre con noi, nel nostro cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Robby, è vero!
      Ora stanno bene di salute, non hanno più necessità alcuna e giocano gioano giocano.
      Sono convinta che si terranno ottima compagnia.
      Bacio cara!

      Elimina
    2. Uno dei post migliori visti la settimana scorsa.
      http://haylin-robbyroby.blogspot.it/2015/11/top-of-post-02-novembre-2015.html
      Per me Hay Lin veglia guida Will.

      Elimina